“La cosiddetta ‘mente’ non può essere identificata come questo o quello. Non è un’entità e non ha caratteristiche distintive. Se la ricercate, non può essere trovata, perché è sin dal principio vuoto, priva di un’essenza sostanziale.Vuota, è al di là dell’espressione, non toccata da nascita e morte, venire e andare. Non è creata da nessuna causa e non è neppure distrutta da nessuna condizione. Rimane intatta nel vuoto, priva di aumento e riduzione, sviluppo e declino, o di qualsiasi tipo di mutazione. […]

Nel linguaggio ordinario diciamo: «Oh, la mia mente è stanca», «La mia mente è triste», «La mia mente è annoiata», oppure: «La mia mente vuole qualcosa da fare». Però dicendo ciò affermiamo: «Ho un’esperienza che mi sembra penetrante e che indica una particolare qualità della mia mente». Ma la mente stessa ha questa qualità? La mente in quanto tale è mai annoiata, stanca o triste?

È chiaro che alcune esperienze che sorgono nella nostra mente sembrano essere autoriflessive, sembrano rimandare alla mente stessa. Eppure, quando seguiamo ciò che sorge nella mente, non pare condurci alla mente . E qui dobbiamo stare molto attenti, perché questo è il punto dove facilmente possiamo mentire a noi stessi sulla natura della nostra esperienza. […]

Ciò che scopriamo davvero è quanto siamo bravi a ingannarci, quante bugie ci diciamo sulla natura della nostra esperienza. Riempiamo lo spazio di supposizioni, di ciò che conosciamo, piuttosto che fare il difficile lavoro di mettere da parte le supposizioni e vedere cosa c’è in realtà. Ma quando osserviamo davvero e scopriamo questa vacuità, non c’è nulla a cui i prodotti possono aggrapparsi e così si dissolvono, come nuvole nel cielo , che svaniscono da se stesse a tempo e luogo. Nulla può riferirsi a questa vacuità, così la mente stessa va al di là di «nascita e morte, venire e andare», senza cambiare. «Rimane intatta nel vuoto». Non è creata da niente e non è distrutta da alcunché.

Dunque, ciò che abbiamo è questa consapevolezza del presente , perché è chiaro che qui noi ci siamo, c’è una continuità, siamo tutti consapevoli di essere qui. Sebbene colui che è consapevole non possa essere riconosciuto come una sostanza, ha la tendenza a cercare di identificarsi come una sostanza. Tuttavia questa stessa mente non è migliorata da condizioni buone, non è peggiorata da condizioni cattive, non diventa né più grande né più piccola, non è mai stata giovane e non sarà mai vecchia . Quindi è chiaro che quando vi risveglierete a ciò, sono molto sorpresi ”.

(Da: Esserci. Un commento a “Lo specchio del chiaro significato” di James Low . Lo specchio del chiaro significato è un testo dzogchen di Nuden Dorje, della metà del XIX secolo. La tradizione dzogchen è una scuola del buddhismo tibetano che spesso è stata paragonata, per le sue tante affinità, con lo zen.)

– James Low (amazon) 

Related Posts
Più porte per le generazioni future – Thich Nhat Hanh
Matteo descrive il Regno di Dio come fosse un minuscolo granello di senape. Ciò significa che il seme del Regno di Dio è dentro di noi. Se sappiamo come piantarlo nel terreno ...
READ MORE
Da qualche parte, certamente
Un interessante ed emblematico breve racconto che offre qualche suggerimento sul modo più opportuno di affrontare le difficoltà della vita.«Un uomo si sentiva perennemente oppresso dalle difficoltà della vita e ...
READ MORE
La rana del pozzo che si prendeva gioco della rana del mare… – Yogananda
«C'era una volta una rana che viveva nel mare e che si godeva la sua libertà nell'enorme massa d'acqua e nelle spiagge infinite. Quando usciva dall'acqua, prendeva il sole sulle spiagge ...
READ MORE
Lascia
La vita non è mai a senso unico. Ci sono i momenti per combattere, a volte finanche sino allo stremo, senza darsi mai per vinti e quelli per mollare la presa, ...
READ MORE
Il potere del Chirurgo Supremo
Om Shanti, “il potere del chirurgo supremo”. Quando succede qualcosa che vi altera sedetevi nel silenzio e passate quel fardello al supremo. Non tenetelo per voi, non parlatene in modo ...
READ MORE
Meditazione – Swami Vivekananda
Lo stato meditativo è il più alto stato dell’esistenza. Fino a che c’è il desiderio, non può venire nessuna vera felicità. È solo lo studio degli oggetti, contemplativo, simile a un ...
READ MORE
Meditazione ebraica
Già l’Antico Testamento accenna a tecniche di Meditazione e scuole profetiche. E i profeti utilizzavano arpe, tamburi, cetre e flauti e cercavano l’estasi, cioè la discesa dello Spirito su di ...
READ MORE
“Meditazione del giorno”: la Mindfulness come sana abitudine quotidiana
Prendersi cura di sé attraverso le piccole azioni di ogni giorno Una pratica per imparare a ritrovare calma e consapevolezza anche nella routine dei gesti quotidiani con sessioni sempre nuove ...
READ MORE
Il potere dei mantra
Ogni giorno milioni di persone nel mondo usano la meditazione per andare oltre la turbolenza mentale ed emotiva, verso la pace profonda e una più percezione percezione. Ci sono molti modi ...
READ MORE
Essere come si è – Dainin Katagiri
“Visto in termini universali, con l’occhio del Buddha, il silenzio non è altro che «essere come si è», ciò che semplicemente è com’è. È qualcosa di molto semplice. L’insegnamento del ...
READ MORE
Più porte per le generazioni future – Thich
Da qualche parte, certamente
La rana del pozzo che si prendeva gioco
Lascia
Il potere del Chirurgo Supremo
Meditazione – Swami Vivekananda
Meditazione ebraica
“Meditazione del giorno”: la Mindfulness come sana abitudine
Il potere dei mantra
Essere come si è – Dainin Katagiri