the-simple-practice-that-helped-me-overcome-perfectionsim

Anni fa, mi sono quasi esaurita al lavoro. Di solito lavoravo dieci ore al giorno, più i fine settimana. Non riuscivo a dormire bene e in genere passavo il mio weekend a riprendermi dallo stress per eccesso di cibo.

Un giorno sono crollata. Ho visto spesso i miei colleghi lasciare l’ufficio dopo il normale orario di lavoro, mentre facevo gli straordinari su base regolare. Mi biasimavo per essere meno intelligente dei miei coetanei, pensando che il mio cervello non potesse gestire i miei compiti alla stessa velocità. In altre parole, pensavo di essere stupido.

Ho fatto una chiacchierata con il mio manager sul mio carico di lavoro, e questo è stato di trasformazione. Gli ho detto che era troppo difficile da gestire. Non dimenticherò mai le parole di quel manager:

“Sara, apprezzo molto il tuo duro lavoro e sono molto felice di averti nella mia squadra. Tuttavia, voglio che tu sappia che mi aspetto solo che tu gestisca il business quotidiano. Non ti ho mai chiesto la perfezione, ma di farlo abbastanza bene ”.

È stato strabiliante. Per la prima volta, ho capito che “abbastanza bene” non aveva mai fatto parte del mio repertorio. Non riuscivo a definire cosa fosse.

Volevo fare tutto alla perfezione, così nessuno poteva farmi del male o incolparmi nulla della mia prestazione. Ero un overachiever, identificando il mio valore umano attraverso i miei risultati e risultati professionali.

Stavo alzando la barra così in alto che il mio corpo non riusciva più a far fronte alle aspettative che mi ero prefissata . Nessun altro era responsabile della mia situazione, tranne me.

Quindi, ecco cosa ho imparato da quell’esperienza:

  • Il bisogno di perfezione consuma energia e può essere estenuante sia per il corpo che per l’anima. Se questo ti suona familiare, ti preghiamo di sapere che non ti libererai mai del perfezionismo fino a quando non imparerai a stare bene con “abbastanza bene”.
  • Oggi faccio il meglio che conosco ed essere la migliore che posso essere in ogni situazione e mirare al progresso anziché alla perfezione. Ho imparato ad abbracciare i miei errori come opportunità indispensabili per la crescita. So di non essere una Superdonna e che tutti noi abbiamo giorni buoni e cattivi.
  • Se fallisco in qualcosa, ciò non significa che sono una fallita, perché non sono quello che faccio. A volte vinciamo, a volte impariamo. Non perdiamo mai .

“Il tuo meglio cambierà di momento in momento: sarà diverso quando sarai in salute piuttosto che ammalato. In qualsiasi circostanza, fai semplicemente del tuo meglio e eviterai il giudizio, l’abuso e il rimpianto. ” ~ Don Miguel Ruiz

Amore,

Sara


Sara Fabian è una Coaching per l’empowerment e la carriera delle donne e relatrice di ispirazione, in missione per aiutare le donne professioniste a scoprire i loro punti di forza, doni e talenti unici , aumentare la loro fiducia, trovare la loro vocazione e vivere una vita significativa di scopo. Per ispirazione settimanale, iscriviti alla sua newsletter gratuita su  www.sarafabiancoaching.com o seguila su Facebook .