dreamstime_xxl_36850957

“La sensazione corporea mi sembra un mezzo eccellente per facilitare il vostro approccio. Cercate di scoprire il vostro corpo, di lasciarlo vivere da sé , e non sotto il controllo di un «me» soggetto all’alternanza continua di repulsione / attrazione, aggressione / difesa.
Considerate prima di tutto che non possiamo seguire un’idea ed allo stesso tempo lasciare che viva una sensazione corporea […]. 

Quando dirigiamo la nostra attenzione sul nostro corpo , dove abitano tutte le aggressioni, le difese e le reazioni, lasciamo che questa sensazione si imponga a noi senza visualizzarla nella sua forma, lasciamola emergere, aprirsi. Si possono fare svariatissime constatazioni, per esempio una mancanza d’uniformità, sentire certe parti che sono grevi, pesanti, mentre altre sono cave, vuote, calde o fredde, compresse; tutto ciò è un residuo delle reazioni dell’io. Si vede quanto è difficile afferrare la simultaneità dei componenti del corpo : si sentirà ora la fronte, ora il viso, la schiena, la nuca, le reni, le estremità superiori o le inferiori, una parte dopo l’altra; però per ottenere una sensazione globale non deve essere diretta .
Se trovate qualche difficoltà a pervenire a questa simultaneità lasciate parlare il vostro corpo, avete ancora qualche tensione da seguire in voi che deve eliminare da sola . […] Noterete come i diversi strati cedono, si aprono.
Alcune parti resisteranno, e ve ne accorgerete. […] Affinché tutte [le] parti ritrovino la propria vita in quanto corpo, aggiungere molto amore per esso. […]
Neppure lasciamo libero corso alle sensazioni. Se permettessimo loro di espandersi, noi vedremmo a che punto sono ricche, mentre sono atrofizzate dalla contrazione diffusa, dal gesto centripeto che ne impedisce lo sviluppo. Invece, per mezzo di un moto centrifugo, di dilatazione, tutti i nostri centri sensoriali si aprono ed esse diventano molto importanti. […]
Non rimane che l’oggetto «sensazione», il pensiero non interviene più, il corpo presenta un racconto interesse, una tale ricchezza, che ne restiamo soggiogati. La vera concentrazione sopravviene quando nessuno si concentra “.

Da: Jean Klein, La gioia senza oggetto )

– Jean Klein (amazon) 

Related Posts
Praticare con tutto l’impegno – Charlotte Joko Beck
Per anni e anni abbiamo costruito una visione condizionata della vita. C'è un 'io' e c'è quella 'cosa' là fuori che o mi respinge o mi attrae. Impostiamo la vita sul tentativo ...
READ MORE
Una parabola sul qui e ora
La meditazione è uno dei pochi fenomeni naturali che puoi realizzare solo qui e ora. La presenza di spirito che comporta implica, tuttavia, il superamento dell’ego. Ci sarai, ma nel ...
READ MORE
Naked foot on the sand
Calpestare tappeti di sabbia, erba e terra per sentirsi più liberi, rinforzare la muscolatura, migliorare la postura e dimenticare lo stressIl Barefooting arriva dalla lontana Nuova Zelanda, impazza tra le ...
READ MORE
Passione e missione
Passione e missione? Sono ben differenti! Mentre una missione dà l’idea di dover fare qualcosa comunque, la passione esprime una necessità che sorge spontaneamente.Naturalmente parliamo di passioni rispettose dell’altrui libertà ...
READ MORE
Meditazione Cristiana
Nelle culture Ebraica, Cristiana e Mussulmana, c’è la conferma che la Meditazione, considerata come mezzo per mettersi in contatto con la divinità, esiste in tutte le religioni.Gesù, con il suo ...
READ MORE
La felicità ultima non è un’esperienza mentale – Jean Klein
“Il cercatore come tale si volatilizza, sopravvive solo ciò che era all'origine della ricerca, il cercato, il trovato, l'avvenimento questo che può essere designato con il termine« illuminazione ». L '«ascoltato» ...
READ MORE
Il pane che mangiamo è l’intero cosmo – Thich Nhat Hanh
Al pari dell'islam, il cristianesimo è una sorta di prosecuzione dell'ebraismo. Tutti i rami appartengono allo stesso albero. Nel cristianesimo, quando celebriamo l'eucaristia, condividendo il corpo di Dio sotto le specie del ...
READ MORE
“Non è compito mio”
“Non è compito mio” raccontare “Una barzelletta zen”, tuttavia mi accingo ugualmente sperando che possiate sorridere almeno per il solo fatto che ci abbia comunque provato e tutto ciò favorisca, ...
READ MORE
Meditazione significa essere consapevoli …
La vita è piena di sofferenza, ma è anche piena di meraviglie: l’azzurro del cielo, la luce del sole, lo sguardo di un bimbo. Soffrire non basta, dobbiamo anche essere ...
READ MORE
Silloge poetica “Pensieri”
La poesia di Teresa Stringa come rifugio sicuroPensieri, volume della poetessa Teresa Stringa, pubblicato da Tomarchio editore nel 2021, è custode di un mondo poetico di alto livello emozionale. Un ...
READ MORE
Praticare con tutto l’impegno – Charlotte Joko Beck
Una parabola sul qui e ora
Naked foot on the sand
Passione e missione
Meditazione Cristiana
La felicità ultima non è un’esperienza mentale –
Il pane che mangiamo è l’intero cosmo –
“Non è compito mio”
Meditazione significa essere consapevoli …
Silloge poetica “Pensieri”