Dopo la meditazione seduta (zazen) ci inchiniamo fino a terra nove volte. Inchinandoci abbandoniamo noi stessi. Abbandonare se stessi significa abbandonare le proprie idee dualistiche. Perciò non c’è alcuna differenza tra fare zazen e inchinarsi. Comunemente inchinarsi significa tributare onori a qualcosa più degno di rispetto di noi. Ma quando vi inchinate davanti a Buddha, non dovete avere alcuna idea di Buddha, voi semplicemente divenite tutt’uno con Buddha, siete già Buddha stesso. Quando diventate tutt’uno con Buddha, tutt’uno con tutto ciò che esiste, scoprite che cosa veramente significa ‘essere’. Quando dimenticate tutte le idee dualistiche, ogni cosa diventa il vostro maestro, e tutto può essere oggetto di venerazione. 

 

Quando tutto esiste all’interno della vostra grande mente, ogni relazione dualistica scompare. Non c’è distinzione tra cielo e terra, uomo e donna, maestro e discepolo. Ora un uomo si inchina a una donna, ora una donna si inchina a un uomo. Ora il discepolo si inchina al maestro, ora il maestro si inchina al discepolo. Un maestro che non sa inchinarsi davanti al proprio discepolo, non sa inchinarsi davanti a Buddha. Talvolta maestro e discepolo si inchinano entrambi al Buddha. Talvolta può darsi che ci inchiniamo davanti a gatti e cani.

Nella vostra grande mente ogni cosa possiede lo stesso valore. Ogni cosa è il Buddha stesso. Vedete o udite qualcosa: ecco, per voi ogni cosa è proprio così com’è. Nella vostra pratica dovete accettare ogni cosa così com’è, tributando ciascuna cosa lo stesso rispetto tributato a un Buddha. Ecco, qui c’è la Buddhità. Allora Buddha si inchina a Buddha, e voi vi inchinate a voi stessi. Ecco il vero inchino.

Se non possedete questo fermo convincimento della grande mente nella pratica, il vostro inchino sarà dualistico. Se siete voi stessi e basta, vi inchinate a voi stessi nel vero senso, e siete tutt’uno con ogni cosa. Solo quando siete completamente voi stessi, siete in grado di inchinarvi davanti a ogni cosa nel vero senso. Inchinarsi è una pratica molto seria. Dovreste essere sempre pronti a inchinarvi, persino nell’ultimo attimo di vita; quando non potete fare altro che inchinarvi, dovete farlo. Questo tipo di convincimento è necessario. Inchinatevi con questo spirito e tutti i precetti, tutti gli insegnamenti saranno vostri, e possederete ogni cosa all’interno della vostra grande mente.

Da: Shunryu Suzuki-roshi, “Mente zen, mente di principiante” ]

– Shunryu Suzuki-Roshi (amazon) 

Related Posts
Il regno della meditazione
Il modo più semplice e immediato per avvicinarsi alla meditazione, per sfiorarla, sollecitarla e consentirle di accadere è non pensare. L'ho scritto e siccome sono un tipo a cui non piace ...
READ MORE
Il pane che mangiamo è l’intero cosmo – Thich Nhat Hanh
Al pari dell'islam, il cristianesimo è una sorta di prosecuzione dell'ebraismo. Tutti i rami appartengono allo stesso albero. Nel cristianesimo, quando celebriamo l'eucaristia, condividendo il corpo di Dio sotto le specie del ...
READ MORE
La vetta
Chiudi per un attimo gli occhi e visualizza un apice montuoso, una vetta. E 'la realizzazione dei propri ideali più puri, quelli senza nome, senz'alcunché di specifico. Nell'immaginario collettivo è il traguardo ...
READ MORE
Dietro l’astuto velo
Che ci sarà mai dietro il velo delle mere apparenze? Esiste un modo per aggirare l’esteriorità e percepire subito – senza l’intermediazione delle conoscenze pregresse, delle proprie più banali aspettative ...
READ MORE
Una via
Il soggetto a cui sto per rivolgermi non è una persona specifica, quindi potresti essere proprio tu che leggi. Il suggerimento di fondo è di non correre sempre, ma di ...
READ MORE
Non avere paura dell’inattività – Thich Nhat Hanh
La maggior parte di noi conduce una vita fitta di impegni, con un'agenda pienissima. Nel nostro calendario, però, ci sono abbastanza “giorni pigri”? Un “giorno pigro” è un giorno in cui possiamo ...
READ MORE
La meditazione ci aiuta a ritornare al nostro vero sé
Anche se la vita è dura, se a volte riesce davvero difficile sorridere, proviamo. E quando diciamo “Buon giorno”, che sia un vero augurio di buona giornata. Una volta un’amica ...
READ MORE
Coltivare la non-paura – Thich Nhat Hanh
Ci sono molti modi in cui confrontarci con la nostra paura. La pratica delle Cinque Rimembranze ci aiuta a coltivare la non-paura. La prima rimembranza è quella di respirare consapevolmente ...
READ MORE
Mio Dio! Non esiste alcun Dio! – Osho
D: Ti consideri un dio?R: Mio Dio! Non esiste alcun Dio, dunque, come potrei considerarmi un dio? Dio è la bugia più grande mai inventata dall’uomo. Come mai? Perché l’uomo si sente ...
READ MORE
Il potere del Chirurgo Supremo
Om Shanti, “il potere del chirurgo supremo”. Quando succede qualcosa che vi altera sedetevi nel silenzio e passate quel fardello al supremo. Non tenetelo per voi, non parlatene in modo ...
READ MORE
Il regno della meditazione
Il pane che mangiamo è l’intero cosmo –
La vetta
Dietro l’astuto velo
Una via
Non avere paura dell’inattività – Thich Nhat Hanh
La meditazione ci aiuta a ritornare al nostro
Coltivare la non-paura – Thich Nhat Hanh
Mio Dio! Non esiste alcun Dio! – Osho
Il potere del Chirurgo Supremo