100567178

Ci sono molti modi in cui confrontarci con la nostra paura. La pratica delle Cinque Rimembranze ci aiuta a coltivare la non-paura. La prima rimembranza è quella di respirare consapevolmente e dire: “Io invecchierò. Inspirando,io so che invecchierò. Espirando, so che non posso sfuggire la vecchiaia”. Abbiamo paura di invecchiare e pensiamo: “La vecchiaia è per le altre persone, io sono ancora giovane. Non voglio pensarci”. Ma la paura rimane. La seconda rimembranza è: “Io morirò. Non posso sfuggire la morte. Inspirando, so che morirò. Espirando, so di non poter sfuggire la morte”. La terza è: “Mi ammalerò. Non posso sfuggire la malattia che accompagna la vecchiaia e la morte”. La quarta è: “Un giorno dovrò lasciare tutto quello che mi è caro oggi e le persone che amo. Dovrò lasciarle andare. Ciò significa che non posso portarle con me quando morirò. Sono venuto a mani vuote e me ne andrò a mani vuote”. La quinta rimembranza è: “Io sono l’unico erede delle mie azioni. Porterò con me soltanto il frutto delle mie azioni”. (…). Raccogliamo quello che abbiamo seminato. Prendiamo con noi solo i risultati delle nostre azioni.

Ci sono realtà dure con cui confrontarsi: la malattia, la vecchiaia, la morte, l’abbandono di chi amiamo e di ciò che abbiamo caro e il fatto che non possiamo portare niente con noi eccetto il frutto delle nostre azioni. Questi sono i fatti nudi e crudi. Questa è la realtà. Intellettualmente lo sappiamo, ma emotivamente non vogliamo pensarci. Il seme della paura è sempre là, in fondo alla nostra coscienza. Il Buddha ha detto: “Lasciate affiorare questi semi”. Esortava i suoi monaci e le sue monache a praticare Le Cinque Rimembranze. Ogni mattina, noi inspiriamo ed espiriamo confrontandoci con la nostra paura. Anche se la paura non affiora, la invitiamo a salire. Pensiamo: “Io morirò. Non posso sfuggire la morte. Buon giorno, paura mia, so che ci sei”. Dopo essere stata invitata, la vostra paura tornerà al suo posto originale. Questa è una buona circolazione per la psiche. Mentre fate questo, la vostra paura fa un bagno nell’oceano della presenza mentale, della consapevolezza. Offrite una piscina alle vostre formazioni interne. Abbracciate le vostre afflizioni per qualche minuto, loro si indeboliscono e poi ritornano nella coscienza deposito.

Se fate così ogni giorno, la vostra paura diminuirà; questa è la prescrizione del Buddha. Ci comportiamo in questo modo non soltanto con la paura, ma anche con qualunque altra afflizione che abbiamo nel profondo della coscienza. Quando nella mente c’è una buona circolazione i nostri sintomi di malattia mentale scompariranno presto.

Da: Thich Nhat Hanh, “Il sentiero. Discorsi di un ritiro di meditazione“ ]

– Thich Nhat Hanh (amazon) 

Related Posts
Da qualche parte, certamente
Un interessante ed emblematico breve racconto che offre qualche suggerimento sul modo più opportuno di affrontare le difficoltà della vita.«Un uomo si sentiva perennemente oppresso dalle difficoltà della vita e ...
READ MORE
Meditazione e mindful eatin: 4 step fondamentali per il benessere quotidiano da realizzare a casa
I consigli del California Prune Board alla scoperta del benessere indoor tra meditazione e alimentazione Dedicare il tempo libero ad attività produttive e utili quando si è costretti in casa è ...
READ MORE
L’opportunità di meditare – Ajahn Chah
La noia non è un problema reale; se guardiamo con attenzione, possiamo vedere che la mente è sempre attiva. Dunque, c'è sempre lavoro da fare. Fare personalmente certe piccole cose, come rigovernare con ...
READ MORE
Who you are?
Le poesie, secondo una specifica ottica finalizzata al conseguimento di uno stato meditativo, dovrebbero essere una modalità di comunicazione sintetica. I versi, senza ciance e orpelli, quantomeno speculare su nulla, ...
READ MORE
Paura del silenzio – Thich Nhat Hanh
Ho l'impressione che molti di noi temano il silenzio. Stiamo sempre afferrando qualcosa - testo, musica, radio, televisione o pensieri - per riempire lo spazio. Se silenzio e spazio sono così importanti ...
READ MORE
Meditazione
Lo studio più completo fino ad oggi sull'esperienza della pura consapevolezza durante la meditazione Nel contesto della pratica meditativa, i meditatori possono sperimentare uno stato di "pura consapevolezza" o "pura coscienza", ...
READ MORE
Musica: esce Weekend, il nuovo singolo di Alex Casini
Roma, 20 giugno 2022 - Alex Casini, deejay e producer, lancia il nuovo singolo "Weekend" all'insegna del divertimento, con un travolgente sound estivo che si preannuncia diventare uno dei pezzi più ...
READ MORE
L’idea di noi stessi – Alan W. Watts
Il nostro problema è che il potere del pensiero ci pone in grado di costruire simboli indipendentemente dalle cose stesse. Questo implica l’attitudine di creare un simbolo, un’idea di noi ...
READ MORE
Meditazione – Swami Vivekananda
Lo stato meditativo è il più alto stato dell’esistenza. Fino a che c’è il desiderio, non può venire nessuna vera felicità. È solo lo studio degli oggetti, contemplativo, simile a un ...
READ MORE
Meditare è essere al cento per cento nella realtà
“«La meditazione è l’esperienza spontanea della non-dualità. Nel nostro sistema non ci sono né concentrazione sulle immagini, né rituali per indurre lo stato di meditazione. Noi lavoriamo con la Coscienza ...
READ MORE
Da qualche parte, certamente
Meditazione e mindful eatin: 4 step fondamentali per
L’opportunità di meditare – Ajahn Chah
Who you are?
Paura del silenzio – Thich Nhat Hanh
Consapevolezza senza senso di sé
Musica: esce Weekend, il nuovo singolo di Alex
L’idea di noi stessi – Alan W. Watts
Meditazione – Swami Vivekananda
Meditare è essere al cento per cento nella