100281771

Se trovate qualche difficoltà nella pratica, si tratta di un campanello d’allarme che vi segnala la presenza in voi di qualche idea erronea, per cui dovete stare attenti. Però non sospendete la pratica; andate avanti, conoscendo la vostra debolezza. Qui, allora, non c’è più alcuna idea di conseguimento. Qui non c’è alcuna idea fissa di realizzazione. Voi non dite: “Ecco l’illuminazione” oppure: “Non è questa la pratica giusta”. Anche nella pratica errata, se ve ne accorgete e continuate a andare avanti, è presente la retta pratica. La nostra pratica non può essere perfetta, ma, senza lasciarci scoraggiare, dobbiamo andare avanti. Ecco il segreto della pratica.

E, se volete trovare un incoraggiamento nel vostro sconforto, stancarsi della pratica costituisce di per sé un incoraggiamento. Vi incoraggiate quando ne diventate stanchi. Quando non volete più andare avanti con la pratica, è questo il segnale d’allarme. È come avere il mal di denti quando i vostri denti sono malati. Se sentite dolore ai denti, andate dal dentista. Ecco la nostra via.

La causa del conflitto consiste in qualche idea fissa o unilaterale. Quando tutti conosceranno il valore della pratica pura, i nostri conflitti diverranno sempre più rari. Ecco qual è il segreto della nostra pratica, la via di Dogen-zenji. Dogen ripete questo punto nel suo libro, Shobogenzo (Un Tesoro del Vero Dharma).

Se comprendete che la causa del conflitto è costituito da un’idea fissa o unilaterale, riuscirete a penetrare il significato di varie pratiche senza diventare schiavi di nessuna di esse. Se non prendete coscienza di ciò, diventerete facilmente schiavi di qualche via particolare, e arriverete a dire: “Ecco l’illuminazione! Ecco la pratica perfetta. Ecco la nostra via. Tutte le altre non sono perfette. La migliore è questa ”. Ci troviamo di fronte a un grosso errore. Non c’è alcuna via particolare nella vera pratica. Dovete trovare la vostra propria via particolare e sapere che genere di pratica avete fra le mani nel momento presente, adesso. Conoscendo sia i vantaggi sia gli svantaggi di una determinata pratica, potete praticare quella via particolare senza pericolo. Ma se avete un atteggiamento unilaterale, ne ignorerete gli svantaggi rilevando solo gli aspetti positivi. Alla fine scoprirete il lato peggiore della pratica e vi scoraggerete quando ormai sarà troppo tardi. È sciocco tutto ciò. Dovremmo essere grati agli antichi maestri che hanno puntualizzato questo errore.

Da: Shunryu Suzuki-roshi, “Mente zen, mente di principiante” ]

– Shunryu Suzuki-Roshi (amazon) 

Related Posts
Una paura impersonale – Ajahn Sumedho
Quando parliamo di “amore”, spesso ci riferiamo a qualcosa che ci piace. Per esempio, “amo il riso al vapore”, “amo il mango sciroppato”. In realtà intendiamo dire che ci piacciono, ossia che ...
READ MORE
Tratteggi
È venuto il momento di approfondire. Qui non si spiega e s'interpreta nulla. Non si descrive, tantomeno tratteggia. Semmai si vive. Semi-versi che preludono alla ri-scoperta dell'inconoscibile, di tutto ciò che fummo e poi ...
READ MORE
Meditazione Cristiana
Nelle culture Ebraica, Cristiana e Mussulmana, c’è la conferma che la Meditazione, considerata come mezzo per mettersi in contatto con la divinità, esiste in tutte le religioni.Gesù, con il suo ...
READ MORE
La forza dei guerrieri del clima a Six Senses Ninh Van Bay, Vietnam
BANGKOK – 12 maggio 2022 – Dopo il lancio di successo di Climate Warriors in occasione della Giornata della Terra il 22 aprile, questo ultimo programma per bambini Grow With Six ...
READ MORE
Cos’è la consapevolezza?
La consapevolezza è un’antica pratica buddista che riveste un profondo significato per la nostra vita attuale. Questo significato non ha alcuna relazione con il buddismo in sé o la conversione ...
READ MORE
Meditazione guidata sulla solitudine
La solitudine ha un significato e un valore diverso per ciascuno di noi. Per qualcuno è un grande problema, per altri una grande gioia. C’è chi vive in solitudine per scelta, chi ...
READ MORE
Precisazioni sulla meditazione – Ajahn Chah
Spesso la meditazione non è ben compresa. Pratichiamo in gruppo, ma non sappiamo veramente di cosa si tratti. Alcuni pensano che sia qualcosa di molto difficile. “Vengo al monastero, ma non riesco a ...
READ MORE
“Meditazione del giorno”: la Mindfulness come sana abitudine quotidiana
Prendersi cura di sé attraverso le piccole azioni di ogni giorno Una pratica per imparare a ritrovare calma e consapevolezza anche nella routine dei gesti quotidiani con sessioni sempre nuove ...
READ MORE
Meditazione
Lo studio più completo fino ad oggi sull'esperienza della pura consapevolezza durante la meditazione Nel contesto della pratica meditativa, i meditatori possono sperimentare uno stato di "pura consapevolezza" o "pura coscienza", ...
READ MORE
Meditare è essere al cento per cento nella realtà
“«La meditazione è l’esperienza spontanea della non-dualità. Nel nostro sistema non ci sono né concentrazione sulle immagini, né rituali per indurre lo stato di meditazione. Noi lavoriamo con la Coscienza ...
READ MORE
Una paura impersonale – Ajahn Sumedho
Tratteggi
Meditazione Cristiana
I guerrieri del clima affinano le loro abilità
Cos’è la consapevolezza?
Meditazione guidata sulla solitudine
Precisazioni sulla meditazione – Ajahn Chah
“Meditazione del giorno”: la Mindfulness come sana abitudine
Consapevolezza senza senso di sé
Meditare è essere al cento per cento nella