In un’analisi della ricerca pubblicata, i ricercatori hanno identificato 565 specie di mammiferi che sono state utilizzate per procurarsi prodotti utilizzati nella medicina tradizionale in tutto il mondo, specialmente in Asia, Africa e America Latina.

In un’analisi della ricerca pubblicata, i ricercatori hanno identificato 565 specie di mammiferi che sono state utilizzate per procurarsi prodotti utilizzati nella medicina tradizionale in tutto il mondo, specialmente in Asia, Africa e America Latina. L’analisi, pubblicata su Mammal Review, ha anche scoperto che 155 di queste specie di mammiferi sono considerate minacciate (vulnerabili, in via di estinzione o in pericolo critico) e altre 46 sono quasi minacciate.

I risultati suggeriscono che lo sfruttamento eccessivo per uso medicinale potrebbe essere una fonte di minaccia trascurata per le specie di mammiferi.

“Il nostro studio ha rivelato che un’impressionante ricchezza di specie di mammiferi – il 9% delle 6.399 specie conosciute – viene utilizzata nei sistemi medici tradizionali in tutto il mondo. Evidenziamo inoltre che specie strettamente correlate vengono utilizzate per trattare malattie simili”, ha detto l’autore principale Rômulo Romeu Nóbrega Alves, PhD, dell’Universidade Estadual da Paraíba, in Brasile. “L’utilizzo diffuso dei mammiferi nella medicina tradizionale (comprese le specie minacciate) è la prova dell’importanza di comprendere tali usi nel contesto della conservazione dei mammiferi. Gli aspetti sanitari dell’uso dei mammiferi selvatici da parte dell’uomo e le loro implicazioni per la salute pubblica sono anche aspetti chiave da considerare. “