pexels-photo-4101143

Ottenere terapia o consulenza per problemi sembra essere una tendenza al giorno d’oggi. Non è niente per le persone lasciare casualmente una riga sul “andare dal proprio terapista” nelle conversazioni sociali. I terapeuti sono come i telefoni cellulari: tutti ne hanno uno.

La consulenza può essere buona fino a un certo punto. Tuttavia, i problemi psicologici che molte persone affrontano in questi giorni possono essere al di là della portata dell’aiuto di un terapeuta.

Se hai visto un terapista e sembra che tu abbia ancora problemi, non sei solo. Ecco cinque motivi per cui la consulenza potrebbe non funzionare per te. Non preoccuparti. Questi cinque motivi probabilmente non sono colpa tua.

1. Il terapista potrebbe non essere qualificato per aiutarti.

Molte persone potrebbero non rendersi conto che il loro terapeuta non è qualificato nelle aree giuste per aiutarli. Solo perché il tuo terapista è andato al college e si è laureato, non significa che all’improvviso sappia tutto. Dopo tutto, una laurea è solo un pezzo di carta.

Il terapeuta potrebbe aver preso brutti voti al college. Potrebbero aver fatto il minimo indispensabile per passare. Non sai se il tuo terapista ha imbrogliato fino al college o no.

Si spera che non sia così, ma sfortunatamente succede. Alcune persone vogliono solo uno stipendio. Non lasciare che questo ti renda paranoico. Tieni presente che a volte le persone non sono sempre ciò che sembrano.

La buona notizia è che nella maggior parte dei casi il terapeuta non è malizioso. È possibile che non siano veramente bravi nel loro lavoro. Succede.

Un’altra considerazione è in cosa sono certificati. Forse non sono specializzati nell’area in cui hai bisogno di aiuto.

Esistono quattro tipi di terapisti:

  • Psichiatri – veri medici (MD) che possono prescrivere medicine.
  • Psicologi – come gli psichiatri, ma non possono prescrivere medicine. Di solito hanno un dottorato.
  • Consigliere professionista autorizzato – non sono medici. Sono solo consiglieri. Possiedono almeno un master e una certificazione statale.
  • Assistente sociale clinico autorizzato – ancora una volta, non un medico. Di solito hanno un master in servizi sociali.

Come puoi vedere, se le tue esigenze di consulenza sono più mediche, devi assicurarti di vedere uno psichiatra o uno psicologo.

È importante cercare un terapista proprio come faresti per qualsiasi acquisto importante che faresti. Guarda le recensioni, vedi se fanno parte del Better Business Bureau (BBB) ​​e controlla le associazioni professionali di cui fanno parte. Sfortunatamente, probabilmente non sarai in grado di parlare con i loro clienti poiché la consulenza è riservata, quindi dovrai fare affidamento sulle recensioni online.

A volte la tua assicurazione può coprire solo un terapista. Se è così, potresti pensare di non avere scelta in merito. Tuttavia, se il terapista non ti aiuta, è uno spreco di tempo e denaro per tutti.

2. Tu e il tuo terapista non siete d’accordo.

Alcune persone semplicemente non vanno d’accordo. Forse non riesci a individuare con esattezza di cosa si tratta del terapeuta che ti strofina esattamente nel modo sbagliato, ma puoi sentire che qualcosa non va bene. Potrebbe essere solo una brutta atmosfera che stai ricevendo dal terapeuta.

Non è che sia successo qualcosa di “brutto” tra te e il terapeuta (si spera). Forse il terapista non è il tipo di persona con cui ti vedresti mai interagire.

Probabilmente senti che la cosa responsabile da fare è ignorare questa sensazione. Siamo tutti diversi e dovremmo accettare le differenze l’uno dell’altro. Anche se sembra la cosa giusta da fare, non è necessariamente la cosa giusta da fare.

Forzandoti a lavorare con un terapista con cui non sei necessariamente d’accordo, ti metti in una situazione scomoda. Hai bisogno di un terapista di cui ti puoi fidare e con cui aprirti . Se non ti piace il tuo terapista, ci sarà sempre una parte di te che trattieni, il che danneggia le tue possibilità di successo della terapia.

Potrebbe non essere tutto su di te. Forse ti senti come se il tuo terapista non ti piacesse. Anche se questo non è vero, se ti senti in quel modo, la tua terapia sarà influenzata negativamente da questa sensazione. Forse il terapista può aiutarti a superare quei sentimenti, ma probabilmente starai meglio solo vedendo un terapeuta con cui ti trovi bene.

3. Non hai abbastanza tempo.

Ognuno ha esigenze terapeutiche diverse. Proprio come la consulenza è spesso adattata all’individuo, anche il tempo dovrebbe esserlo. Purtroppo non è così che funziona.

