gym-exercise-fitness-workout-47084

L’attività fisica di qualsiasi intensità è benefica per la salute, ma un’attività più intensa ha maggiori benefici, secondo un nuovo studio pubblicato oggi su Nature Medicine. Nel più grande studio fino ad oggi sull’attività fisica misurata con l’accelerometro, un team guidato da ricercatori dell’Unità di epidemiologia del Medical Research Council (MRC) dell’Università di Cambridge ha analizzato i dati di oltre 96.000 partecipanti alla biobanca britannica.

Le attuali linee guida sull’attività fisica dei Chief Medical Officer del Regno Unito raccomandano che gli adulti dovrebbero mirare a essere attivi ogni giorno e che gli adulti dovrebbero intraprendere 150 minuti di attività di intensità moderata (equivalente a una camminata veloce) o 75 minuti di attività di intensità vigorosa (come in esecuzione) ogni settimana. Ricerche precedenti hanno dimostrato che l’attività di intensità moderata e vigorosa conferisce maggiori benefici per la salute rispetto all’attività di intensità leggera, ma non è stato chiaro se ciò sia perché contribuisce in modo maggiore alla quantità totale di attività fisica, o se ha ulteriori benefici per la salute oltre Questo.

Una sfida che i ricercatori devono affrontare è stata che il movimento incidentale a bassa intensità che si accumula nel corso delle attività quotidiane è molto difficile da ricordare con precisione e di conseguenza difficile da misurare utilizzando i questionari. I dispositivi indossabili hanno consentito una migliore rilevazione di questo tipo di movimento che costituisce la maggior parte della nostra attività fisica quotidiana, ma fino ad ora non sono stati utilizzati su una scala sufficientemente ampia per determinare se un’attività più intensa contribuisce alla salute, distinta dall’aumento totale volume.

I ricercatori hanno utilizzato i dati di 96.476 adulti di mezza età in Gran Bretagna per indagare se un’attività di intensità moderata o superiore contribuisse a un minor rischio di morte oltre al suo contributo al volume totale di attività. Queste persone hanno indossato un tracker di attività di ricerca sul polso dominante per una settimana come parte della loro partecipazione allo studio della Biobank del Regno Unito. I ricercatori hanno utilizzato i dati sulla durata e l’intensità del movimento raccolti per calcolare il volume totale di attività, espresso come dispendio energetico per attività fisica (PAEE). I ricercatori hanno anche determinato la percentuale di quel volume ottenuta attraverso un’attività di intensità moderata e vigorosa.

I partecipanti alla Biobanca del Regno Unito avevano un PAEE medio di 40 kJ / kg / giorno, un terzo del quale proveniva da attività di intensità almeno moderata, sempre in media. A causa dell’ampia scala dello studio, c’era molta variazione nei contributi dell’intensità sottostante a livelli di volume simili.

I ricercatori hanno esaminato se i livelli di attività fisica fossero associati al rischio di morte nel periodo di follow-up in media di 3,1 anni. Durante questo periodo 732 dei 96, 476 partecipanti sono morti, anche se i ricercatori hanno escluso coloro che sono morti entro il primo anno dalla loro analisi e hanno preso in considerazione le condizioni esistenti come diabete, malattie cardiache e cancro in quanto potrebbero ridurre l’attività fisica.

Spendere più energia di qualsiasi intensità è stato fortemente associato a un minor rischio di morte nei tre anni successivi. I partecipanti che accumulavano 20 kJ / kg / giorno attraverso l’attività fisica avevano un terzo in meno di probabilità di morire rispetto a coloro che avevano accumulato 15 kJ / kg / giorno, quando la proporzione di un’attività di intensità almeno moderata era del 10% in entrambi i casi. L’attività aggiuntiva equivale a una passeggiata di 35 minuti, con altri due minuti a ritmo sostenuto.

Coloro che hanno accumulato 30 kJ / kg / giorno avevano circa la metà delle probabilità di morire nel periodo di follow-up rispetto a coloro che hanno accumulato 15 kJ / kg / giorno, quando la proporzione di un’attività di intensità almeno moderata era del 10% in entrambi i casi. Tuttavia, se questo volume di 30 kJ / kg / giorno includeva il 30% di un’attività di intensità almeno moderata, le probabilità di morire erano solo un quarto circa. La differenza tra questo scenario e il riferimento di 15 kJ / kg / giorno e del 10% equivale a un’ora di passeggiata più 35 minuti a ritmo sostenuto.

La dottoressa Tessa Strain dell’MRC Epidemiology Unit, e autrice principale dell’articolo, ha dichiarato:

“I nostri risultati mostrano che fare più attività di qualsiasi intensità è benefico, ma che spendere quelle calorie in un’attività più intensa è ancora meglio. Aumentando gradualmente l’intensità dell’attività fisica che facciamo ogni giorno possiamo migliorare la nostra salute futura”.

Il dottor Søren Brage, anche lui dell’MRC Epidemiology Unit e autore senior dell’articolo, ha aggiunto:

“La nostra ricerca mostra come l’uso di dispositivi indossabili in grado di misurare l’attività fisica in grandi coorti possa aiutare a districare i ruoli del volume e dell’intensità dell’attività nell’influenzare la salute futura. La disponibilità di dati da quasi 100.000 partecipanti alla Biobanca britannica, sostenuta da un serie di studi di validazione, ci ha permesso di confrontare l’impatto delle attività di intensità in gruppi con simili volumi complessivi di attività fisica, e dimostrare che più intensa attività fisica ha benefici per la salute oltre la semplice contribuendo alla totale attività del volume. I nostri risultati mostrano anche che i volumi di attività accumulati quasi esclusivamente attraverso un’attività leggera potrebbero ancora dimezzare il rischio di mortalità. Presi insieme, ciò significa che ci sono molti percorsi diversi per mantenere una buona salute e le persone possono scegliere il percorso che funziona meglio per loro “.