dental pain

Lo smartphone potrebbe essere impiegato per verificare il dolore ai denti e quantificarlo: questo è il progetto al quale si stanno dedicando scienziati e ricercatori della divisione di endodonzia e del dipartimento di ingegneria biomedica presso la UConn School of Dental Medicine.

Lo sviluppo del sistema, che ha ricevuto importanti sovvenzioni, andrebbe a colmare il gap comunicativo che si crea tra paziente e dentista nel descrivere e valutare l’intensità del dolore ed eviterebbe di doversi affidare alla soggettività del paziente nella definizione del problema.

Soprattutto si rivelerebbe fondamentale nel trattamento di coloro che realmente affrontano difficoltà comunicative.

Alla base del funzionamento, c’è la realizzazione di un sensore che utilizza il dispositivo elettrodermico.

Nota dell’uomo della strada: si spera che non sia l’ennesimo annuncio che serve ai “sviluppatori” per incassare i soldi dei finanziatori del progetto di ricerca poi sul mercato sottostante non si vede una beata mazza. Da diabetico di annunci di questo tipo ne ho visti a pacchi da quando il blog è aperto. 

Related Posts
Un team di ricercatori KAUST ha sviluppato un prototipo di sensore indossabile, sviluppato con un nuovo composto MXene-idrogel, che potrebbe rivelarsi prezioso per gli atleti che cercano misurazioni delle prestazioni in tempo reale.

CREDITO
© 2021 KAUST; Olga Kasimova
Il sensore di fitness ti avverte quando sei al limite I nanomateriali ultrasottili, noti come MXenes, sono destinati a semplificare il monitoraggio del benessere di una persona analizzando la sua traspirazione. Sebbene ...
READ MORE
Utile per gli atleti