fountain-2546790_640

Ci sono persone, cose, momenti nella vita che devono essere amati. Trattenuti. Combattuti. E poi ci sono persone, cose e momenti sui quali non abbiamo alcun controllo. Situazioni che ci distruggono il cervello. Strade senza uscita dove l’uscita sembra la dimensione di una formica nera all’interno di un tunnel nero.

Ci sono momenti in cui dobbiamo essere forti e combattere. Ci sono quelli in cui dobbiamo essere ancora più forti e spingere i freni, rivalutare la vita e lasciare andare il disordine inutile. Tempi che richiedono allontanamenti.

Dimissioni sembra una brutta parola

Così com’è, le “dimissioni” portano molte vibrazioni dubbie. Ha una reputazione oscura. Associamo le dimissioni al “rinunciare volontariamente”, lasciando il controllo su una situazione. Lo pensiamo come paura e debolezza. Depressione e frustrazione.

Eppure, ancora e ancora sentiamo parlare delle sue proprietà terapeutiche e curative. Leggiamo come ha aiutato le persone a “passare” a qualcosa di meglio nella vita.

Naturalmente, a quel punto in genere non si chiamano “dimissioni”. La parola compromettente è sostituita da frasi come “lascia andare”, “rilassati” e “libera i tossici [persone, situazioni, pensieri, ecc.] Nella tua vita”.

In quei casi, le dimissioni sembrano più una disintossicazione che le dimissioni da un lavoro da un sogno in cui hai fallito.

Quindi, quando è esattamente la disintossicazione dalle dimissioni e quando è pura codardia? Ecco il test che passo personalmente (a cui rispondere in modo estremamente onesto):

  1. Ti sembra più facile / più attraente continuare a combattere o lasciarti andare?

Il coraggio è una questione molto intima. Ciò che sembra ad un occhio esterno come un atto coraggioso può, per detta persona, essere il risultato della paura o della paralisi di una situazione.

Ad esempio, una donna che tollera l’abuso (emotivo o fisico) spesso si sente “coraggiosa” per averlo fatto “per il bene della famiglia”, “per il bene dei bambini”. Sta recitando il modello secondo cui il coraggio equivale al sacrificio. Nel profondo, tuttavia, è solo terrorizzata dalla reazione del partner violento alla sua partenza, ha il terrore di ricominciare da capo con i suoi figli, di lasciare una vita stabile per completo l’ignoto. È la vera paura, non il coraggio che scatena il sacrificio. Tuttavia, a meno che la donna non evochi il coraggio (reale) e fugga, questo “sacrificio” può costare la sua vita, la sua e quella dei suoi figli.

Su una scala meno estrema, una persona che fantasma il proprio partner può sentirsi “coraggiosa” per aver lasciato una relazione in cui non vede alcun futuro. In fondo, quella scomparsa è il risultato della paura di affrontare le emozioni e la rabbia dell’altra persona per aver portato le cose a tal punto.

Può essere davvero difficile capire la paura quando si maschera con atti coraggiosi. Ecco perché il mio standard di “coraggio” è una domanda davvero semplice:  qual è la scelta più imbarazzante / spaventosa per te?

Disponiamo di ottimi meccanismi di autoprotezione. Le scelte più imbarazzanti / paurose sono del 99% quelle che stiamo cercando di evitare – ma non prima di giustificarle. Evita quell’auto-giustificazione e di solito avrai il vero atto di coraggio.

Questo tipo di coraggio può essere altamente personale. Non essere sorpreso se nessuno “prende” davvero il tuo. L’acclamazione non è in alcun modo un metro per il coraggio.

  1. La tua “liberazione” tradirà un’altra persona?

Devi essere davvero onesto con questo e basare la risposta non sulle emozioni personali (o dell’altra persona) ma sul loro  comportamento.

Ad esempio, quando siamo nei tipi sbagliati di relazioni, una delle persone è di solito immune alle emozioni sincere e premurose (gli attacchi di lacrime / isteria non contano).

Sappiamo sempre chi è: i ragazzi / ragazze “tossici” che cercano solo piacere e convenienza.

In questi casi, la tua liberazione potrebbe danneggiare l’orgoglio della persona (molto) ma non la loro fiducia – poiché in primo luogo non c’era fiducia da quella parte.

L’orgoglio guarisce velocemente (assicurati solo di toglierti di mezzo mentre lo fa). La fiducia potrebbe non guarire affatto.

  1. È una situazione su cui non hai alcun controllo reale?

Abbastanza spesso, pensiamo ore su situazioni, persone ed eventi che non possiamo cambiare. Lo sforzo è sufficiente per far impazzire sia noi stessi che chiunque vicino a noi.

