couldvegetab

Se volessi vivere più a lungo, dovresti scegliere fagioli piuttosto che carne per le tue proteine, suggerisce una nuova analisi.

“Questi risultati hanno importanti implicazioni per la salute pubblica in quanto l’assunzione di proteine ​​vegetali può essere aumentata relativamente facilmente sostituendo le proteine ​​animali e potrebbe avere un grande effetto sulla longevità”, hanno riferito i ricercatori.

Le diete ricche di proteine ​​delle piante, come legumi (piselli, fagioli e lenticchie), cereali integrali e noci, sono state associate a un rischio inferiore di diabete, malattie cardiache e ictus, mentre le diete ricche di proteine ​​animali sono state collegate con un numero di problemi di salute.

Tuttavia, ci sono stati risultati contrastanti sull’associazione tra diversi tipi di proteine ​​e il rischio di morte precoce, quindi un gruppo di ricercatori ha analizzato 32 studi che hanno esaminato il rischio di morte per malattie cardiache, cancro e qualsiasi causa negli adulti di età pari o superiore a 19 anni .

Durante un follow-up durato 32 anni, poco più di 113.000 decessi si sono verificati tra oltre 715.000 partecipanti agli studi. Un elevato apporto di proteine ​​totali era associato ad un minor rischio di morte per qualsiasi causa.

Il consumo di proteine ​​vegetali era associato a un rischio di morte dell’8% inferiore per qualsiasi causa e ad un rischio di morte per malattie cardiache inferiore del 12%. Il consumo di proteine animali non era significativamente associato al rischio di morte per malattie cardiache o cancro.

I dati provenienti da 31 degli studi hanno anche mostrato che un ulteriore 3% di energia dalle proteine ​​vegetali al giorno era associato a un rischio di morte inferiore del 5% per qualsiasi causa, secondo i risultati pubblicati il ​​22 luglio nella BMJ.

Possibili ragioni degli effetti benefici delle proteine ​​vegetali includono abbassamento della pressione sanguigna , colesterolo e livelli di zucchero nel sangue, che potrebbero aiutare a ridurre il rischio di patologie cardiache e diabete di tipo 2, ha affermato Ahmad Esmaillzadeh, professore di nutrizione all’Università di Medicina di Teheran Scienze in Iran e colleghi.

Sono necessarie ulteriori ricerche, ma i risultati dello studio “supportano fortemente le raccomandazioni dietetiche esistenti per aumentare il consumo di proteine ​​vegetali nella popolazione generale”, hanno detto i ricercatori in un comunicato stampa.