La maggior parte delle sessioni di terapia durano da mezz’ora a un’ora e mezza. Una volta raggiunto il limite di tempo, il terapista interromperà bruscamente la sessione. Il più delle volte, questo è perché hanno una linea di clienti dietro di te. Potrebbe essere che la tua assicurazione copra solo un certo periodo di tempo e, poiché i terapisti vengono pagati a ore, non sono inclini a darti minuti gratuiti.

Se sei mai stato fino alle ginocchia nel parlare con un terapista e all’improvviso ti interrompono e dicono che i tuoi tempi sono scaduti, sai quanto può essere disorientante quella sensazione. Ecco che stai aprendo il tuo cuore, finalmente, e il terapeuta decide improvvisamente che non vogliono più ascoltare. Non è esattamente quello che succede, ma è così che ci si sente.

Ora devi tenere tutto dentro fino alla prossima settimana. A quel punto, i tuoi sentimenti e la tua vita potrebbero cambiare e il punto che stavi facendo questa settimana potrebbe non essere più rilevante entro la prossima settimana.

Il tempo potrebbe essere una delle ragioni principali per cui la consulenza non funziona per te. Semplicemente non hai abbastanza tempo. Le sessioni non dovrebbero essere un intervallo di tempo valido per tutti, ma purtroppo lo sono.

4. È troppo costoso.

Se sei abbastanza fortunato da avere un’assicurazione che copre la consulenza, questo potrebbe non interessarti molto. Tuttavia, se non hai un’assicurazione, significa che stai pagando per la consulenza di tasca propria.

Ammettiamolo: la consulenza è incredibilmente costosa . La persona media può permettersi di pagare di tasca propria solo per poche sedute. Due sessioni potrebbero facilmente essere il tuo intero stipendio per la settimana.

Anche se sei ricco e puoi permetterti tutte le sessioni di cui hai bisogno, il costo della consulenza può essere sorprendente. Pagare tutti questi soldi per parlare con qualcuno potrebbe farti sentire peggio. Questo dilemma è particolarmente vero se stai lottando per sbarcare il lunario.

Cercare di pagare costose bollette di consulenza può causare disturbi mentali oltre a ciò che già sta succedendo. Inizierai a preoccuparti di come tenerti al passo con i pagamenti . Potresti iniziare a pensare a cosa potresti fare con quei soldi che stai spendendo solo per parlare con uno sconosciuto.

Alla fine, preoccuparsi del costo della consulenza probabilmente diventerà troppo opprimente. Potresti finire per smettere, il che essenzialmente uccide i progressi che hai fatto fino a quel punto.

Non sentirti male. Molte persone non possono permettersi di pagare di tasca propria per la consulenza. È semplicemente troppo costoso.

5. Hai bisogno di qualcosa di più della consulenza.

Questo ha a che fare un po ‘con te, ma non in un certo senso che tu abbia fatto qualcosa di sbagliato. Come affermato in precedenza, la terapia non è un tipo di trattamento valido per tutti. Per alcune persone, alcune sessioni su un divano con un terapista li metteranno a posto. Per altri, parlare semplicemente dei loro problemi non inizia nemmeno a graffiare la superficie.

C’è la possibilità che tu abbia bisogno di qualcosa oltre alla consulenza o qualcosa in aggiunta alla consulenza. La soluzione potrebbe essere un approccio in più fasi. Spesso questo significa terapia più farmaci.

I farmaci non sono l’unica cosa che potrebbe essere aggiunta alla consulenza per farlo funzionare. Potrebbe essere necessario apportare modifiche allo stile di vita . Questa svolta può arrivare sotto forma di cambiare la tua dieta, sbarazzarti di persone tossiche nella tua vita, cambiare carriera e altro ancora.

Se parlare dei tuoi problemi non funziona, il tuo terapista dovrebbe essere in grado di individuarlo e apportare le modifiche appropriate. Dovresti anche parlare apertamente se ritieni che non funzioni. Tu e il tuo terapista dovreste lavorare insieme per trovare la giusta combinazione per aiutarvi.

Considerazioni finali sul perché la terapia potrebbe non funzionare

Ottenere aiuto attraverso la consulenza per problemi psicologici si è dimostrato estremamente efficace, ma per alcune persone semplicemente non funziona. Non è niente che stai facendo di sbagliato. Potrebbe essere solo che la consulenza non è ciò di cui hai bisogno.

Non aver mai paura di cambiare le opzioni di trattamento se non funzionano. Naturalmente, dovresti parlare con il tuo terapista prima di alzarti e smettere. Il tuo terapista potrebbe suggerirti altri terapisti o lavorare con te per trovare altri modi per gestire i tuoi problemi.

Se la terapia non funziona per te, non sei solo. Molte persone hanno bisogno di un aiuto alternativo o aggiuntivo. La cosa più importante è ottenere l’aiuto di cui hai bisogno in qualsiasi modo funzioni meglio per te.