Spaghetti chitarra con gricia di baccalà e guanciale
 
Tempo prep.
Tempo cottura
Tempo tot
 
Proletari di tutto il mondo unitevi: a tavola per farvi un bel piatto di gricia di baccalà e guanciale. Una proposta che va bene per una giornata trascorsa in cantiere, edile o navale che importanza ha? Ecco allora un classico, un must della cucina partenopea da consumarsi senza mascherina…
Autore:
Tipo ricetta: Primi asciutti
Cucina: Napoletana
Porzioni: 4
Ingredienti
  • Per la montata di baccalà
  • • 700 g di baccalà
  • • 400 g di latte
  • • 1 gambo di sedano
  • • ½ cipolla piccola
  • • 2 foglie di alloro
  • • pepe in grani q.b.
  • • prezzemolo q.b.
  • • 120 g di olio EVO
  • Per la “gricia”
  • • 150 g di guanciale
  • • ½ cipolla piccola
  • • 80 g di olio EVO
  • • vino bianco q.b.
  • • pepe q.b.
  • • prezzemolo q.b.
  • • 480 g di spaghetti chitarra freschi
  • • 50 g di pecorino grattuggiato
Istruzioni
  1. In un pentolino porta il latte e gli aromi a ebollizione e cuoci il baccalà al suo interno. Cola il baccalà, conservando un po’ di latte, privalo delle spine e poni la polpa nel bicchiere del frullatore. Frulla la polpa brevemente con un filo di olio. Regola la densità con un po’ di latte di cottura, messo precedentemente da parte. In una pentola porta a bollore abbondante acqua salata e cala gli spaghetti alla chitarra. Nel frattempo in una padella riscalda l’olio, facendo soffriggere la cipolla e il guanciale tagliato a bastoncini. Sfuma con un po’ di vino bianco. Fai evaporare il vino in eccesso, aggiungi il prezzemolo tritato e infine il baccalà. Se necessario aggiungi un po’ di brodo di baccalà o acqua di cottura. Cola gli spaghetti ancora grondanti di acqua di cottura e versali nella padella mantecandoli con il pecorino. Infine impiatta e servi con una spolverata di prezzemolo e guanciale croccante.