Unprecedented-Positivity-900x470

Sono tempi senza precedenti, come continuiamo a sentirci dire, e sì, lo sono. Vedo mia madre da una distanza di oltre 2 metri, i miei amici attraverso uno schermo Android e l’unico altro edificio in cui metto piede è il mio supermercato locale, che era un lavoro settimanale fatto per necessità ma che ora considero un buongiorno fuori.

Numerose cose sono cambiate come hanno fatto per tutti e quando si assistono ad amici che hanno sofferto della malattia e hanno persino perso la vita, ciò giustifica il sacrificio di restrizioni e cambiamenti che abbiamo dovuto fare. Ma mentre frughiamo nei giorni e calpestiamo l’acqua mentre le settimane scorrono, fin dall’inizio di questa situazione, visto che non abbiamo altra scelta che aderire, sono stata determinata a essere positiva, a trarre la meglio dalle cose e farle questa volta conta piuttosto che essere assorbita dalla tragedia che è COVID 19 .

Essere positivi è un duro lavoro

Essere positivi è un duro lavoro, ti dico. Neanche per me viene naturale, posso soffermarmi sul pessimismo, trovo lamenti catartici, posso sedermi stufata di umore per secoli e questo senza essere terrorizzata dalla paura di COVID 19 . Ma sono rimasta scioccata da quanto sono stata vivace negli ultimi due mesi. Certo, ho delle preoccupazioni, in realtà grandi, possono differire dai problemi degli altri, ma ho ancora le mie preoccupazioni che galleggiano dentro e fuori dalla mia coscienza e disturbano il mio equilibrio, ma poi mi ricordo che sto meglio a lasciare tornare in modalità positiva e per me è stata una sorpresa.

Piaceri semplici / Piccole vittorie

Non sto parlando di un livello di positività ad alta tensione, ma di quello che vede gioia nei semplici piaceri di ogni giorno: trovare un nuovo percorso a piedi, finire una serie Netflix o leggere una rivista. Insieme a quelle che chiamo “piccole vittorie” , dipingendo quei pannelli della recinzione trascurati, completando una nuova ricetta o l’obiettivo di un’altra settimana sull’app Couch per 5 km di corsa. Ho anche iniziato a fare un elenco di tutte le cose che ho fatto da quando è iniziato il blocco in modo che quando ho uno dei miei momenti più tristi, posso ricordare a me stessa cosa ho fatto negli ultimi tempi nel tentativo di stare su, chiamalo un meccanismo di coping se vuoi.

Volendo condividere i tuoi sentimenti positivi

Ma a volte, durante una conversazione, mi trovo quasi a scusarmi per avere questi nuovi sentimenti positivi o per sentirmi imbarazzata se ho espresso il trionfo quando affermo che ho provato qualcosa di nuovo, avvertendo una risposta sarcastica “buono per te”. Non mi sto vantando, onestamente, non lo sono, sono entusiasta di questo sentimento e voglio condividerlo. Ma non è positivo ciò che tutti stiamo cercando di ottenere, ciò che dovremmo incoraggiarci a vicenda, quindi perché sento che i miei spiriti vengono smorzati?

So che la positività non è realizzabile per tutti. Tutti abbiamo vite e barometri emozionali diversi, ma non voglio che sia un caso, posso solo essere parte di una conversazione se mi crogiolo nella stessa fitta autocommiserazione dell’altra parte per farli sentire meglio .

Mentre lavoro a tempo pieno anche se da casa, tuttavia ho notato che sto dormendo di più, le mie ansie si sono ridotte, sono più in controllo del mio tempo libero e di quello che faccio. Ho abbandonato la giostra della vita per un po ‘ed è un ritmo più tranquillo e forse questo sta contribuendo alla mia posizione positiva.

Ma qualunque sia la ragione, voglio cavalcare quest’onda positiva il più a lungo possibile prima che la normalità riprenda e torno di nuovo in quella giostra. Voglio tornare indietro in questo momento e ricordare che ho fatto il meglio che potevo . Mi piace abbastanza questa nuova me e spero che questa sensazione rimanga. Di recente ho letto una grande citazione: “l’acqua bollente può ammorbidire le patate o indurire le uova, è ciò di cui sei fatto, non le circostanze” .

Penso di essere appena passata dall’essere una patata a un uovo – lo spero comunque.


Anna Rose è una blogger nominata premio britannica e scrittrice pubblicata. Puoi connetterti con lei sul suo blog e su Twitter .