dreamstime_xxl_79520541

Speravo ancora di ricevere insegnamenti esoterici da Maharaj-ji, ma quando gli domandavo: «Come faccio a diventare illuminato?», lui replicava cose di questo genere: «Ama tutti, servi tutti, e ricordati di Dio», oppure: «Nutri la gente».

Se gli chiedevo: «Come posso conoscere Dio?», lui rispondeva: «Il modo migliore per venerarLo è in tutte le forme. Dio è in ogni cosa».

Questi semplici insegnamenti (amare, servire e ricordare) divennero le pietre miliari della mia vita.

Maharaj-ji leggeva nei pensieri altrui, ma oltre a ciò conosceva il cuore delle persone. Mi faceva impazzire.

Nel mio caso, mi aprì il cuore perché mi accorsi che sapeva tutto quel che c’era da sapere su di me, perfino i difetti più oscuri e vergognosi, pur continuando a volermi bene in modo incondizionato. Da quel momento, tutto ciò che volevo era condividere quell’amore.

Maharaj-ji, anche se sapeva che avrei voluto rimanere con lui per sempre, mi disse nella primavera del 1967 che era ora che tornassi in America. Mi raccomandò di non parlare di lui a nessuno.

Non mi sentivo pronto, gli dissi che non mi sembrava di essere abbastanza puro. Lui mi fece girare diverse volte, poi mi fissò con intenzione dalla testa ai piedi. Guardandomi negli occhi, esclamò: «Non vedo nessuna impurità».

Prima di lasciare l’India, mi svelarono che Maharaj-ji aveva concesso la sua ashiwad (benedezione) al mio libro. Obiettai: «Cos’è un’ashiwad? E quale libro?». Non avevo ancora iniziato a progettare il testo che sarebbe diventato Be Here Me. Quello era in effetti il volume di Maharaj-ji.

Mentre ero in attesa nell’aeroporto di Nuova Delhi, pronto a lasciare l’India, vidi che un gruppo di soldati americani mi stava osservando. Avevo i capelli lunghi, la barba lunga, e indossavo una lunga tunica bianca, che aveva tutta l’aria di un abito cerimoniale. Uno di loro mi si avvicinò e disse: «Cosa sei, una specie di yogurt?».

Sbarcai all’aeroporto di Boston, dove mio padre George mi stava già aspettando. Mi lanciò una rapida occhiata ed esclamò: «Svelto, sali in macchina prima che ti veda qualcuno». Pensai: «Questo sarà un viaggio interessante».

Dopo quarant’anni e un infarto quasi fatale, la vita è ancora un viaggio interessante.

Essere qui, ora, è perfino più importante, per me. Essere nel momento attuale, in pace qualsiasi cosa avvenga, diventa appagante.

Questa pratica mi permette di essere presente per amare e servire gli altri, per esprimere amore incondizionato nel mondo.

Quando si vive nel momento presente, l’adesso è tutto quanto esiste. Sembra che rallenti il tempo. Se la mente è placata, si entra nel flusso dell’amore, e si scorre da un momento all’altro in modo naturale, come il respiro.

Qualunque cosa si presenti, la accolgo con amore in quell’istante. Questa è la mia pratica di lucidatura dello specchio per riflettere l’amore di Maharaj-ji. In questo momento ci sono solo amore e consapevolezza.

Se una persona mi chiede come possa raggiungere il proprio cuore, gli consiglio quest’esercizio: Io Sono Consapevolezza Amorevole.

In India, le persone, incontrandosi e salutandosi, dicono: «Namasté», che significa:

Onoro in te il luogo in cui risiede l’universo intero. Onoro in te il luogo che è amore, luce, verità, pace. Onoro in te il luogo in cui, se tu sei in quel luogo in te e io sono in quel luogo in me, esiste soltanto uno di noi. Namasté.

(Da “Al di Là dello Specchio” di Ram Dass)

– Ram Dass (amazon)