tomatoes, knife, towel
Photo by ka_re on Pixabay

Rapporto dalle sessioni scientifiche dell’American Heart Association, presentazione P1036

DALLAS, 9 novembre 2020 – Gli individui che consumano il peperoncino possono vivere più a lungo e possono avere un rischio significativamente ridotto di morire di malattie cardiovascolari o cancro, secondo una ricerca preliminare che sarà presentata alle sessioni scientifiche 2020 dell’American Heart Association. si terrà virtualmente da venerdì 13 novembre a martedì 17 novembre 2020 ed è uno scambio globale di prim’ordine dei più recenti progressi scientifici, della ricerca e degli aggiornamenti della pratica clinica basati sull’evidenza nella scienza cardiovascolare per l’assistenza sanitaria in tutto il mondo.

Studi precedenti hanno scoperto che mangiare peperoncino ha un effetto antinfiammatorio, antiossidante, antitumorale e di regolazione del glucosio nel sangue dovuto alla capsaicina, che conferisce al peperoncino la sua caratteristica spezia da lieve a intensa quando viene mangiato. Per analizzare gli effetti del peperoncino sulla mortalità per tutte le cause e per malattie cardiovascolari, i ricercatori hanno esaminato 4.729 studi da cinque principali database sanitari globali (Ovid, Cochrane, Medline, Embase e Scopus). La loro analisi finale include quattro ampi studi che includevano risultati di salute per i partecipanti con dati sul consumo di peperoncino.

I dati sanitari e dietetici di oltre 570.000 persone negli Stati Uniti, in Italia, Cina e Iran sono stati utilizzati per confrontare i risultati di coloro che hanno consumato peperoncino con quelli che hanno mangiato raramente o mai il peperoncino. Rispetto alle persone che hanno mangiato raramente o mai il peperoncino, l’analisi ha rilevato che le persone che hanno mangiato il peperoncino avevano:

  • una riduzione relativa del 26% della mortalità cardiovascolare;
  • una riduzione relativa del 23% della mortalità per cancro; e
  • una riduzione relativa del 25% della mortalità per tutte le cause.

“Siamo rimasti sorpresi di scoprire che in questi studi pubblicati in precedenza, il consumo regolare di peperoncino era associato a una riduzione complessiva del rischio di tutte le cause, malattie cardiovascolari e mortalità per cancro. Evidenzia che i fattori dietetici possono svolgere un ruolo importante nella salute generale”. ha detto l’autore senior Bo Xu, MD, cardiologo presso il Cleveland Clinic’s Heart, Vascular & Thoracic Institute di Cleveland, Ohio. “Le ragioni esatte e i meccanismi che potrebbero spiegare i nostri risultati, tuttavia, sono attualmente sconosciuti. Pertanto, è impossibile affermare con certezza che mangiare più peperoncino può prolungare la vita e ridurre i decessi, soprattutto per fattori cardiovascolari o cancro. Più ricerca, soprattutto prove. da studi controllati randomizzati, è necessario per confermare questi risultati preliminari “.

Il dottor Xu ha detto che ci sono diversi limiti a questo tipo di studio. I quattro studi esaminati includevano dati sanitari specifici limitati su individui o altri fattori che potrebbero aver influenzato i risultati. Il ricercatore ha anche notato che la quantità e il tipo di peperoncino consumato era variabile tra gli studi, rendendo difficile trarre conclusioni su esattamente quanto, quanto spesso e quale tipo di consumo di peperoncino può essere associato a benefici per la salute. I ricercatori stanno continuando ad analizzare i loro dati e sperano di pubblicare presto l’articolo completo.