Per anni sono andato a letto tardi per svegliarmi con le sveglie che suonavano in rapida successione alle sette tutti i giorni, ricordandomi ancora una volta la tenace insistenza dei miei genitori a esercitare il mio peso.

Da giovane generazione Z o da adolescente millenario borderline, come la maggior parte dei miei coetanei, sono stato bombardato da quelli che mi piaceva chiamare post a misura di corpo ovunque e ovunque guardassi. E per molto tempo ho scelto di credere in loro con tutto il cuore.

Una combinazione di pressione dei genitori, aspettative sociali e standard culturali combinati per creare la perfetta grandinata di rabbia interna focalizzata sulla magrezza e un’ossessione malsana e improduttiva per il cibo.

All’esterno medio, sembravo un giovane in forma e abbastanza sano. Ma in realtà, il tumulto dentro di me non solo mi stava mangiando dall’interno, ma stava attivamente distruggendo il mio corpo.

La diagnosi – Diabete

Immaginate la sorpresa quando questo giovane adolescente apparentemente sano di 150 libbre ha scoperto di essere diabetico di tipo 1. Una malattia che gli era stata insegnata era per tutta la vita, difficile da gestire e quasi impossibile da costringere alla sottomissione. Un ragazzo che amava il cibo ma ne moriva di fame, contando le calorie e bruciandole come se stesse seguendo una dieta calorica per il bodybuilding, e poi cedendo alla tentazione di cibi malsani e abbuffandosi comunque.

Un uomo la cui famiglia credeva che un corpo in forma e splendido fosse ottenuto abbuffandosi, quindi esercitando le calorie fuori e incoraggiando fortemente il comportamento. Una società in cui questo comportamento non era solo anti-normalizzato, ma tabù che non si rendeva conto di avere un problema.

Quel ragazzo ero io.

Ho lottato per quasi tre anni con il peso della mia diagnosi, inizialmente continuando nella spirale malsana di abbuffate di cibo e conteggio delle caloriefino a quando una sessione di yoga finalmente ha fatto scattare le cose .

I giorni di salute mentale nelle scuole pubbliche sono rari e io ne sono un forte sostenitore. Offrono ai bambini l’opportunità di sedersi, riflettere e distogliere la mente dal caos e dalla frenesia della vita quotidiana per respirare.

Ricordo il giorno come uno che cambierà per sempre il modo in cui ho e continuerò a vivere la vita. Sono entrato intorno alle sei del mattino per una sessione di yoga prima della lezione, aspettandomi di aiutarlo a guidarlo poiché ero uno degli studenti che avevano organizzato la sessione.

Invece, ho ricevuto una lezione di umiltà, accettazione e importanza di me stesso.

Invece di immergersi in semplici posizioni yoga e allungamenti, per cominciare, l’istruttore ha chiesto a ciascuno di noi di sedersi e parlare con lei per tre minuti ciascuno, da solo.

Ma ciò che mi ha sorpreso di più durante il mio discorso con lei non è stata la conversazione che abbiamo avuto, ma il commento spontaneo che ha fatto mentre uscivo. I piaceri e un ringraziamento avrebbero potuto essere sufficienti, ma per qualche motivo si è sentita in dovere di dirmi che sembravo insoddisfatta, triste e persa . Che i miei occhi sembravano pesanti e appesantiti e per raggiungerla se volevo ulteriori sessioni di yoga in futuro.

Essendo una persona notoriamente sfacciata e riservata in pubblico, mi sono sorpresa quando le lacrime hanno cominciato a scorrere. Quell’istruttore aveva trovato il mio punto di rottura. Dopo un’altra sessione di gruppo, tornai da lei e le dissi tutto.

Qualcosa in lei mi ha fatto sentire come se potessi confidarmi con lei e il fatto che l’ho fatto molto probabilmente mi ha salvato la vita. Le ho parlato dei miei sforzi per contare le calorie, del mio diabete e dei miei sentimenti di tristezza per il fatto che non avevo alcun controllo sul mio corpo. Ha semplicemente ascoltato e mi ha chiesto di tornare nel suo studio di yoga quel pomeriggio.

Invece, ho ricevuto una lezione di umiltà.

E alla fine, quel pomeriggio si trasformò in più pomeriggi, cadendo in tre anni di lezioni di yoga gratuite in cambio di ore di volontariato. Nel tempo ha lavorato con me faccia a faccia, proprio come ha fatto il primo giorno in cui l’ho incontrata.

Ho imparato il reiki da lei, un’antica arte della meditazione, e lentamente, ma inesorabilmente, ho iniziato a ribaltare la marea non solo contro la mia malattia e diagnosi, ma anche contro il mio rapporto autodistruttivo con la mia salute mentale.

