A cosa mi fa pensare? Dalla cultura ancestrale, alla natura selvaggia, all’aurora boreale ma anche a fate ed elfi. Ma quanto ne sappiamo esattamente? Ci sono tante piccole e grandi curiosità che riguardano questo Paese e che sono davvero particolari. Curiosi? 5 curiosità sul popolo islandese

5 curiosità sul popolo islandese
Aurore boreali islanda spettacolare foto di gruppo naturaviaggi 1024×1024 L Islanda davvero un posto magico

Curiosità n.1: il bon ton prevede che ci sia del tu nonostante le cariche ricoperte o l’età.
La seconda curiosità riguarda i cognomi: non esistono! Davvero singolare. Come si distinguono allora? Si accompagna il nome con “figlio/a di…”.
Terzo: l’uguaglianza di stipendio tra uomini e donne è d’obbligo. Non come nel resto dell’Europa…
Curiosità n.4: il popolo islandese crede all’esistenza degli elfi (ci credo, forse anche io se vivessi lì…).
Ed infine per evitare rapporti tra consanguinei, essendo una popolazione molto esigua, gli islandesi utilizzano un’app chiamata Islendingabók, ovvero libro degli islandesi.

5 curiosità sul governo dell’Islanda

L’Islanda non ha alcun esercito militare, ma solo la guardia costiera
Ha la più antica democrazia del mondo, e il suo parlamento risale al 930 DC.
Il sistema del Welfare Sociale e dell’educazione, che promuove una cultura egualitaria, e dall’esigua differenza tra le classi garantisce meno criminalità
Lo stemma di Stato islandese venne adottato nel 1944, quando l’Islanda divenne una Repubblica indipendente dal Regno di Danimarca: raffigura quattro spiriti guardiani (un drago, un gigante, un toro e un avvoltoio) e simboleggiano i quattro punti cardinali
La bandiera nazionale civile degli islandesi è blu come il cielo con una croce bianca come la neve, e una croce rosso-fuoco all’interno della croce bianca.

10 curiosità sulla vita in Islanda

Ma come si vive in questo Paese incantato?

L’ acqua islandese è così pura che viene distribuita nelle case senza alcun trattamento di depurazione
In Islanda è comune che una strada possa essere deviata nel suo percorso, per evitare che questa potesse intaccare un habitat naturale o una comunità di Elfi (vi giuro è la verità)
Le zanzare non esistono: non ci sono le zanzare, in quanto la sua escursione climatica impedisce la riproduzione delle larve (beati loro)
Ci sono oltre 2000 vulcani sull’isola e 200 di essi attivi e da questi si ricava il 25% dell’energia elettrica utilizzata dal paese
I genitori islandesi lasciano i loro bambini fuori a dormire ben coperti (acclimatamento), ad esempio se la madre è in un bar può lasciarlo fuori a dormire nel passeggino (impensabile qui)
E’ più alto il numero delle pecore che degli abitanti: parliamo di poco più di 360.000 persone e di più di 480.000 pecore!
Ogni anno si elegge l’albero più bello dell’Islanda perché? Perchè in effetti gli alberi sono abbastanza pochi. A seguito di un grosso disboscamento l’Islanda da parte dei primi coloni (i vichinghi), ne perse tantissimi che non furono ripiantati. Al momento gli alberi si trovano sul versante sud della collina di Öskjuhlíð a Reykjavík, dove vi imbatterete in un boschetto pieno di conigli; a Skorradalsvatn nell’Islanda Ovest, ma soprattutto ad Ásbyrgi e Hallormsstaðaskógur a Nord-Est: quest’ultima è la più estesa foresta islandese
Il nome Islanda deriverebbe da ísur “ghiaccio” e‎ land “terra” dovuto all’avvistamento di numerosi iceberg alla deriva nei fiordi occidentali da parte di un esploratore. In realtà solo il 10% dell’Islanda è occupato da ghiacciai.
Ritorno agli antichi culti: circa 4000 persone stanno riscoprendo l’Ásatrú, culto legato a Odino e alla divinità norrene abbandonato nell’anno 1000 in favore del Cristianesimo.
La lingua islandeseè rimasta praticamente invariata rispetto al Medioevo.