Cicoria strascinata
 
Tempo prep.
Tempo cottura
Tempo tot
 
L’arrivo dell’estate per me viene scandito da due cose: passeggiate alla ricerca di asparagi e allegre raccolte di cicoria. Con l’arrivo delle belle giornate, quando ero più giovane si cercava ogni pomeriggio libero per andare in giro nei boschetti e nelle campagne, certo un tempo molto più accessibili di oggi, per raccogliere asparagi e cicoria. In genere ci si divideva in squadre, e tutto diventava facilmente un gioco per noi bambini; gli uomini si avventuravano per la raccolta degli asparagi selvatici, che poi mia nonna avrebbe sapientemente conservato sott’olio nei vasetti, mentre le donne percorrevano i sentieri più aperti, per la raccolta della cicoria. Spesso ci si imbatteva, però, nell’avventura del riconoscimento delle verdure raccolte, chiedendo consiglio alle più esperte, alle quali toccava il compito di identificare questa o quella erbetta. Anche noi bambini cercavamo di riempire il nostro bel cestino, in cui però andava a finire proprio di tutto, comprese margherite o qualche solitaria lumachina. Al rientro si riunivano le raccolte e si procedeva alla pulizia e alla cottura: quello era il momento che mi incuteva anche un po’ di timore, Per questa ricetta, prima di iniziare a mettere le mani in pasta dovrete riprendervi dalla lunga e piacevole passeggiata che avrete fatto nei campi per raccogliere l’ingrediente principale. Ma considerando che sicuramente sarà stato molto piacevole e rilassante, dovrete solo raccogliere le idee e rendervi conto che siete rientrati a casa! Fatto questo potrete deliziarvi a pulire la cicoria raccolta. Raccoglietene sempre qualcuna in più, poiché nella pulizia andrete a scartare le foglie rovinate e le radici, operazione che ne ridurrà il peso.
Autore:
Tipo ricetta: Verdure
Cucina: Italiana
Porzioni: 4
Ingredienti
  • •500 g di cicoria selvatica
  • •1 peperoncino piccante fresco rosso
  • •1 spicchio di aglio
  • • olio extravergine di oliva, sale
Istruzioni
  1. Scartate le foglie esterne rovinate, poi provvedete a separare ogni foglia dalla radice. Sciacquate le foglie più volte sotto l’acqua fredda corrente, poi tenetele anche una mezz’oretta in ammollo in acqua ben fredda e sciacquatele di nuovo. Portate a bollore dell’acqua in una pentola capiente, salate, immergetevi la cicoria lavata e scolata, e fatela scottare per una decina di minuti, quindi scolatela. In una padella fate imbiondire lo spicchio d’aglio tagliato a metà, con un filo d’olio e il peperoncino. Unite la cicoria ben sgocciolata e fatela insaporire per pochi minuti. Regolate di sale e servite.