dreamstime_6111922

Lo stato meditativo è il più alto stato dell’esistenza. Fino a che c’è il desiderio, non può venire nessuna vera felicità. È solo lo studio degli oggetti, contemplativo, simile a un testimone, che ci porta vera gioia e felicità. L’animale ha la sua felicità nei sensi, l’uomo nell’intelletto, e il dio nella contemplazione spirituale. È solo per lo spirito che ha ottenuto questo stato contemplativo che il mondo diviene davvero bello. Per colui che non desidera niente, e non si confonde con gli oggetti, i molteplici cambiamenti della natura sono un panorama di bellezza e grandiosità.

All’inizio la pratica della meditazione deve procedere con qualche oggetto davanti alla mente. Una volta ero solito concentrare la mia mente su un punto nero. Alla fine, non potevo più vedere il punto o sentire che il punto era davanti a me; la mente aveva cessato di esistere; non sorgeva nessuna onda o stato mentale, come se fosse tutto un oceano senza alcun soffio d’aria. In quello stato ero solito sperimentare barlumi di verità ultrasensoria. Così, penso, la pratica della meditazione, anche su qualche banale oggetto esterno, conduce la mente alla concentrazione. Ma è vero che la mente molto facilmente ottiene la calma quando si pratica la meditazione su qualcosa su cui la propria mente è più adatta a fissarsi. Ecco perché noi abbiamo in India così tante adorazioni di dèi e dee… Il fatto è, comunque, che gli oggetti della meditazione non possono mai essere gli stessi con tutti gli uomini. Molti hanno proclamato e predicato ad altri solo quegli oggetti esterni a cui loro stessi si aggrappavano per diventare perfetti nella meditazione. Dimentichi del fatto che questi oggetti sono soltanto aiuti per il raggiungimento della perfetta calma mentale, gli uomini li hanno decantati, in seguito, oltre ogni altra cosa. Loro si sono, così, completamente interessati dei mezzi, rimanendo relativamente dimentichi del fine. Il vero scopo è rendere la mente immobile; ma questo non può essere fatto a meno che uno prima non diventi assorbito in qualche oggetto.

Voi dovete tenere la mente fissa su un oggetto; la meditazione dovrebbe essere come un ininterrotto scorrere di olio. La mente dell’uomo ordinario è frammentata su diversi oggetti, e anche al momento della meditazione, la sua mente è all’inizio tesa a vagabondare. Lasciate cadere qualsiasi desiderio sorga nella mente; sedete calmi e guardate che genere di idee stanno venendo. Continuando a guardare in questo modo, la mente diviene calma e in essa non ci sono onde-pensiero. Queste onde rappresentano l’attività-pensiero della mente. Quelle cose, a cui voi avete in precedenza pensato troppo profondamente, si sono trasformate in una corrente subconscia, e perciò esse ritornano alla mente durante la meditazione. Il sorgere di queste onde, o pensieri, durante la meditazione è la prova che la vostra mente si sta dirigendo verso la concentrazione.

Pensate sempre che voi siete l’Atman onnipresente. “Io non sono né il corpo, né la mente, né l’intelletto, e nemmeno il corpo sottile o quello grossolano” – attraverso questo processo di eliminazione immergete la vostra mente nella Conoscenza trascendentale che è la vostra vera natura. Uccidete la mente immergendola così, ripetutamente, in questa Conoscenza. Solo allora realizzerete l’Essenza dell’Intelligenza e sarete stabiliti nella vostra vera natura. Conoscitore e conosciuto, meditatore e oggetto su cui si è meditato, diventeranno una sola cosa, e seguirà la cessazione di tutte le sovraimposizioni fenomeniche… Non c’è conoscenza relativa o condizionale in questo stato. Quando l’Atman è il solo conoscitore, con quali mezzi potreste conoscerLo? L’Atman è conoscenza, l’Atman è intelligenza, l’Atman è Satcitananda.

Come è stata guadagnata tutta la conoscenza del mondo, se non attraverso la concentrazione dei poteri della mente? Il mondo è pronto a svelare i suoi segreti se solo noi sappiamo come colpire, come dare il colpo necessario. La forza del colpo viene attraverso la concentrazione. Non c’è limite al potere della mente umana. Più concentrata è, più potere viene condensato in un punto; ecco il segreto.

