Nel 1985, il professore Helmut Sies utilizzò il termine “stress ossidativo” per definire il disturbo nell’equilibrio tra la produzione dei radicali liberi e le difese antiossidanti. I radicali liberi sono molecole che contengono ossigeno con un numero irregolare di elettroni che reagiscono con facilità con altre molecole, provocando reazioni chimiche chiamate ossidazione.

Quando queste specie reattive di ossigeno vengono prodotte, il nostro organismo attiva i sistemi di difesa come i sistemi antiossidanti endogeni. Quando però non funzionano e la produzione di radicali liberi è eccessiva, si verifica lo stress ossidativo.

Si tratta di una condizione che può essere molto pericolosa in quanto ha un ruolo importante nello sviluppo di patologie come il diabetel’ipertensione, le malattie neurodegenerative, i tumori e le malattie cardiovascolari.

Gli antiossidanti riescono a neutralizzare l’azione dei radicali liberi e ne riducono la formazione, aggiungono l’elettrone mancante in modo da renderlo incapace di ossidare altri componenti cellulari e fare danni.

Nel corso degli anni sono stati fatti diversi studi per comprendere meglio i danni che possono essere causati dallo squilibrio delle molecole ossidanti e antiossidanti nell’organismo, oltre che scoprirne le cause.

Per evitare l’esposizione ai radicali liberi e allo stress ossidativo, bisogna aumentare i livelli di ossigeno nel nostro organismo, in quanto indispensabile per il corretto funzionamento delle cellule.

Le cellule ricavano energia dagli alimenti tramite la respirazione cellulare aerobica usando, per l’appunto, l’ossigeno, quindi, più ne è presente nell’organismo e maggiore sarà l’energia a disposizione.

L’integrazione supplementare di ossigeno libera ossigeno nascente, altamente reattivo in quanto non legato in una molecola, che va a legarsi con altre molecole come i radicali liberi, andando ad annullare la potenziale azione negativa sulle cellule, evitando di causare malattie anche particolarmente gravi.

Un sistema innovativo di rigenerazione cellulare arriva da una serie di prodotti colloidali creati dalla SynergyO2 (www.synergyo2.eu), che mirano ad aumentare i livelli di ossigeno nell’organismo combattendo efficacemente lo stress ossidativo.

Si tratta di una formula liquida altamente mineralizzata che contiene anche amminoacidi, silicio organico vegetale, oligoelementi, elettroliti, zinco alimentare. Dopo aver assunto i prodotti SynergyO2, l’ossigeno viene liberato tramite la dissociazione di alcune molecole dell’acqua, formando atomi di ossigeno e idrogeno nascenti.

L’azione dei prodotti colloidali SynergyO2 è proprio quella descritta in precedenza: l’ossigeno nascente è particolarmente reattivo in quanto non legato in una molecola e va a legarsi ai radicali liberineutralizzandoli e annullando la loro capacità di creare dei danni cellulari.

Inoltre, viene prodotto anche ossigeno molecolare fin da subito disponibile per le cellule. I prodotti possono essere utilizzati per via orale o anche sotto forma di creme e gel da applicare sul corpo.

Ci sono diversi gruppi Facebook di testimonianze sule soluzione SynergyO2 in cui è possibile leggere delle opinioni di chi ha provato i prodotti traendone grandi benefici a lungo termine, tra cui il contrasto allo stress ossidativo, maggiore produzione di energia, rafforzamento del sistema immunitario, miglioramento dell’assorbimento delle sostanze nutritive, stimolazione della rigenerazione dei tessuti, maggiore capacità di concentrazione e miglioramento del sistema circolatorio e respiratorio.

Per approfondimenti visitare il sito internet www.synergyo2.eu.