“Mio vanto, mio patrimonio” è il titolo dell’importante mostra sull’arte del Novecento che il Comune di Pienza propone dal 29 agosto 2020 al 10 gennaio 2121, nel Museo della Città, nel cuore della magnifica Città Ideale toscana.

E a precisare il titolo viene “la visione di Leone Piccioni”, a indicare che quel Novecento in pittura è quello che è stato scelto, riunito e appeso alle pareti della sua casa da un fine intellettuale, Piccioni appunto, nel corso di una intera vita.
Ciascun collezionista, grande o piccolo che sia, crea una collezione che lo rispecchia, che di lui è un po’ il reale ritratto.

La collezione d’arte – davvero magnifica – che Leone Piccioni (Torino, 9 maggio 1925 – Roma, 15 Maggio 2018) ha riunito nel corso di tutta la sua lunga esistenza, è il chiaro specchio del suo essere stato uno dei più fini intellettuali che l’Italia abbia potuto vantare la seconda metà del “secolo lungo”.
Dietro ciascuna delle oltre 95 opere esposte al Museo della Città c’è una frequentazione, una precisa assonanza, un richiamo con la poesia o la letteratura, un pensiero condiviso. Ma anche la semplice emozione d’un momento.

L’elenco, in rigoroso ordine alfabetico degli artisti della Collezione Piccioni, recita i nomi di: Afro Basaldella, Remo Bianco, Alberto Burri, Giuseppe Capogrossi, Carlo Carrà, Mario Ceroli, Filippo De Pisis, Piero Dorazio, Jean Fautrier, Lucio Fontana, Remo Formichi, Giosetta Fioroni, Franco Gentilini, George Grosz, Renato Guttuso, Carlo Guarienti, Mino Maccari, Mario Mafai, Giacomo Manzù, Mario Marcucci, Giorgio Morandi, Ennio Morlotti, Aleardo Paolucci, Ottone Rosai, Piero Sbarluzzi, Mario Schifano, Gregorio Sciltian, Graham V. Sutherland, Venturino Venturi.

Presenti in Collezione talvolta con più opere, anche diversissime per caratteristiche e dimensioni.
Piero Pananti e Gloria Piccioni, figlia di Leone, che curano la mostra pientina, sottolineano lo spirito con cui è stata nel tempo costituita la Collezione: «l’amore per il bello e per la cultura, l’impulso per la condivisione delle arti e della conoscenza, le affinità elettive che legano il critico ai pittori, poeti, intellettuali suoi amici». E viene subito alla memoria la lunga vicinanza di Piccioni con Ungaretti e la scelta di Dorazio per illustrare “La Luce”, sua raccolta di poesie degli anni 1914 – 1961. Perché Piccioni, da autentico intellettuale, non si pone steccati, cercando semmai assonanze tra pittura, letteratura, poesia, musica, teatro… All’interno di quella Cultura che sapeva realmente divulgare nelle sue trasmissioni televisive, quando la tv era ancora uno strumento, forse “lo” strumento, di crescita anche culturale di un’Italia alla ricerca di una nuova identità negli anni difficili ma vitali del secondo dopoguerra. 

Related Posts
“L’Oro di Chini” luccica a Salsomaggiore Terme
L’11 settembre 2021 alla Nuova Corte Civica Tommasini si inaugura il progetto immersivo ad alta definizione che celebra l’apparato decorativo delle Terme Berzieri, nell’ambito del festival @cquechepassione. Alle 11:00 di sabato ...
READ MORE
Arianna Sanesi “Una pazienza selvaggia”
La ricerca della propria integrità prendendosi il tempo necessario per tornare a sé e ricostruirsi, riscoprendo la parte più istintiva e autentica di noi. Red Lab Gallery di via Solari 46 ...
READ MORE
BOOMing – Contemporary Art Show #backtoreality
Dal 12 al 15 maggio 2022 torna a Bologna la fiera d’arte dedicata all’“emergenza” del contemporaneo Dopo il successo riscosso nel metaverso di Lieu.City, con oltre 3600 ingressi, BOOMing - Contemporary ...
READ MORE
Nella foto: Antonio Canova, La Danza dei figli di Alcinoo, 1790-1792
Perugia, Fondazione Accademia di Belle Arti “Pietro Vannucci”
Dal 6 luglio al 1 novembre 2022 - A cura di Stefania Petrillo - Palazzo Baldeschi MUSA, Museo dell’Accademia di Belle Arti, Perugia In occasione del bicentenario di Antonio Canova, Perugia ...
READ MORE
Il portiere di notte. La libertà della perdizione, in mostra nella città di Carpi (MO)
Fino al 6 gennaio 2022, nella Sala dei Cervi di Palazzo dei Pio di Carpi si tiene la mostra d’arte Il portiere di notte. La libertà della perdizione, con cui ...
READ MORE
Da non perdere: La mostra Louis Vuitton e Nike Air Force 1 di Virgil Abloh apre a Brooklyn
Virgil Abloh  ha dato tutta la sua creatività al mondo della moda e delle calzature, e per questo è giusto che  Louis Vuitton  onori i suoi modelli in modo significativo. La Louis Vuitton e  ...
READ MORE
Cervia Città Giardino, torna la mostra floreale a cielo aperto più grande d’Europa
Entra a far parte del circuito Viva Dante - Ravenna 2020/2021 Cervia, Maggio - Settembre, GRATUITO Ogni anno, a maggio, il territorio di Cervia, con Milano Marittima, Tagliata e Pinarella, indossa ...
READ MORE
“All inclusive. 9 artisti contemporanei performano il museo” a Massa
Il museo Guadagnucci di Massa presenta dal 4 giugno al 2 ottobre 2022 la mostra “All inclusive. Nove artisti contemporanei performano il museo”Il Museo Guadagnucci di Massa (MS) presenta, dal ...
READ MORE
Ph. Guido Calamosca
Summer Jamboree presenta Summer Jamboree on the Lake, Il nuovo format destinato a diventare punto di riferimento europeo per la musica e la cultura dell’America anni ’40 e ’50 Mostra Fotografica ...
READ MORE
I capolavori da non perdere in questa stagione al Louvre Abu Dhabi: Van Gogh, Monet, Degas, Renoir e Bonnard
I capolavori del Musée d’Orsay e della Bibliothèque Nationale de France, entrambi parte del network France Muséums, sono finalmente arrivati al Louvre Abu Dhabi. A queste opere si unirà il Charing ...
READ MORE
“L’Oro di Chini” luccica a Salsomaggiore Terme
Arianna Sanesi “Una pazienza selvaggia”
BOOMing – Contemporary Art Show #backtoreality
L’Accademia di Belle Arti “Pietro Vannucci” e la
Il portiere di notte. La libertà della perdizione,
Da non perdere: La mostra Louis Vuitton e
Cervia Città Giardino, torna la mostra floreale a
“All inclusive. 9 artisti contemporanei performano il museo”
Mostra Fotografica Immersiva ROCK’N’ROLL IS A STATE OF
I capolavori da non perdere in questa stagione