Come sappiamo che la mente è diventata concentrata? L’idea di tempo svanirà. Più tempo passa senza che lo notiamo, più concentrati siamo. Nella vita comune vediamo che quando siamo interessati in un libro, non notiamo affatto il tempo, e quando mettiamo il libro da parte siamo spesso sorpresi di scoprire quante ore sono passate. Tutto il tempo avrà la tendenza a stabilirsi nel presente. Così è data la definizione: quando passato e presente divengono uno, la mente è detta essere concentrata.

La concentrazione è l’essenza della conoscenza; niente può essere fatto senza di essa. Il novanta per cento della sua forza-pensiero è sprecata dal comune essere umano, e perciò egli commette costantemente errori grossolani; l’uomo o la mente addestrata non fanno mai un errore.

– Swami Vivekananda –

– Swami Vivekananda (amazon) 

Related Posts
15 vantaggi della meditazione a piedi (e come iniziare)
Quando Sir Isaac Newton descrisse la legge naturale del movimento , osservò che i corpi in movimento tendono a rimanerci a meno che un'altra forza non agisca su di essi. Newton si riferiva ...
READ MORE
La vetta
Chiudi per un attimo gli occhi e visualizza un apice montuoso, una vetta. E 'la realizzazione dei propri ideali più puri, quelli senza nome, senz'alcunché di specifico. Nell'immaginario collettivo è il traguardo ...
READ MORE
Ovunque andiate, ci siete – Jon Kabat-Zinn
Sapete una cosa? Quando si tratta di arrivare da qualche parte, ovunque andiate, ci siete. Qualsiasi cosa abbiate voluto compiere, è quella che avete compiuto. Qualsiasi cosa state pensando, è questo che avete ...
READ MORE
Essere è non pensare, pensare è non essere – Thich Nhat Hanh
In noi c’è un bambino che soffre e anche una scimmia irrequieta, non possiamo lasciare la scimmia da sola, non possiamo lasciare da solo il bambino affamato, lo spirito affamato, ...
READ MORE
Lascia
La vita non è mai a senso unico. Ci sono i momenti per combattere, a volte finanche sino allo stremo, senza darsi mai per vinti e quelli per mollare la presa, ...
READ MORE
A Sacile parte “Sosteniamo chi ci Cura”, per il benessere degli operatori sanitari
Al via Sosteniamo chi ci Cura, Programma Benessere per Operatori Sanitari Pordenone, 26 aprile 2021 – La Fondazione Maharishi con l’Associazione Meditazione Trascendentale Maharishi ha avviato, presso la Residenza Protetta per anziani, nel comune di Sacile, ...
READ MORE
I rimorsi della rana zen
Siamo alle solite. La rana zen si recò dal suo inestimabile precettore a chieder lumi sulla congruità delle sue scelte morali. Non è che non sapesse di avere esagerato. Ma ...
READ MORE
Meditazione Vipassana (cenni)
Nasce dalla tradizione buddista e fonde gli insegnamenti più ortodossi del Buddismo, in particolare del Piccolo Veicolo, ritenuto il più moderno, con la psicologia, mostrando così che dalla fusione tra ...
READ MORE
Creare Positività
Om Shanti, trasforma le scuse in soluzioni, non dire: ma, forse potrei, sarebbe bello se; piuttosto potresti dire: certo, ce la farò. Guarda oltre i limiti che sono spesso tigri di carta ...
READ MORE
Meditare è essere al cento per cento nella realtà
“«La meditazione è l’esperienza spontanea della non-dualità. Nel nostro sistema non ci sono né concentrazione sulle immagini, né rituali per indurre lo stato di meditazione. Noi lavoriamo con la Coscienza ...
READ MORE
15 vantaggi della meditazione a piedi (e come
La vetta
Ovunque andiate, ci siete – Jon Kabat-Zinn
Essere è non pensare, pensare è non essere
Lascia
A Sacile parte “Sosteniamo chi ci Cura”, per
I rimorsi della rana zen
Meditazione Vipassana (cenni)
Creare Positività
Meditare è essere al cento per cento nella