pregnant-belly-maternal-mother-maternity-160624
Photo by Pixabay on Pexels.com

Nei primi due anni di vita il bambino la cui madre ha seguito durante la gravidanza una dieta mediterranea con olio extra vergine di oliva, noci e pistacchi avrà meno probabilità di ricoveri ospedalieri per bronchiolite, asma o malattie infettive.

Il beneficio di evitare il sovrappeso durante la gravidanza viene trasferito alla prole, poiché i risultati dello studio confermano che l’assunzione della dieta mediterranea, soprattutto nelle donne che hanno un indice di massa corporea inferiore a 25 e un livello normale di tolleranza al glucosio durante la gravidanza, è associata ad una riduzione dei ricoveri ospedalieri dei loro figli fino all’età di due anni.

“Nei figli di madri che hanno avuto una dieta più sana durante la gravidanza basata sulla dieta mediterranea integrata con olio extravergine di oliva e pistacchi o noci, c’è stata una riduzione del 25% dei ricoveri ospedalieri a causa di bronchiolite, asma o malattie infettive”, dice il capo del servizio di Endocrinologia dell’ospedale clinico San Carlos e il ricercatore principale dello studio, Alfonso Calle Pascual.

Il gruppo della Clinica San Carlos aveva precedentemente dimostrato che l’adesione precoce alla dieta mediterranea con un supplemento di olio extravergine di oliva e noci può ridurre il rischio di diabete mellito gestazionale e altre conseguenze negative, oltre a migliorare il profilo metabolico delle donne in post-partum.

E’ ormai dimostrato che esiste una chiara relazione benefica tra il consumo della dieta mediterranea arricchita con olio extravergine di oliva e pistacchi per le donne in gravidanza, che si associa ad un migliore profilo antinfiammatorio, immunomodulante e del microbiota, che induce risultati benefici per la salute dei bambini nei primi due anni di vita.