Se hai provato ad ossessionarti su qualcosa e non ha portato da nessuna parte, sai quanto sia importante alleviare il problema e mettere un po ‘di spazio tra te e la situazione.

Occasionalmente “lasciarsi andare” può essere una buona pratica di pensare in modalità macro, non micro. È ciò che mi aiuta a riguadagnare il terreno sotto i miei piedi in quelle situazioni che provano la mia pazienza.

Quando tutto va bene ma le cose si fermano, è davvero bello sentire cosa la vita sta cercando di dirci prima di recitare. Rilassarsi un po ‘. Questo è il tipo di liberazione (le “buone dimissioni”) che troviamo nella preghiera e nella meditazione.

  1. Stai agendo su emozione / impulso?

Lasciar andare qualcosa può arrivare come una risposta emotiva improvvisa o come un impulso, proprio come qualsiasi altro. Un impulso a problemi momentanei, frustrazione, fasi della vita.

È il tipo di impulso che una persona segue quando ha problemi momentanei a casa, entra in un bar e si “collega” con un affascinante sconosciuto. O quando hai avuto un malinteso con il capo e improvvisamente decidi di aprire la tua attività domani.

Come la maggior parte delle donne, sono abbastanza suscettibile al pensiero emotivo, anche se sto attento a non fidarmi di me stesso in tali momenti. Di solito capisco che questa è solo una fase per superare, risolvere le sfide a portata di mano – ma in nessun caso prendere decisioni avventate.

Se anche tu sei così, evita ogni possibilità che le tue azioni si rivelino impulsive lungo la strada. Prendi decisioni su questioni serie in uno stato d’animo calmo. Apri questo business con tutti i mezzi, ma prima, cercalo e comprendi tutti i pro e i contro.

  1. Qual è il peggio che potrebbe accadere in ciascun caso?

Sai che i pro e contro elencano i terapisti di cui parlano, quello che di solito non finiamo mai? Questo è esattamente il tipo di tempo che ti serve.

Prendendo decisioni con grandi ripercussioni – decisioni su come aggrapparsi a qualcuno / qualcosa o rilasciare, perseguire quel lavoro che hai sempre voluto cambiare, uscire e viaggiare per il mondo o persino diventare una persona completamente nuova – dovresti davvero capire cosa stai entrando. Soprattutto lo scenario peggiore.

Gli scenari peggiori non hanno lo scopo di spaventarci dall’azione. Al contrario, possono essere un grande incentivo all’azione quando comprendiamo che la cosa peggiore che temevamo non è affatto male.

Ad esempio, le persone in relazioni violente o in situazioni di vita difficili pensano di non avere altra alternativa, nessun posto dove andare. In realtà, questa è solo la paura dentro le nostre teste che ci “protegge” dall’azione.

Le paure sono claustrofobiche se lasciate da sole. Essendo chiusi nei nostri 15 cm di cervello, crescono in proporzioni gigantesche.

Il modo migliore per ridurli e farli uscire di lì? Inchiodali su un pezzo di carta. E  chiedi aiuto  quando non riesci a gestirlo da solo (no, non è imbarazzante, vedi n. 1).

Parola finale

Essere onesti con le persone a cui teniamo è difficile. Ma non c’è niente di più impegnativo che essere completamente, sinceri, sinceri con noi stessi.

Le domande di cui sopra non risolveranno i problemi in breve, ma tratteranno un sacco di cose profonde, tra cui la nostra “sensazione viscerale” che è il vero risolutore di problemi.

A volte basta una sola domanda per fare il trucco (per me di solito è la prima, la sfida della “paura / imbarazzo”). La parte vitale è essere completamente sincero con te stesso (intendendo le tue paure più intime) e trovare il grilletto profondo che ti guida verso una certa scelta.

Quando fai questa scelta, dimentica la reazione pubblica. Vai con la tua verità. Soprattutto se stai tollerando abusi emotivi o fisici, ricorda che non ci sono parole brutte o scelte imbarazzanti. Ci sono solo fatti fatti troppo tardi.

Ci sono persone, cose e momenti che vale la pena custodire per sempre. Poi, ci sono quelli che è meglio lasciar andare, andarsene, dimettersi – e non guardare mai indietro.

Angela Yurchenko è giornalista d’affari e musicista classica. Nella sua scrittura personale, condivide storie dell’esperienza umana attraverso l’obiettivo di intelligenza emotiva, filosofia, arte e cultura. Scopri di più sulla scrittura di Angela su Medium e sul suo blog,Birdsong