zahnreinigung, dental repairs, treat teeth
Photo by rgerber on Pixabay
Il monito dell’European Federation of Periodontology: la poca cura della salute di denti e gengive potrebbe favorire lo sviluppo di patologie correlate anche di grave entità.

 

Rinunciare alle cure dentali per prevenire possibili infezioni da Covid-19 può in realtà esporre a maggiori rischi per quanto riguarda lo sviluppo di patologie correlate a una scarsa salute del cavo orale come: il diabete, le patologie cardiovascolari, la demenza e altre gravi malattie. A lanciare il monito è la EFP – European Federation of Periodontology che, come molte altre associazioni dentali nazionali e internazionali, ha pubblicato precise raccomandazioni sulle corrette norme da adottare nello studio odontoiatrico per operare in completa sicurezza anche in tempi di pandemia da Covid-19.

«Dentisti e parodontologi da sempre utilizzano protocolli di protezione efficaci per garantire la sicurezza dei loro pazienti da qualsiasi infezione. Anche nei primi periodi dell’esplosione della pandemia il numero di dentisti colpiti da Covid-19 è risultato significativamente basso rispetto all’incidenza sulla popolazione in generale», sottolinea il professor Filippo Graziani, past president EFP. Lo studio odontoiatrico si rileva d’altronde un luogo sicuro perché, come precisano WHO-World Health Organization e CDC – Center for Disease, Control, non sono stati, al momento, confermati casi di infezione da Covid-19 a seguito di visite odontoiatriche.

«La salute orale è una componente fondamentale del generale stato di salute e del benessere della persona e ciascuno di noi dovrebbe prendersi cura dei propri denti e delle proprie gengive per una migliore qualità della vita», ammonisce il professor Nicola West segretario generale della EFP. Un tema, quello della salute gengivale, che trova eco anche nell’importante iniziativa messa in campo da EFP in sinergia con WHF-World Heart Federation: perioandcardio.efp.org, un portale ricco di raccomandazioni, documenti scientifici, video e infografiche per sensibilizzare dentisti, cardiologi, operatori sanitari, farmacisti e la stessa popolazione sulla correlazione tra patologie gengivali e cardiovascolari. Secondo EFP e WHF il rischio di sviluppare patologie cardiovascolari aumenta nei pazienti che soffrono di patologie gengivali. Pazienti con parodontite dovrebbero mettere in atto tutte quelle azioni di prevenzione e di trattamento della patologia gengivale al fine di non aggravare il rischio di complicanze cardiovascolari.