pexels-photo-2356140

Nelle culture Ebraica, Cristiana e Mussulmana, c’è la conferma che la Meditazione, considerata come mezzo per mettersi in contatto con la divinità, esiste in tutte le religioni.

Gesù, con il suo atteggiamento critico nei confronti del fariseismo, indica il rifiuto di una religiosità formale ed esteriore, per privilegiare la ricerca di Dio nella nostra interiorità: il Regno dei Cieli è “dentro di noi”, ma è anche il “tesoro nascosto” vicino a noi. Il rapporto fra l’uomo e Dio si basa sull’adorazione, che è una forma di Meditazione. Anche i metodi di preghiera e attenzione portano ad una adesione spirituale totale: “Svegliati, tu che dormi, e Cristo ti illuminerà”. La Meditazione Cristiana ci porta a riscoprire in noi lo spirito divino: siamo figli di Dio e, se siamo suoi figli, siamo anche suoi eredi e coeredi di Cristo. La preghiera meditativa, il cui scopo è l’illuminazione e la contemplazione di Dio, era la Meditazione preferita da Gesù, che al tempo stesso ci invitava a pregare “nel segreto” e a “non moltiplicare le parole”. Essa è un metodo per mettersi in comunicazione con il divino, non per chiedere qualche cosa, ma per un continuo, costante dialogo con Dio, che è anche dentro di noi.

San Paolo, nella lettera ai Romani (8,26) fa una puntualizzazione importante: “Realmente con la nostra intelligenza non si può pregare, se non mettendosi in posizione di ascolto e se prima di essa lo spirito non prega”.

Il Cristianesimo d’Oriente, che considera contemplativi e mistici come la più alta espressione di spiritualità, ha molto in comune con pratiche meditative orientali: distaccarci dalla esteriorità, purificarci e concentrarci per tornare in possesso di noi stessi e di tutti i nostri poteri. Il Cristianesimo Occidentale ha considerati con sospetto questi mistici, come esseri capaci di sottrarsi all’autorità della Chiesa. Malgrado questo ci sono mistici nella Chiesa Occidentale che sono passati dall’esperienza di tecniche meditative orientali. Citiamo primo fra tutti Sant’Agostino che, prima di convertirsi al Cristianesimo aveva praticato il manicheismo e studiato il neoplatonismo.

Numerosi sono i Santi che ci hanno lasciati insegnamenti importantissimi e sempre attuali. Ne citerò solo alcuni. Ignazio di Loyola, che ci indica una Meditazione discorsiva, basata principalmente sull’uso dell’immaginazione e della visualizzazione; Santa Teresa di Avila, che pone al centro della attività spirituale I’”Orazione mentale”, cioè un frequente intimo colloquio con Dio; San Giovanni della Croce, per il quale due sono i punti fondamentali per arrivare a contemplare Dio: il distacco dei sensi e il distacco dello spirito. Così facendo si passa dalla meditazione alla contemplazione e dalla contemplazione all’unione.

Ma esaminando i metodi contemplativi di Oriente ed Occidente, si profila un unico processo meditativo, anche se le due correnti parlano di conoscenza contemplativa del Sé e conoscenza contemplativa di Dio, poiché Dio è la nostra stessa interiorità

Related Posts
Dall’Europa al monastero tibetano: il viaggio spirituale che si ispira a Terzani
Pisa, 10 febbraio 2022 - La pandemia ed i vari lockdown hanno creato profonde ferite e disagi nelle popolazioni di tutto il mondo. A pensare di alleviare un po' la tensione ci ha pensato Salvatore Liggeri, giovane di origini ...
READ MORE
Inchinarsi – Shunryu Suzuki-Roshi
Dopo la meditazione seduta (zazen) ci inchiniamo fino a terra nove volte. Inchinandoci abbandoniamo noi stessi. Abbandonare se stessi significa abbandonare le proprie idee dualistiche. Perciò non c'è alcuna differenza tra fare zazen ...
READ MORE
Fare un passo indietro e osservare
A novantacinque anni Genpo Roshi, un grande maestro zen contemporaneo, usò la metafora della 'porta senza porta' per indicare che non c'è nessuna porta da varcare per capire cos'è la vita . Eppure, ...
READ MORE
“Meditazione del giorno”: la Mindfulness come sana abitudine quotidiana
Prendersi cura di sé attraverso le piccole azioni di ogni giorno Una pratica per imparare a ritrovare calma e consapevolezza anche nella routine dei gesti quotidiani con sessioni sempre nuove ...
READ MORE
Il pane che mangiamo è l’intero cosmo – Thich Nhat Hanh
Al pari dell'islam, il cristianesimo è una sorta di prosecuzione dell'ebraismo. Tutti i rami appartengono allo stesso albero. Nel cristianesimo, quando celebriamo l'eucaristia, condividendo il corpo di Dio sotto le specie del ...
READ MORE
Oh, la mia mente … – James Low
“La cosiddetta 'mente' non può essere identificata come questo o quello. Non è un'entità e non ha caratteristiche distintive. Se la ricercate, non può essere trovata, perché è sin dal principio vuoto, ...
READ MORE
I rimorsi della rana zen
Siamo alle solite. La rana zen si recò dal suo inestimabile precettore a chieder lumi sulla congruità delle sue scelte morali. Non è che non sapesse di avere esagerato. Ma ...
READ MORE
L’opportunità di meditare – Ajahn Chah
La noia non è un problema reale; se guardiamo con attenzione, possiamo vedere che la mente è sempre attiva. Dunque, c'è sempre lavoro da fare. Fare personalmente certe piccole cose, come rigovernare con ...
READ MORE
Pratica di meditazione Tonglen – Pema Chodron
Il tonglen ribalta la logica abituale di evitare la sofferenza e cercare il piacere. Nel processo, ci liberiamo di modelli antichissimi di egoismo. Iniziamo a provare amore per noi stessi e per ...
READ MORE
Coltivare la non-paura – Thich Nhat Hanh
Ci sono molti modi in cui confrontarci con la nostra paura. La pratica delle Cinque Rimembranze ci aiuta a coltivare la non-paura. La prima rimembranza è quella di respirare consapevolmente ...
READ MORE
Dall’Europa al monastero tibetano: il viaggio spirituale che
Inchinarsi – Shunryu Suzuki-Roshi
Fare un passo indietro e osservare
“Meditazione del giorno”: la Mindfulness come sana abitudine
Il pane che mangiamo è l’intero cosmo –
Oh, la mia mente … – James Low
I rimorsi della rana zen
L’opportunità di meditare – Ajahn Chah
Pratica di meditazione Tonglen – Pema Chodron
Coltivare la non-paura – Thich Nhat Hanh