Flavia Petrin eletta Presidente dell’AIDO per il secondo mandato. Nominata con un sostegno plebiscitario, la nuova giunta presidenziale

Roma, 16 novembre 2020 – Il lungo e articolato cammino del rinnovo di tutte le strutture dell’AIDO, Associazione Italiana per la Donazione di Organi, in Italia si è concluso sabato 14 novembre, con la conferma alla guida dell’Associazione di Flavia Petrin, eletta sostanzialmente all’unanimità Presidente Nazionale (nessun voto contrario, un astenuto) dai ventidue componenti del nuovo Consiglio Nazionale, a sua volta nominato dall’Assemblea Elettiva svoltasi il 30 e 31 ottobre scorsi.

In questo modo la Presidente Petrin raccoglie meritatamente i frutti di un lavoro intenso, intelligente, fermo ma sempre aperto al dialogo, che le ha permesso di “ricucire” la nazione AIDO e che consente all’Associazione, prima nel vastissimo mondo del Terzo settore, di riprendere un cammino efficace e concreto per la diffusione della cultura della solidarietà, della cura del prossimo sofferente, del soccorso alle persone più fragili e indifese: le persone in lista d’attesa per un trapianto d’organi che permetta loro di continuare a vivere.

Con la Presidente Petrin, e su sua proposta, sono stati eletti i componenti della nuova Giunta di Presidenza. Tre di essi provengono dalla Giunta precedente: Leonio Callioni(Lombardia) eletto Vice Presidente Vicario; Vito Scarola (Puglia) Vice Presidente; Maurizio Ulacco (Toscana) Vice Presidente. La Giunta si è completata con l’elezione di: Daniele Damele (Friuli-Venezia Giulia) Amministratore; Bertilla Troietto (Veneto) Segretaria.

Questa la Giunta di Presidenza che si è subito messa al lavoro per realizzare il denso programma previsto dal Documento di indirizzo di politica associativa approvato dall’Assemblea Elettiva e fatto proprio dal nuovo Consiglio Nazionale, i cui componenti sono, nella formulazione completa: Flavia Petrin (Veneto), Leonio Callioni (Lombardia), Daniele Damele (Friuli-Venezia Giulia), Maurizio Ulacco (Toscana), Vito Scarola (Puglia),

Stefano Rabozzi (Piemonte), Giuseppe Collu (Sardegna), Guido Bellinghieri (Sicilia), Roberto Ciarimboli (Marche), Marco Costantini (Emilia-Romagna), Donato Rapone (Basilicata), Lucio Luciani (Trentino), Ines Maroni (Calabria), Marina Padovan (Lazio), Gabriele Rondini (Umbria), Bruno Battistin (Liguria), Rita Viscovo (Molise), Bertilla Troietto (Veneto), Maurizio Sardella (Lombardia), Donata Colombo (Lombardia), Lucio D’Atri (Lombardia), Corrado Valli (Lombardia).

Poiché ha rinunciato all’incarico Antonio Di Nunzio (Abruzzo), già Presidente regionale, gli subentrerà Nicola Alessandrini. A sua volta, dopo aver partecipato alla votazione della nuova Giunta perché eletto per la Lombardia, ha annunciato che rinuncerà Corrado Valli, neo Presidente regionale della Lombardia. Gli subentrerà Giuseppe Neglia, eletto per la Puglia.

Con queste elezioni AIDO ha dimostrato una vitalità e una capacità di tenuta impressionanti, in un anno gravato da pesanti ripercussioni su tutta l’attività di volontariato nazionale. Infatti, nonostante tantissimi problemi di ogni genere, hanno saputo rinnovarsi, per continuare nel servizio alla cultura della donazione, i circa 850 Gruppi comunali, le quasi 90 Sezioni provinciali, i 21 Consigli regionali ed infine il Consiglio e la Giunta Nazionale.

Felice, ovviamente, ma tanto più consapevole degli alti compiti che le sono stati attribuiti con questo riconoscimento “stellare”, la riconfermata Presidente Nazionale, Flavia Petrin, afferma:

“Avevo avuto una indicazione positiva già in Assemblea elettiva, alla quale ha partecipato, favorito dalla modalità da remoto, il più alto numero di delegati mai avuti prima.

Devo dire che questo risultato plebiscitario mi aveva confermato nel sostegno dei dirigenti dell’Associazione, ma non avrei mai potuto immaginare che, poi, sia io che tutti i componenti di Giunta che ho proposto, sarebbero stati eletti senza nessun voto contrario.

Partiamo così, a mio modo di vedere, con il piede giusto, con la fiducia dei dirigenti di ogni livello e con la voglia di fare ancora meglio del passato mandato. Ovviamente, se ci sarà possibile e se saremo all’altezza delle sfide che ci aspettano. Ma sicuramente non ci risparmieremo e daremo il massimo per fare in modo che la proposta di AIDO conquisti sempre di più il cuore degli italiani”.

Comunicato stampa a cura di Francesca Boldreghini, Direttore Comunicazione AIDO