Se prendessimo tutte le più dure gare di ultratrail degli ultimi anni scopriremmo qualcosa che non tanti anni fa pochi si aspettano: non solo le donne sono sempre più numerose e veloci e resistenti ma soprattutto le donne stanno diventando più veloci degli uomini.

È successo nell’edizione dell’anno scorso della Green Lakes Endurance Run – una ultratrail da 50 km – quando Ellie Pell ha battuto Richard Ellsworth di ben 8 minuti. Inutile specificare che lei è una donna e lui un uomo.

Un caso? Non proprio. 
È il 1989 e Ann Trason finisce la seconda nel campionato nazionale delle 24 ore, dopo Scott Demaree. Il problema è che ha percorso 3 miglia e mezzo più di lui. 
nel 2002 e 2003 Pam Reed vinse la tremenda Badwater 135 battendo ogni uomo. Finito? Non ancora. 
Courtney Dauwalter nel 2004 ha battuto il primo uomo nella Moab 240 Endurance Run. Di 10 ore. Per ora fermiamoci qui e analizziamo in cosa le donne stanno dimostrando tutta la loro preparazione fisica e mentale, spesso superando quella degli uomini, da sempre riconosciuti come fisicamente più prestanti e superiori (in termini fisici e atletici, s’intende).

Fatte per resistere

Ci sono distanze sulla quali la superiorità biologica dell’uomo è evidente: dalla più breve sino alle maratone o anche a certe ultra, il cuore dell’uomo è più grande ei tessuti sono meglio irrorati di ossigeno, decretando per forza di cose un vantaggio innegabile .

Se ci si addentra però sulle distanze più lunghe questo vantaggio si assottiglia sempre di più, fino a invertirsi oltre le 100 miglia: in quel territorio le donne sono lo 0.6% più veloci degli uomini. Vieni è possibile? Le cause potrebbero essere dovute.

Più estrogeni, più grassi

Le donne sono dotate di più estrogeni che aiutano a bruciare meglio i grassi. Ciò significa che superati i 90 minuti di corsa – quando cioè il glucidi si sono esauriti – le donne sanno trasformare meglio i grassi che hanno in proporzione più abbondante degli uomini. E non è finita.

Questione di fibra muscolare

I muscoli dell’uomo si contraggono con più forza, generando quindi maggiore sforzo e velocità più sostenute. Quelli della donna però sopportano meglio lo sforzo, anche perché sono meno sollecitati contraendosi con meno forza. Questo vantaggio si vede nelle fasi finali di una gara, quando l’uomo è più esposto al rischio di eccessivo affaticamento della muscolatura.

La gestione del dolore

Le gare di endurance sono gare in cui il dolore e la sofferenza devono essere sopportati più a lungo. Non deve quindi stupire l’individuo che meglio sopporta questi sforzi sia quello che è capace di sopportare i dolori del parto e in genere tutti i dolori fisici. Bada bene: la donna non soffre meno dell’uomo, è che ha più capacità di sopportare il dolore.

La mentalità della resistenza

Come detto, le donne riescono a gestire meglio il dolore, non è che lo percepiscano meno. Da un certo punto in poi di qualsiasi competizione, il vantaggio fisico si annulla. Dopo, come si sa, si corre con la mente e non più col corpo. È in questa fase dell’azione mentale delle donne è diverso da quello degli uomini: questi concepiscono la sofferenza come un limite da superare, le donne (anche inconsciamente, poiché la capacità di resistere al dolore del parto è scritta nel codice genetico, non viene insegnata né imparata) come un modo per imparare qualcosa che le può migliorare. SI tratta di atteggiamento diverso, e molte delle fortissime atlete citate prima descrivono i motivi per cui gareggiano non per il desiderio di primeggiare e mettersi alla prova ma invece come un modo per migliorare attraverso la gestione del dolore.

La condivisione

Le donne sembrano non concepire questa attività come esclusivamente individuale. Ovviamente la praticano in solitaria ma riescono a gioire sinceramente per le vittorie di altre donne, che conoscono e con cui spesso si sono scambiate consigli. L’essere accomunate da un obiettivo unico le rende meno ossessionate degli uomini che pensano sempre a queste gare come qualcosa che coinvolge solo la loro sfera individuale, senza poter essere una gioia condivisa.

