I probiotici possono aiutare i bambini e gli adolescenti con obesità a perdere peso se assunti insieme a una dieta a calorie controllate, secondo uno studio presentato all’e-ECE 2020, European Congress of Endocrinology on line. Lo studio ha rilevato che i bambini obesi che sono stati sottoposti a una dieta ipocalorica e trattati con probiotici Bifidobacterium breve BR03 e Bifidobacterium breve B632, hanno perso più peso e hanno migliorato la sensibilità all’insulina rispetto ai bambini a dieta. Questi risultati suggeriscono che gli integratori probiotici e una dieta a calorie controllate possono aiutare a gestire l’obesità nella popolazione più giovane e ridurre i rischi per la salute futuri, come malattie cardiache e diabete.

L’obesità è una preoccupazione per la salute globale e può portare a una serie di condizioni pericolose per la vita, come il diabete e le malattie cardiache. Il trattamento e la prevenzione rappresentano una seria sfida per la salute pubblica, soprattutto nei bambini e negli adolescenti. I bifidobatteri sono un gruppo di batteri probiotici che fanno parte del microbioma intestinale naturale e aiutano a prevenire l’infezione da altri batteri, come E. coli, e la digestione dei carboidrati e delle fibre alimentari. Durante la digestione, rilasciano sostanze chimiche chiamate acidi grassi a catena corta, che svolgono un ruolo importante nella salute dell’intestino e nel controllo della fame. Un basso numero di bifodobatteri può compromettere la digestione, influenzare l’assunzione di cibo e il dispendio energetico, portando ad aumento di peso corporeo e obesità.

Precedenti studi hanno suggerito che l’integrazione di probiotici con bifidobatteri potrebbe aiutare a ripristinare la composizione del microbioma intestinale, che può aiutare la perdita di peso e potrebbe essere un potenziale approccio per la gestione dell’obesità. Tuttavia, la ricerca attuale utilizza miscele di diversi ceppi di probiotici e non esamina gli effetti della sola somministrazione di bifidobatteri.

La dott.ssa Flavia Prodam e il suo team dell’Università del Piemonte Orientale, miravano a valutare l’impatto del trattamento probiotico dei bifidobatteri in bambini e adolescenti con obesità su una dieta controllata, sulla perdita di peso e sulla composizione del microbiota intestinale. 100 bambini e adolescenti obesi (6-18 anni) sono stati sottoposti a una dieta a calorie controllate e sono stati somministrati in modo casuale i probiotici Bifidobacterium breve BR03 e Bifidobacterium breve B632 o un placebo per 8 settimane. Sono state eseguite analisi cliniche, biochimiche e di campioni di feci per determinare l’effetto della supplementazione di probiotici sull’aumento di peso, sul microbiota intestinale e sul metabolismo.

I risultati hanno suggerito che i bambini che avevano assunto probiotici avevano una riduzione della circonferenza della vita, del BMI, della resistenza all’insulina e di E. coli nell’intestino. Questi effetti benefici dimostrano il potenziale dei probiotici nell’aiutare a trattare l’obesità nei bambini e negli adolescenti, quando sono sottoposti a restrizioni dietetiche.

“Gli integratori probiotici vengono spesso somministrati a persone prive di dati di prova adeguati. Questi risultati iniziano a dare prova dell’efficacia e della sicurezza di due ceppi probiotici nel trattamento dell’obesità in una popolazione più giovane”, commenta il dott. Prodam.

Lo studio suggerisce che l’integrazione con probiotici potrebbe modificare l’ambiente del microbioma intestinale e influenzare positivamente il metabolismo, aiutando i bambini o gli adolescenti obesi che stanno anche seguendo una dieta ristretta a perdere peso. Tuttavia, sono necessari studi più ampi su un periodo di tempo più lungo per indagare su questo.

Il dott. Prodam spiega: “Il prossimo passo della nostra ricerca è identificare i pazienti che potrebbero beneficiare di questo trattamento probiotico, al fine di creare una strategia di perdita di peso più personalizzata. Vogliamo anche decifrare più chiaramente il ruolo della dieta e dei probiotici composizione del microbioma. Questo potrebbe aiutarci a capire come il microbiota è diverso nei giovani con obesità “.