Nello Zen ci viene richiesta una cosa difficile: l’attenzione a questo preciso momento, alla totalità di ciò che accade ora. Il motivo per cui non vogliamo fare attenzione è che non sempre ciò che accade è piacevole. Non ci va.

Abbiamo una mente in grado di pensare. Le cose spiacevoli sono impresse nella memoria. Facciamo sogni sul futuro, sulle cose piacevoli che avremo e che faremo. Tutto ciò che accade nel presente lo passiamo a questo filtro: “Non mi piace. Non voglio sentirlo. Preferisco dimenticarlo e sognare quanto accadrà di bello ”. È un lavoro continuo: la mente gira, gira, gira costante nel tentativo di creare una vita piacevole, di farci sentire al sicuro e felici.

Facendo così non vediamo il qui-e-ora, questo preciso momento. Non lo vediamo perché siamo impegnati a filtrare. Ma ciò che accade è molto diverso da ciò che pensiamo. Chiedete a dieci persone di riassumervi questo libro, e avrete dieci distinte versioni. Si rimuovono i passi che non ci piacciono e si isolano quelli che ci gratificano. Delle parole dell’insegnante di Zen, sentiamo solo quello che vogliamo sentire. Essere aperti significa ascoltare tutto, non solo qualcosa. L’insegnante non è lì solo per essere carino con voi.
Il cardine dello zazen è questo: ritornare costantemente dal lavorio mentale al qui-e-ora. La pratica è questa. Ciò che dobbiamo sviluppare è la capacità di stare intensamente nel qui-e-ora. Dobbiamo sviluppare la capacità di decidere, di fare questa scelta: “Questa volta non me la filerò”. La pratica è una scelta ogni volta rinnovata, un bivio che ci si apre continuamente davanti. Momento per momento siamo chiamati a decidere tra il mondo meraviglioso dentro la nostra testa e la realtà. E la realtà, in una sesshin, è molto spesso stanchezza, noia e male alle gambe. Ciò che impariamo dal sedere tranquillamente con il disagio è così prezioso che, se non ci fosse, dovremmo inventarlo. Se avete dolore non potete filarvela. Il dolore vi costringe a stare con lui. Non ci sono altri posti in cui andare. Questo è il valore del disagio.

La pratica dello Zen mira a farci vivere con più agio. Vivere con agio significa imparare a non passare la vita a sognare, ma stare con ciò che è qui-e-ora, qualunque cosa sia. Buono, cattivo, bello, brutto, mal di testa, malattia o felicità non fa differenza.

Da: Charlotte Joko Beck, “Zen quotidiano“ ]

Charlotte Joko Beck (amazon)
– https://en.wikipedia.org/wiki/Joko_Beck 

Related Posts
Il vuoto è la pratica dello zazen (meditazione) – Shunryu Suzuki-roshi
Il punto più importante del Sutra della Prajnaparamita è, naturalmente, l'idea di vuoto. Prima che si comprenda l'idea di vuoto, ogni cosa sembra dotata di un'esistenza sostanziale. Ma, una volta presa coscienza ...
READ MORE
Il respiro durante Zazen – Wanshi
Durante zazen, invece di seguire i vostri pensieri […] siate attenti alla vostra respirazione. Osserva come respiri. Buddha consigliava di essere attenti al modo in cui si respira, di essere cioè coscienti ...
READ MORE
Essere è non pensare, pensare è non essere – Thich Nhat Hanh
In noi c’è un bambino che soffre e anche una scimmia irrequieta, non possiamo lasciare la scimmia da sola, non possiamo lasciare da solo il bambino affamato, lo spirito affamato, ...
READ MORE
Meditazione – Swami Vivekananda
Lo stato meditativo è il più alto stato dell’esistenza. Fino a che c’è il desiderio, non può venire nessuna vera felicità. È solo lo studio degli oggetti, contemplativo, simile a un ...
READ MORE
L’ego è l’identificazione con le forme di pensiero – Eckhart Tolle
Quando una forma di vita individuale, o una specie, è colpita da una crisi radicale, quando il suo vecchio modo di essere nel mondo, di interagire con gli altri e ...
READ MORE
15 vantaggi della meditazione a piedi (e come iniziare)
Quando Sir Isaac Newton descrisse la legge naturale del movimento , osservò che i corpi in movimento tendono a rimanerci a meno che un'altra forza non agisca su di essi. Newton si riferiva ...
READ MORE
Il potere della Parola
Om Shanti, “il potere della parola”. Provate a pensare di essere angeli che parlano ad angeli, anime ad altre anime. Nei vostri pensieri non dovreste accettare gli errori di qualcuno ...
READ MORE
“Meditazione del giorno”: la Mindfulness come sana abitudine quotidiana
Prendersi cura di sé attraverso le piccole azioni di ogni giorno Una pratica per imparare a ritrovare calma e consapevolezza anche nella routine dei gesti quotidiani con sessioni sempre nuove ...
READ MORE
Andar per giardini
Nel 2022 i Giardini di Castel Trauttmansdorff promuovono il concetto del tempo trascorso nel verde come risorsa per il benessere personale Workshop ed esperienze da regalarsi per stare bene Con l’inizio della ...
READ MORE
Una via
Il soggetto a cui sto per rivolgermi non è una persona specifica, quindi potresti essere proprio tu che leggi. Il suggerimento di fondo è di non correre sempre, ma di ...
READ MORE
Il vuoto è la pratica dello zazen (meditazione)
Il respiro durante Zazen – Wanshi
Essere è non pensare, pensare è non essere
Meditazione – Swami Vivekananda
L’ego è l’identificazione con le forme di pensiero
15 vantaggi della meditazione a piedi (e come
Il potere della Parola
“Meditazione del giorno”: la Mindfulness come sana abitudine
Andar per giardini
Una via