Matteo descrive il Regno di Dio come fosse un minuscolo granello di senape. Ciò significa che il seme del Regno di Dio è dentro di noi. Se sappiamo come piantarlo nel terreno umido delle nostre vite quotidiane, quel seme crescerà e diverrà un grande arbusto su cui molti uccelli potranno trovare rifugio.

 

Non dobbiamo morire per giungere alle porte del Paradiso. Dobbiamo invece vivere veramente. La pratica consiste nello stare in profondo contatto con la vita, in modo tale che il Regno di Dio divenga una realtà. Non è questione di devozione, si tratta di una questione di pratica …

Il Regno di Dio è a disposizione, qui e ora. Numerosi passi dei vangeli confortano questa visione. Leggiamo nel Padre Nostro che non andiamo nel Regno di Dio, ma che è il Regno di Dio a venire da noi: “Venga il Tuo regno… ..”.

Gesù disse: “Io sono la porta”. Egli descrive Se stesso come la porta della salvezza e della vita eterna, la porta del Regno di Dio. Poiché Dio il Figlio è fatto dell’energia dello Spirito Santo, è per noi la porta d’ingresso al Regno di Dio.

Anche il Buddha viene descritto come una porta, un maestro che ci mostra la via in questa vita. Nel buddhismo una simile porta speciale è tenuta in profonda considerazione, perché quella porta ci permette di entrare nel regno della consapevolezza, dell’amorevolezza, della pace e della gioia. Si dice che esistano ottantaquattromila porte del Dharma, porte dell’insegnamento.

Se siete abbastanza fortunati da trovare una porta, non sarebbe molto buddhista affermare che la vostra è l’unica. In realtà, dobbiamo aprire un numero ancor più grande di porte per le generazioni future. Non dovremmo temere un maggior numero di porte del Dharma: se mai, dovremmo temere che non se ne aprano più. Sarebbe un peccato per i nostri figli ei loro figli se ci ritenessimo soddisfatti con soltanto ottantaquattromila porte già disponibili. Ciascuno di noi, con la sua pratica e la sua amorevolezza, è in grado di aprire nuove porte del Dharma.

La società è in evoluzione, la gente cambia, le condizioni economiche e politiche non sono le stesse dei tempi del Buddha o di Gesù. Il Buddha fa assegnamento su di noi perché il Dharma continua a svilupparsi come un organismo vivente, non un Dharma superato ma un autentico Dharmakaya, un vero “corpo della dottrina”.

Da: Thich Nhat Hanh – Buddha vivente, Cristo vivente ]

– Thich Nhat Hanh (amazon)
– Thich Nhat Hanh su wikipedia
– EsserePace.org – Thich Nhat Hanh 

Related Posts
L’atteggiamento giusto
Mentre state meditando, può capitarvi di sentire le gocce di pioggia che cadono dal tetto nel buio. Più tardi l’incantevole bruma si poserà tra i grandi alberi, e ancora più ...
READ MORE
La vetta
Chiudi per un attimo gli occhi e visualizza un apice montuoso, una vetta. E 'la realizzazione dei propri ideali più puri, quelli senza nome, senz'alcunché di specifico. Nell'immaginario collettivo è il traguardo ...
READ MORE
Una nuova specie di pianta è stata scoperta a Six Senses Ninh Van Bay
NINH VAN BAY, Vietnam – 10 maggio 2022 – Il team di Six Senses Ninh Van Bay è stato entusiasta quando ha ricevuto la notizia che un nuovo stabilimento è stato ufficialmente riconosciuto ...
READ MORE
Le autoconnotazioni distruttive – Wayne W. Dyer
Chi sei? In quali termini ti definisci? Per rispondere a queste due domande è molto probabile che tu debba fare riferimento alla tua vita passata, un passato già vissuto ma al quale ...
READ MORE
Sperimentare lo stato di risveglio – Pema Chodron
L’atteggiamento [ … ] è quello di vivere in un mondo intrinsecamente buono, intrinsecamente risvegliato, e il nostro percorso consiste nel rendercene conto. In parole povere, a questo stadio la pratica richiede ...
READ MORE
Il potere delle Domande
Om Shanti, “Il potere delle domande”. Fatevi le domande giuste. Le domande accurate sono come scope che spazzano la mente e creano una realtà pulita… dentro. La mente ha bisogno ...
READ MORE
La via più spedita
“Maestro, so bene che ciò che ci separa è solo un nonnulla”, farfugliò la rana in guisa del tutto colloquiale,”ma puoi indicarmi, comunque, la via più sollecita per realizzare la ...
READ MORE
Lascia
La vita non è mai a senso unico. Ci sono i momenti per combattere, a volte finanche sino allo stremo, senza darsi mai per vinti e quelli per mollare la presa, ...
READ MORE
Chulanga: l’opposto della meditazione non è azione, è reazione
Sembra che la nostra società sia a un punto basso in termini di come parliamo di argomenti sfidanti e controversi all'interno del nostro discorso politico e persino delle nostre riflessioni ...
READ MORE
Essere è non pensare, pensare è non essere – Thich Nhat Hanh
In noi c’è un bambino che soffre e anche una scimmia irrequieta, non possiamo lasciare la scimmia da sola, non possiamo lasciare da solo il bambino affamato, lo spirito affamato, ...
READ MORE
L’atteggiamento giusto
La vetta
Una nuova specie di pianta è stata scoperta
Le autoconnotazioni distruttive – Wayne W. Dyer
Sperimentare lo stato di risveglio – Pema Chodron
Il potere delle Domande
La via più spedita
Lascia
Chulanga: l’opposto della meditazione non è azione, è
Essere è non pensare, pensare è non essere