Is-This-You

Quando siamo nati, avremmo dovuto essere istruiti su noi stessi.

I nostri genitori avrebbero dovuto chiedere  ‘chi sei? “prima che chiedessero,

“Questa è la tua mamma?” O  ‘Questo è tuo padre? 

Avrebbe dovuto dire “sei tu?”  mettendoci  di fronte a uno specchio. 

Quindi quando i nostri corpi sono cresciuti solo un po’, avrebbero dovuto aiutarci a strisciare verso quello specchio ogni giorno.

Siediti di fronte. Parliamo con noi stessi. Andando avanti e avanti.

Quindi camminando verso di esso e lontano da esso.

Salutarsi e salutarsi.

Imparare il nostro nome.

Allora come ci si sente.

Conoscere se stessi prima di ogni altra cosa.

Ci avrebbe aiutato a respingere tutte le persone che non erano giuste per noi.

Avremmo saputo cos’è l’amore  e cos’è l’abuso. 

Cos’è una  famiglia  e cosa è uno  sconosciuto. 

Cos’è la  violenza  e cosa prendersi cura. 

Cos’è la  prigione  e cos’è la  libertà.

Quindi, quando il mondo è spaventoso, confuso e pieno di dolore, ci alziamo  conoscendo  noi stessi.

Non avremmo più bisogno di un’altra persona, per dirci cosa possiamo fare, cosa possiamo diventare e  chi siamo. 

La paura sarebbe diminuita. Il crimine sarebbe quasi scomparso.

Il suicidio non sarebbe mai potuto esistere.

Se solo fossimo cresciuti conoscendo noi stessi.

Forse ci saremmo sentiti interi allora.

La violenza non sarebbe stata inventata.

Danneggiare qualcun altro, non avrebbe potuto essere immaginato.

Forse anche la malattia si sarebbe ridotta.

E il razzismo non sarebbe parte della nostra evoluzione.

Invece ci sarebbero riflessioni.

Gocce delle nostre anime in una forma fisica.

Ma non è mai troppo tardi per conoscerci meglio.

Ultimamente ho imparato molto su chi sono, è iniziato ascoltando di più la mia voce e non criticandola.

Vedere le mie imperfezioni e riconoscerle come se stesse.

Più mi vedevo, più mi sentivo radicato.

Ho iniziato a fidarmi del sapere dietro i miei occhi, ho parlato di più, ho scritto meglio, mi sono connesso più in profondità.

Ho notato quando mi sono stancata e ho smesso di correre.

Mi sono resa conto quando tremavo e lasciavo andare i pesi che avevo portato.

Ho visto un ritmo più lento mentre uscivo fuori dal tempo.

Più lentamente respiri, più ti avvicini al riflesso.

Dopo ogni tipo di perdita, dobbiamo prima recuperare noi stessi, prima di poter recuperare il mondo che abbiamo perso. E Life Reentry è possibile solo se conosciamo la persona allo specchio . 

Con molta riflessione,

Christina

PS. L’intervista di Dear Life in Podcast di questa settimana allo straordinario Dr. Joan Rosenberg e puoi ascoltarla qui.


Christina Rasmussen è la creatrice e fondatrice di The Life Reentry Institute , Second Firsts e Star Letters , e ospite del Dear Life Podcast . Christina è impegnata in una crociata per aiutare milioni di persone a ricostruire, recuperare e rilanciare la propria vita usando il potere delle proprie menti. Il lavoro di Christina è stato presentato su ABC News, NPR, The White House Blog e MariaShriver.com. È l’autore più venduto di Second Firsts: Live, Laugh e Love Again , che è stato tradotto anche in cinese e tedesco e ha appena pubblicato il suo secondo libro Where Did You Gosull’espansione della mente in modi che consentano la co-creazione con le forze dell’universo. Sta anche scrivendo la sua prima opera di narrativa: una storia di fantascienza su una donna in cerca di ricominciare e iniziare una nuova vita. Puoi trovare maggiori informazioni sul suo sito Web e seguirla su FB o Twitter .