Siamo alle solite. La rana zen si recò dal suo inestimabile precettore a chieder lumi sulla congruità delle sue scelte morali. Non è che non sapesse di avere esagerato. Ma tormentata dai sensi di colpa cercava un modo per lenire l’indicibile sofferenza interiore, ossia il lancinante rimorso. E cosa meglio di un sonoro rimbrotto e della conseguente rimarchevole penitenza?

Dunque la coscienza non le lasciava tregua e doveva comunque tacitarla. Il suo più vivo desiderio era espiare i propri errori, ciò che la pubblica morale, introiettata come superego, considerava peccati. Al maestro, quindi, l’incombenza di escogitare un succedaneo che resettasse la sua mediocre autostima.

La rana era convinta che l’austero monaco sarebbe stato inclemente, avrebbe infierito senza pietà. La sua punizione si sarebbe dimostrata esemplare. Sìcchè, per farla breve, si recò da colui che nella sua fervida immaginazione rappresentava il sublime, il maestro dei maestri, e gli espose senza mezzi termini il malfatto.

– “Maestro, ho commesso di tutto”, principiò. “Pur essendo consapevole di essere anche il mio prossimo ho prevaricato chiunque con ignobili sotterfugi. Mi sono avvalsa delle mie conoscenze per ottenere sempre il meglio del meglio. Sì, vedevo la gente soffrire, alcuni non avevano nemmeno uno straccio di lavoro, neanche un minimo di sostentamento, ma m’illudevo che fossero solo semplici numeri, entità impersonali. Ero convinta che col tempo avrei aiutato un po’ tutti e invece… ho fallito miseramente. Maestro, dammi la punizione che merito.”

– “Non hai commesso nulla, figliola”, le rispose senza pensarci due volte l’esimio. Le voltò le spalle e andò via.

Il mondo della rana si fermò. Le scimmie appollaiate sugli alberi della speranza nel giardino del Tempio dei senza-luce sghignazzavano. Il quadro d’assieme era davvero sconfortante. Poi, d’improvviso, come fosse piovuta dall’alto, un’idea, la chiave dell’enigma.

– “Non ha voluto punirmi perché ignorare i miei errori è stato il castigo più feroce che potesse infliggermi. Nessuna espiazione, alcun palliativo. Dio delle rane, che mi resta?”

“Cambia rotta, figliola, medita, ricerca te stessa e ritroverai quella medesima innata consapevolezza che ti consentì di rinascere rana”, parve suggerirle il gatto del Tempio, il più straordinario felino che mente anfibia avesse mai immaginato. Poi una pioggerellina fine cominciò a bagnare il tutto, i fili dell’erba erica, come primule e viole, i belli, i buoni, i brutti, i cattivi, l’assieme … e la vita riprese inesorabilmente l’antico, inesplicabile corso. 

Related Posts
Jumeirah Bali
Jumeirah Group , la società globale di ospitalità di lusso e membro di Dubai Holding, ha ulteriormente ampliato il proprio portafoglio internazionale con il debutto del suo primo splendido resort contemporaneo ...
READ MORE
L’atteggiamento giusto
Mentre state meditando, può capitarvi di sentire le gocce di pioggia che cadono dal tetto nel buio. Più tardi l’incantevole bruma si poserà tra i grandi alberi, e ancora più ...
READ MORE
Ritorneranno
Credi di esser qui per la prima volta? No no, ti sbagli, forse sei qui da sempre. Guardati intorno. Cos'è che vedi? Anime! Gente che va, gente che viene ... Ritorneranno Ritorneranno, sì ritorneranno  e tu, piccolo dio ...
READ MORE
Meditare è essere al cento per cento nella realtà
“«La meditazione è l’esperienza spontanea della non-dualità. Nel nostro sistema non ci sono né concentrazione sulle immagini, né rituali per indurre lo stato di meditazione. Noi lavoriamo con la Coscienza ...
READ MORE
Il potere del Chirurgo Supremo
Om Shanti, “il potere del chirurgo supremo”. Quando succede qualcosa che vi altera sedetevi nel silenzio e passate quel fardello al supremo. Non tenetelo per voi, non parlatene in modo ...
READ MORE
Libertà interiore – Matthieu Ricard
Essere liberi vuoi dire essere padroni di se stessi. Per molti, significa libertà d'azione, di movimento e di opinioni, e l'opportunità di realizzare gli scopi che siamo prefissati. Ma così facendo poniamo ...
READ MORE
Il potere dell’Amore
Om Shanti, il potere dell’amore. La piccola parola io è importante. Usandola parlate di voi, ma non solo. Usandola parlate di altri e spesso questo include il paragone, il giudizio ...
READ MORE
La vera concentrazione sopraggiunge quando nessuno si concentra
"La sensazione corporea mi sembra un mezzo eccellente per facilitare il vostro approccio. Cercate di scoprire il vostro corpo, di lasciarlo vivere da sé , e non sotto il controllo di un ...
READ MORE
Meditazione
Lo studio più completo fino ad oggi sull'esperienza della pura consapevolezza durante la meditazione Nel contesto della pratica meditativa, i meditatori possono sperimentare uno stato di "pura consapevolezza" o "pura coscienza", ...
READ MORE
Stay Woke mi ha ricordato l’importanza di raccontare storie di ingiustizia da parte di coloro che ne sono più colpiti
Phoebe Powell/Darlinghurst Theatre Company Recensione: Stay Woke, di Aran Thangaratnam, diretto da Bridget Balodis. L'odore persistente dell'incenso e lo scricchiolio frettoloso di murukku e thattu vadai salutano il pubblico mentre ci si accomoda ai loro posti ...
READ MORE
Jumeirah Group apre un nuovo resort di lusso
L’atteggiamento giusto
Ritorneranno
Meditare è essere al cento per cento nella
Il potere del Chirurgo Supremo
Libertà interiore – Matthieu Ricard
Il potere dell’Amore
La vera concentrazione sopraggiunge quando nessuno si concentra
Consapevolezza senza senso di sé
Stay Woke mi ha ricordato l’importanza di raccontare