L’insegnamento che si può trarre da tutto ciò non è solo che l’individualismo eccessivo ha dei grandi limiti e il vantaggio fisico è verificato solo fino a una certa distanza. L’insegnamento più forte e bello è che uno svantaggio fisico può essere trasformato in vantaggio grazie al potere della mente: che sa resistere di più, che sa coltivare un sentimento comunitario, che spinge più in là e più forte chi sa allenare quel muscolo molto particolare: non è un muscolo e sta nella testa di ognuno. Ma in quella delle donne funziona molto meglio.

(da Running da donna ) 

Related Posts
I ricavi di Canada Goose per i tre mesi terminati il ​​3 luglio sono cresciuti del 24,2%.
Canada Goose Holdings ha guadagnato slancio in vista dell'estate e Dani Reiss lo vede come un segno di ciò che accadrà quando il tempo si raffredderà. "Finora, non abbiamo visto alcun rallentamento ...
READ MORE
Patrizia Ciribè , Le donne della casa di pietra. Libro uno – Le origini
È un libro che parla di donne, di generazioni, contrasti e abusi. Ma soprattutto parla di come si possano rompere anche gli argini più alti e robusti. “È un romanzo ...
READ MORE
Nasce ANGELUSS, società di management che mira a portare più donne nei campionati mondiali di motociclismo
Dall'idea di Aurora Angelucci, nasce ANGELUSS, la società di management che si pone l'obiettivo di portare una maggior presenza femminile nei massimi campionati mondiali di motociclismo. Angeluss supporterà giovani talenti ...
READ MORE
Anne Hathaway e Zendaya per BVLGARI
La nuova campagna costellata di stelle di Bulgari presenta Anne Hathaway e Zendaya Per la sua ultima campagna del marchio, il gioielliere e orologiaio di lusso italiano Bulgari ha contattato Anne Hathaway e Zendaya, insieme ...
READ MORE
La violenza di cui non si parla: in aumento le violenze psicologiche sulle donne
I dati dell'ultimo rapporto Eures sulla violenza di genere fotografano una situazione allarmante. Ma che rappresenta solo la punta di un iceberg di un fenomeno molto più diffuso. Violenza sulle donne ...
READ MORE
Eugenio Alaio (a sx) intervistato da Mario Esposito
Campani, toscani, lucani e lombardi protagonisti dell'opera prima di Eugenio Alaio. Un storia dedicata ai viaggi, alle donne e alle dipendenze patologiche. Charity partner del progetto l’ALTS, Associazione per la lotta ai tumori del ...
READ MORE
Salute e benessere della donna dai 50 anni
7 alleati indispensabili per prepararsi all'estateEstate è sinonimo di vacanze e relax ma anche di caldo e afa che spesso aumentano il senso di affaticamento e debolezza, provocando capogiri e ...
READ MORE
È uscito “Per voce tua”, il libro che tutte le donne aspettavano
La battaglia di Anna per scardinare quel silenzio che accompagna lei e ogni donna sia ricorsa all’interruzione di gravidanza Roma, 9 agosto 2021 – Quando si sta male, quando non si trova un ...
READ MORE
Ralph Lauren si è classificato tra le “migliori aziende per le donne per avanzare”
Nell'elenco 2022 pubblicato di recente da Parity.org delle "Migliori aziende per le donne per avanzare", solo 43 aziende sono entrate nell'elenco e, dalla moda, solo  Ralph Lauren Corp. era annoverato ...
READ MORE
Mamme Ambiziose, storie di nove donne che ambiscono anche ad altro nella vita
Essere mamma è felicità, ma spesso non vuol dire realizzazione: nove donne e mamme, indipendenti e tenaci si raccontano attraverso le loro avventure, sventure, passioni, sogni e timori, per capire ...
READ MORE
I ricavi di Canada Goose per i tre
Patrizia Ciribè , Le donne della casa di
Nasce ANGELUSS, società di management che mira a
Le stelle di Bulgari
La violenza di cui non si parla: in
A Torre del Greco presentato “Il silenzio delle
Salute e benessere della donna dai 50 anni
È uscito “Per voce tua”, il libro che
Ralph Lauren si è classificato tra le “migliori
Mamme Ambiziose, storie di nove donne che ambiscono