gettingyourp

Sostituire le uova del mattino con il tofu o usare fagioli e peperoncino  invece di carne macinata potrebbe aiutarti a vivere più a lungo, secondo un nuovo studio.

Ottenere le proteine ​​quotidiane dalle piante anziché dagli animali sembra ridurre il rischio complessivo di morte precoce, i ricercatori hanno scoperto.

I risultati hanno mostrato che ogni 3% dell’apporto energetico giornaliero di una persona proveniente da proteine ​​vegetali anziché da proteine ​​animali riduceva il rischio di morte prematura di una persona del 10%.

I risultati sono stati particolarmente forti quando le persone hanno scambiato proteine ​​vegetali con uova ( rischio inferiore del 24% negli uomini e rischio inferiore del 21% nelle donne) o carne rossa (rischio inferiore del 13% negli uomini, 15% nelle donne).

Eliminare la carne rossa dalla dieta può essere benefico, ma solo se si sostituisce uno sano, ha detto la ricercatrice capo Jiaqi Huang, ricercatrice post-dottorato presso il National Cancer Institute degli Stati Uniti.

“Ad esempio, la sostituzione dell’energia del 3% da proteine ​​dell’uovo o proteine ​​della carne rossa con proteine ​​vegetali come cereali integrali o cereali ha portato a un’associazione protettiva per la mortalità globale”, ha detto Huang. “D’altra parte, la sostituzione di energia del 3% da proteine ​​dell’uovo o proteine ​​della carne rossa con altri alimenti come le bevande zuccherate con zucchero può o meno determinare una riduzione della mortalità.”

Per questo studio, il team di Huang ha analizzato i dati dietetici di oltre 237.000 uomini e 179.000 donne riuniti tra il 1995 e il 2011 nell’ambito di uno studio a lungo termine sui modelli alimentari e sulla salute.

Le proteine ​​costituivano circa il 15% della dieta quotidiana delle persone, con il 40% proveniente da piante e il 60% da animali, i ricercatori hanno scoperto.

Durante 16 anni di follow-up, è emerso un modello in cui l’assunzione di proteine ​​vegetali sembrava ridurre il rischio di morte precoce. Ogni 10 grammi di scambio proteico pianta-animale per 1.000 calorie ha comportato un rischio di morte inferiore del 12% per gli uomini e del 14% per le donne, i risultati hanno mostrato.

Secondo il ricercatore senior Dr. Demetrius Albanes, un ricercatore senior presso l’istituto oncologico, “I nostri dati forniscono prove a sostegno del ruolo favorevole delle diete a base vegetale nella prevenzione della mortalità per malattie cardiovascolari e che le modifiche nelle scelte delle fonti proteiche possono influenzare risultati sulla salute e longevità “.

Ci sono molti motivi per cui la scelta delle proteine ​​vegetali rispetto alle proteine animali potrebbe aiutarti a prolungare la vita, hanno detto i ricercatori e gli esperti.

Le proteine ​​della carne tendono ad arrivare a livelli più elevati di grassi saturi, colesterolo, sodio e altri nutrienti che non sono molto buoni per la salute, ha dichiarato Connie Diekman, consulente alimentare e nutrizionale a St. Louis e ex presidente dell’Accademia della Nutrizione e dietetica.

“Ad esempio, 30 grammi di carne rossa mescolata con pasta integrale e verdure fornirebbe molto meno grassi saturi di una bistecca da 2 etti”, ha detto Diekman.

D’altro canto, le proteine ​​vegetali sono ricche di fibre, antiossidanti, vitamine e minerali, ha affermato Kayla Jaeckel, dietista e responsabile della cura del diabete al Mount Sinai Health System a New York City.

I ricercatori hanno anche aggiunto che potrebbe esserci qualcosa di specifico sugli aminoacidi formati dalla rottura delle proteine ​​di origine animale che potrebbero far sì che le arterie diventino più difficili o si verifichi un’infiammazione. Le proteine animali potrebbero anche influenzare la salute dei batteri intestinali delle persone.

Uno dei punti deboli dello studio è che si basava sui ricordi delle persone, poiché era stato loro chiesto di ricordare cosa avevano mangiato e di compilare un questionario, ha detto Diekman.

“Questo offre uno scorcio di assunzione di dieta ma non mostra modelli e schemi sono fondamentali”, ha detto Diekman. “La combinazione di un uovo con riso integrale e verdure fornisce un apporto di nutrienti molto diverso rispetto a uova, pancetta, biscotti e salsa”.

