Essa è molto legata alla tecnica del Kriya Yoga. Altri nomi che la identificano sono: “il piccolo Kriya”, oppure: “il Kriya silenzioso”. Tuttavia, a differenza di questa, non le si impone il segreto di divulgazione in uno scritto destinato al pubblico.

L’Hong-So viene insegnato nel primo dei sette Gradi della Scuola della Self Realization Fellowship (fondata da Paramahansa Yogananda allo scopo di divulgare la conoscenza del Kriya Yoga in questo millennio).

Tuttavia, l’Hong-So è conosciuto, anche, in diverse altre Istituzioni di Yoga e di Esoterismo, in oriente ed in occidente. Addirittura, in alcune di esse viene proposto come il metodo al vertice di ogni altro utilizzato dall’umanità per raggiungere lo stato di samadhi.

Il Kriya Yoga è la tecnica che dona un anno di evoluzione reincarnativa ogni volta che la si pratica.

Si afferma che 24 ore di meditazione con qualunque altro metodo introspettivo (eccetto il Kriya Yoga) non fanno raggiungere i risultati che dà una sola ora di Hong-So.

Mentre, una sola ora di Kriya ne equivale a 24 di Hong-So.

Spesso si considera il pranayama come una specifica ginnastica, tesa ad occuparsi della respirazione ed a condizionarne i ritmi.

In effetti, non è così.

La tradizione indiana indica nel respiro il veicolo dell’energia vitale; ed è questa ultima che forma l’effettivo oggetto di ogni metodo di controllo dei movimenti polmonari.

Secondo l’insegnamento della Self Realization Fellowship, dal chakra della medulla (chiamato “la Bocca di Dio”) fluisce nell’uomo il diretto flusso del prana cosmico (energia universale).

Tale chakra è stabilito alla base del cranio, e solo alcune Scuole Esoteriche ne conoscono esistere e la fondamentale importanza. Il suo riflesso fisico, nel piano della biologia umana, è il midollo allungato.

La forza vitale, quindi, penetra direttamente nel suddetto centro; si veicola nel ritmo respiratorio; e, tramite la circolazione sanguigna, vivifica e mantiene in esistenza ogni organo dell’individuo.

Il cuore è il motore che regola i flussi energetici dell’uomo.

La forza vitale è contenuta anche negli alimenti. Tuttavia, solo l’uomo possiede una centrale di assorbimento costante e regolare del prana; ossia, il chakra della midollare.

L’avvenire lo destinerà a nutrirsi direttamente di prana, assorbendolo ed utilizzandolo dal midollo allungato radiante.

I sottili significati e le potenti funzioni dell’Hong-So sono quelli, come vedremo, di riuscire ad isolare chi utilizza il metodo dai complessi tiraggi interiori delle sue correnti praniche; di tranquillizzare e placare il ritmo ossessivo ed ossessionante delle pulsazioni del suo cuore; di condurlo, gradatamente, ad eliminazione il disordine della sua cadenza respiratoria. E, infine, di produrre in lui quello stato di completo distacco dalle proprie funzioni biologiche che gli permetta di gestire del tutto le energie prodotte dal centro della medulla.

In tal modo, con il tempo, chi pratica l’Hong-So riuscirà a connettere e sconnettere a volontà le correnti vitali dal bulbo centrale energetico; di conseguenza, ogni suo muscolo, ogni senso, il cuore, la colonna vertebrale, ed il resto del corpo si troveranno in quello stato di rilassamento perfetto che prelude il samadhi (non identificazione con i tre piani inferiori dell’essere).

La pratica dell’Hong-So può avvenire in qualunque momento della giornata, in qualunque ora del proprio tempo libero, ed in qualunque situazione che offra un attimo di intimità. Anche in un ambiente di lavoro, in autobus, o in mezzo alla gente.

Descrizione della tecnica dell’Hong-So

Imparate ad osservare il vostro ritmo respiratorio naturale.

Quasi foste un’altra persona, ponete attenzione allo spontaneo fluire e defluire del vostro respiro; al muoversi, blando e ritmico, della vostra cassa toracica. Seguite ed identificate quella pulsione a nutrirvi d’ossigeno, che non vi ha mai abbandonato un attimo, né di giorno né di notte, da che siete nati.

Tuttavia – e, questo, è di fondamentale importanza – non intervenite, con il minimo atto della volontà, su questa vostra funzione biologica. Lasciatela libera di esprimersi, come sempre ha fatto, mentre voi non le davate nessuna attenzione.

La meta della tecnica è, difatti, quella di pervenire ad uno stato di completo distacco e di non partecipazione attiva al tuo respiro naturale di sopravvivenza.

Hong e So rappresentano uno dei più antichi e potenti mantrams di un sacro canto sanscrito, ed hanno una relazione occulta vibratoria con l’entrata e l’uscita del respiro.

Ogni suono nell’universo possiede un effetto ed una corrispondenza mentali diversi.

Nel nostro caso, l’antichità del mantram e la tradizionale potenza delle sue vibrazioni, già di per sé, hanno un occulto effetto calmante su chi li pronuncia.

Se, poi, aggiungiamo che la sacra scienza dei Maestri indiani ha conservato e trasmesso il segreto che il suono Hong (con l’acca aspirata) è l’esatta armonica pertinente all’aspirazione di Brahaman, mentre, il suono So è quella dell ‘ espirazione, comprenderemo – almeno in teoria – quale valore sia da applicare al mantram.

