Spesso la meditazione non è ben compresa. Pratichiamo in gruppo, ma non sappiamo veramente di cosa si tratti. Alcuni pensano che sia qualcosa di molto difficile. “Vengo al monastero, ma non riesco a stare seduto. Non ho molta pazienza. Mi fanno male le gambe, ho mal di schiena, mi fa male dappertutto. ” E così ci rinunciano e non vengono più, pensando di non riuscirci.

Ma in effetti, il samadhi (nel Buddhismo il termine samadhi indica una condizione in which the mente is stabile and stabile, grazie a un’aumentata capacità di concentrazione.non è sedersi. Non è camminare. Non è sdraiarsi né stare in piedi. Sedersi, camminare, chiudere gli occhi, sono solo azioni. Avere gli occhi chiusi non significa necessariamente che state praticando il samadhi. Potrebbe voler semplicemente dire che siete assonnati e offuscati. Se siete seduti con gli occhi chiusi ma vi state addormentando, se la testa vi ciondola e la bocca si apre, non è sedersi in samadhi. È sedersi con gli occhi chiusi. Samadhi e occhi chiusi sono due cose diverse. Il vero samadhi può essere praticato sia con gli occhi aperti che chiusi. Potete sedervi, camminare, stare in piedi o sdraiarvi.

Samadhi significa che la mente è stabilmente focalizzata con omnicomprensiva consapevolezza, contenimento, e attenzione. Siete costantemente consapevoli del giusto e dello sbagliato, in costante osservazione di tutte le condizioni che sorgono nella mente. Quando vi capite improvvisamente di pensare a qualcosa, di sentire avversione o desiderio, ne siete consapevoli. Alcuni si scoraggiano: “Non ci riesco. Appena mi siedo, la mente comincia a pensare a casa mia. È maschio. ” Hey! Se quello fosse il male, il Buddha non sarebbe mai diventato Buddha. Passò cinque anni a lottare con la sua mente, pensando a casa sua e alla sua famiglia. Si risvegliò solo dopo sei anni.

Da: Ajahn Chah, Il sentirero della pace, Ass. Santacittarama, 2002 ]

– Achaan Chah (amazon)
– https://it.wikipedia.org/wiki/Ajahn_Chah 

Related Posts
La compassione deriva dalla nostra interdipendenza – Jack Kornfield
Dal punto di vista della psicologia buddhista, la compassione è naturale: deriva dalla nostra interconnessione, che il buddhismo chiama «interdipendenza». È facile coglierla nel mondo fisico: nel grembo, ogni bambino è ...
READ MORE
Il potere dell’Impegno (breve meditazione guidata)
Om Shanti, “il potere dell'impegno”. Ottenere qualcosa implica impegnarsi, dedicarsi. Che sia a livello fisico o spirituale, mettere energia in qualcosa significa far sì che esista e proceda, in qualche modo. Alcuni pensano ...
READ MORE
Dietro l’astuto velo
Che ci sarà mai dietro il velo delle mere apparenze? Esiste un modo per aggirare l’esteriorità e percepire subito – senza l’intermediazione delle conoscenze pregresse, delle proprie più banali aspettative ...
READ MORE
Il potere di essere spensierati
Om Shanti, “il potere di essere spensierati”. Quando prestate attenzione a non sprecare pensieri, parole e azioni allora potete essere spensierati, perché quando la coscienza è serena l’impatto del mondo ...
READ MORE
Paura del silenzio – Thich Nhat Hanh
Ho l'impressione che molti di noi temano il silenzio. Stiamo sempre afferrando qualcosa - testo, musica, radio, televisione o pensieri - per riempire lo spazio. Se silenzio e spazio sono così importanti ...
READ MORE
L’opportunità di meditare – Ajahn Chah
La noia non è un problema reale; se guardiamo con attenzione, possiamo vedere che la mente è sempre attiva. Dunque, c'è sempre lavoro da fare. Fare personalmente certe piccole cose, come rigovernare con ...
READ MORE
Pratica di meditazione Tonglen – Pema Chodron
Il tonglen ribalta la logica abituale di evitare la sofferenza e cercare il piacere. Nel processo, ci liberiamo di modelli antichissimi di egoismo. Iniziamo a provare amore per noi stessi e per ...
READ MORE
Concetti contabili che ogni piccolo imprenditore dovrebbe conoscere
La contabilità può lasciare perplessi alcuni imprenditori, in particolare se non ne sono mai stati formati. Per gestire in modo efficiente la tua piccola impresa, non sono necessarie conoscenze contabili ...
READ MORE
I rimorsi della rana zen
Siamo alle solite. La rana zen si recò dal suo inestimabile precettore a chieder lumi sulla congruità delle sue scelte morali. Non è che non sapesse di avere esagerato. Ma ...
READ MORE
Difficoltà nella pratica di meditazione
Se trovate qualche difficoltà nella pratica, si tratta di un campanello d'allarme che vi segnala la presenza in voi di qualche idea erronea, per cui dovete stare attenti. Però non sospendete ...
READ MORE
La compassione deriva dalla nostra interdipendenza – Jack
Il potere dell’Impegno (breve meditazione guidata)
Dietro l’astuto velo
Il potere di essere spensierati
Paura del silenzio – Thich Nhat Hanh
L’opportunità di meditare – Ajahn Chah
Pratica di meditazione Tonglen – Pema Chodron
Concetti contabili che ogni piccolo imprenditore dovrebbe conoscere
I rimorsi della rana zen
Difficoltà nella pratica di meditazione