Questi risultati sono in contrasto con altri studi recenti che hanno dimostrato che le uova sono più sane di quanto la gente credesse da decenni, ha detto Jaeckel.

“Penso che le uova possano far parte di una dieta sana ed equilibrata. Non vorrei che le uova fossero dipinte in una luce negativa, perché sento che ci sono sempre state delle infradito”, ha aggiunto Jaeckel.

Diekman ha dichiarato: “La mia opinione sullo studio e ciò che direi ai clienti è che le prove continuano a crescere per sostenere l’importanza di consumare più alimenti vegetali e meno alimenti per animali, aumentando al contempo l’assunzione di verdure, cereali integrali e frutta. goditi il ​​nostro piatto preferito di carne o uova preferito, ma probabilmente non tutti i giorni, e preferibilmente in equilibrio con molti alimenti vegetali “.

Il rapporto è stato pubblicato online il 13 luglio su JAMA Internal Medicine . 

Related Posts
Aveva ragione Lobster
Panini e passeggiata, le due “P” del Brunch di Pasquetta per ritrovare il benessere psicofisico Al prosciutto cotto e al salame, con abbinamenti sfiziosi Da Citterio due ricette con Grancotto di ...
READ MORE
Pasqua e Pasquetta: i consigli dell’esperta e le 5 mosse per un menù a prova di diabete
Sfida accettata per un clinico che si occupa della gestione del diabete e per un chef blogger che suggerisce come cucinare in occasione della Pasqua. Occhi puntati sulla consapevolezza del ...
READ MORE
Fondazione Barilla per la Giornata Mondiale dell’Alimentazione: “Scegliere diete sostenibili per migliorare qualità della vita e la salute del pianeta”
Durante il lockdown gli italiani hanno riscoperto le basi della Dieta Mediterranea, aumentando il consumo di cibi sani e sostenibili Fondazione Barilla propone 10 azioni dal campo alla tavola per ...
READ MORE
Ceni tardi? Allora ingrasserai
Cenare tardi può contribuire all'aumento di peso e alla glicemia alta, secondo un piccolo studio pubblicato nel Journal of Clinical Endocrinology & Metabolism della Endocrine Society.Si stima che oltre 2,1 ...
READ MORE
Dolori articolari: come contrastarli con l’aiuto di una corretta alimentazione
Dolori articolari: come contrastarli con l’aiuto di una corretta alimentazione. Definiamo “dolore articolare” la sensazione dolorosa localizzata all’interno di una o più articolazioni del corpo. Il dolore può avere la ...
READ MORE
Photo by tombrooks on Pixabay
La German Sport University di Colonia pubblica il terzo studio sugli eSports Una lattina di Red Bull accanto al mouse del computer, un sacchetto di patatine accanto alla tastiera: è così ...
READ MORE
No stress: in Valle Aurina fai prima
Alto Adige, liberarsi dallo stress in Valle Aurina: da fine maggio e per tutto giugno, esperienze estreme nella natura con i MindfulMountainDays Primavera in Valle Aurina con le esperienze MindfulMountainDays: attività, ...
READ MORE
L’intervento sull’alimentazione e l’attività fisica riduce il livello di colesterolo LDL nei bambini
Un'attività fisica personalizzata e basata sulla famiglia e un intervento dietetico hanno ridotto la concentrazione plasmatica di colesterolo LDL nei bambini delle scuole primarie, secondo un nuovo studio dell'Università della ...
READ MORE
L’alimentazione dopo l’allenamento
Autore: Guidalberto Guidi - preparatore atleticoUn allenamento non finisce nel momento in cui fermiamo il cronometro. È importante curare l’alimentazione delle ore successive per sfruttare fino in fondo tutti i ...
READ MORE
Ripartenza e alimentazione: le scelte giuste per i ciclisti (urbani e non)
Finalmente qualche settimana fa è arrivata la tanto attesa FASE 2! Tutti all’aria aperta a praticare attività motorie per cercare di riparare gli sgarri fatti durante il lockdown. Ma come prepararsi ...
READ MORE
Aveva ragione Lobster
Pasqua e Pasquetta: i consigli dell’esperta e le
Fondazione Barilla per la Giornata Mondiale dell’Alimentazione: “Scegliere
Ceni tardi? Allora ingrasserai
Dolori articolari: come contrastarli con l’aiuto di una
Questo è ciò che mangiano gli atleti di
No stress: in Valle Aurina fai prima
L’intervento sull’alimentazione e l’attività fisica riduce il livello
L’alimentazione dopo l’allenamento
Ripartenza e alimentazione: le scelte giuste per i