La tecnica dell’Hong-So consiste, quindi, nel pronunziare mentalmente il termine ‘Hong’, mentre si assiste, senza influenzare minimamente il suddetto processo, alla propria aspirazione polmonare; e nel pronunziare mentalmente il termine ‘So’, quando si vede defluire il respiro.

La durata del tempo non è legata ad un limite di tempo; essa può variare da cinque, dieci minuti ad un’ora, o più.

L’Hong-So produce i suoi effetti benefici e rilassanti, e non altera alcun ritmo vitale essenziale.

Nella pratica, si resterà piuttosto stupiti di quanto sia impercettibile il costante movimento vitale dei nostri polmoni.

L’importante è, lo ripetiamo, lasciare che esso si esprima liberamente, senza alcun intervento di alcun genere, da parte nostra.

L’antichissima tecnica dell’Hong-So è un metodo scientifico, che rilassa il cuore, aumenta la durata del proprio ciclo vitale, libera un’enorme quantità di corrente energetica, che si distribuisce nel corpo, rendendo elettromagnetica ogni cellula e prevenendone la decadenza.

L’Hong-So è uno dei massimi contributi che la scienza spirituale dell’India abbia dato al mondo.

Migliaia di spiritualisti, oggi, praticano l’Hong-So che, giustamente, può essere considerato uno tra gli Yoga Regali.

Uno Yoga dissepolto dal suo millenario scrigno celato e donato alla veniente Nuova Era.

La tecnica dell’Hong So è stata pubblicata in versione completa su diversi libri tutt’ora in commercio, tra cui, ad esempio, “ Lezioni di Yoga pratico, Swami Kriyananda . Quella riportata non è completa, infatti sono state omesse le istruzioni della concentrazione su Ajina ChacKra .

–  Paramahansa Yogananda (amazon)
–  Paramahansa Yogananda su Wikipedia
– Aforismi di Yogananda
–  Self-Realization Fellowship
–  Guruji.it
– Guido Da Todi
– Fonte 

Related Posts
Coltivare la non-paura – Thich Nhat Hanh
Ci sono molti modi in cui confrontarci con la nostra paura. La pratica delle Cinque Rimembranze ci aiuta a coltivare la non-paura. La prima rimembranza è quella di respirare consapevolmente ...
READ MORE
Essere è non pensare, pensare è non essere – Thich Nhat Hanh
In noi c’è un bambino che soffre e anche una scimmia irrequieta, non possiamo lasciare la scimmia da sola, non possiamo lasciare da solo il bambino affamato, lo spirito affamato, ...
READ MORE
Resa equivale a rilassamento interiore
Se riesci ad arrenderti, arrenditi; in tal caso non esiste un come. Se non riesci, pratica qualche tecnica, perché solo attraverso di essa arriverai a un punto in cui accadrà la resa. ( Da: ...
READ MORE
Il potere dell’Equilibrio
Om Shanti, “Il potere dell’equilibrio”. Guardate all’arte degli equilibristi. Lavorano nel circo e guadagnano stando in equilibrio. Fanno stare gli altri in suspense con il loro coraggio e con la ...
READ MORE
Pace: la strategia di pace non convenzionale
Recenti studi hanno dimostrato l’efficacia di strategie di pace e di prevenzione dei conflitti non convenzionali Verona, 22 marzo 2022 - La Global Union of Scientists for Peace (GUSP) invita i governi ...
READ MORE
La semplice verità – Ram Dass
Speravo ancora di ricevere insegnamenti esoterici da Maharaj-ji, ma quando gli domandavo: «Come faccio a diventare illuminato?», lui replicava cose di questo genere: «Ama tutti, servi tutti, e ricordati di ...
READ MORE
L’opportunità di meditare – Ajahn Chah
La noia non è un problema reale; se guardiamo con attenzione, possiamo vedere che la mente è sempre attiva. Dunque, c'è sempre lavoro da fare. Fare personalmente certe piccole cose, come rigovernare con ...
READ MORE
Consapevolezza – Aivanhov
«Per dominare i sentimenti ei pensieri, occorre iniziare sorvegliando i gesti della vita quotidiana. Questo è l'unico modo per sviluppare le facoltà psichiche necessarie alla padronanza di tutte le forze istintive. Finché ...
READ MORE
Fare un passo indietro e osservare
A novantacinque anni Genpo Roshi, un grande maestro zen contemporaneo, usò la metafora della 'porta senza porta' per indicare che non c'è nessuna porta da varcare per capire cos'è la vita . Eppure, ...
READ MORE
La vetta
Chiudi per un attimo gli occhi e visualizza un apice montuoso, una vetta. E 'la realizzazione dei propri ideali più puri, quelli senza nome, senz'alcunché di specifico. Nell'immaginario collettivo è il traguardo ...
READ MORE
Coltivare la non-paura – Thich Nhat Hanh
Essere è non pensare, pensare è non essere
Resa equivale a rilassamento interiore
Il potere dell’Equilibrio
Pace: la strategia di pace non convenzionale
La semplice verità – Ram Dass
L’opportunità di meditare – Ajahn Chah
Consapevolezza – Aivanhov
Fare un passo indietro e osservare
La vetta