Anche se ammetto di essere finito in una forma molto migliore di come sarei finito altrimenti, non credevo più che lo standard di magrezza che mi era stato imposto fosse qualcosa che avrei dovuto soddisfare per i benefici degli altri. Gli standard culturali, le aspettative della società e la filosofia distorta dei genitori con l’esercizio e l’abbuffata non avevano alcun potere su di me se non glielo davo.

L’enfasi dello studio di yoga sulla forma fisica personale, l’impegno per me stesso e il guardare dentro se stessi per il miglioramento mi hanno trasformato a un livello fondamentale. Le pratiche di meditazione e lo yoga sono strettamente intrecciate. La meditazione enfatizza la consapevolezza di lunga durata in ogni aspetto della vita.

Ti chiede di considerare il “perché”. Perché scegli di intraprendere questa strada per lavorare oggi invece dell’altra? Perché non hai voglia di alzarti così presto? Perché ti senti così a disagio in queste situazioni?

Questa riflessione sulla consapevolezza che la meditazione ti insegna ci chiede di prestare attenzione alle parti della nostra vita che spesso facciamo con il pilota automatico o trascuriamo. Ti insegna ad ascoltare il tuo corpo al livello più fondamentale, dall’alzarsi e abbassarsi del petto al rumore bianco che risuona nelle orecchie quando cerchi di addormentarti.

La meditazione mi ha insegnato il positivismo.

Per me, sebbene all’inizio fosse molto scomodo, ho presto imparato che dopo aver meditato all’inizio di una sessione di yoga in studio, mi sentivo fisicamente e mentalmente rilassato. Le preoccupazioni dei compiti, della pratica sportiva e del college svanirono, non svanirono, ma improvvisamente non così pesanti.

E col tempo, ho imparato a usare la meditazione anche lontano dallo studio. Dopo i successivi due cattivi appuntamenti dal dottore in cui le mie medicine a cui ero stato somministrato aumentarono e ricevettero un paio di discorsi severi da parte degli adulti della mia vita, la meditazione sembrava il rifugio perfetto. Ed è stato davvero. Sono stato in grado di vedere la mia diagnosi per quello che era: un conglomerato di pressioni mentali che si erano manifestate fisicamente nel mio corpo come una malattia e una tossina.

La radice dei miei problemi non era il cibo sulla tavola, o quante miglia avevo corso quel giorno o quanto sudore stavo producendo, ma piuttosto l’esatto processo di pensiero che scorreva nella mia mente.

La meditazione mi ha insegnato il positivismo. Mi ha insegnato a respirare fisicamente e mentalmente a prendere fiato. Una volta che l’occhio della mia mente e i processi di pensiero mentale furono schiariti, fui in grado di riallinearmi anche fisicamente. Mi sono preso il tempo e gli sforzi per raddoppiare i miei sforzi verso la mia fisicità.

Non stavo più correndo all’infinito e “allenandomi” facendo qualcosa che non mi piaceva, ma facendo livelli crescenti di movimenti e difficoltà yoga che mi facevano sentire sazio sia emotivamente che fisicamente.

Lo yoga è diventato una tendenza quotidiana.

Dopo la scuola, ho passato ore nel corso degli anni imparando e allenandomi ad ascoltare il mio corpo. Ogni scossa in una posa incerta, la strana torsione della caviglia non era solo fisicamente coinvolgente, ma mi ha fatto fermare il mondo intorno a me. Nel corso del tempo, ho scoperto che non solo la mia forma cardiorespiratoria e la resistenza aumentavano, ma i miei livelli di diabete A1C, che hanno segnato la gravità della mia condizione, hanno iniziato a precipitare.

Oggi posso affermare con sicurezza di essere uno dei pochi diabetici di tipo 1 che ha la mia malattia completamente sotto controllo.

Sono la rara persona che è stata in grado di interrompere completamente i suoi farmaci ed evitare la dipendenza per tutta la vita, con un rapporto molto più sano con i cibi che voglio mangiare e quelli che ho bisogno di mangiare. Tuttavia, non ho sconfitto il diabete. Mi sono battuto. Ho sconfitto i pensieri negativi che controllavano la mia vita e le voci della società che mi interpretavano come un burattino. E sono molto più felice, più sano e più libero per questo.


Jake Wolff è uno studente che sta entrando nel suo secondo anno al college a Philadelphia, PA. È entrato nel mondo della meditazione e dello yoga durante l’ultimo anno di liceo e ha avuto significativi benefici positivi per il suo sviluppo personale. Lavora come rappresentante per Thrive Flower CBD e aiuta le persone a scoprire i benefici della medicina alternativa a base vegetale.

 

Immagine per gentile concessione di Artem Beliaikin .