feet, legs, standing
Photo by PublicDomainArchive on Pixabay

Uno studio prospettico rileva che un’attività leggera, come il giardinaggio o il camminare, preserva la mobilità delle donne durante l’invecchiamento

Una donna su quattro di età superiore ai 65 anni non è in grado di camminare per due isolati o salire una rampa di scale. Conosciuta come disabilità motoria, è il principale tipo di incapacità negli Stati Uniti e un fattore chiave nella perdita di indipendenza di una persona. Una nuova ricerca della Herbert Wertheim School of Public Health and Human Longevity Sciences presso l’UC San Diego suggerisce che l’attività fisica a intensità luminosa, inclusi lo shopping o una passeggiata informale, può proteggere la mobilità nelle donne anziane.

Pubblicato nel numero online del 23 febbraio 2021 di JAMA Network Open, i ricercatori hanno scoperto che le donne che non avevano una disabilità motoria all’inizio dello studio e che hanno trascorso la maggior parte del tempo a svolgere attività a intensità luminosa erano il 40% in meno rischiano di subire una perdita di mobilità per un periodo di sei anni.

“Gli anziani che vogliono mantenere la loro mobilità dovrebbero sapere che tutto il movimento, non solo l’attività fisica da moderata a vigorosa, conta”, ha detto l’autore senior Andrea LaCroix, PhD, MPH, Distinguished Professor e capo della Divisione di Epidemiologia di Herbert Wertheim Scuola di sanità pubblica. “Abbiamo scoperto che, tra le donne anziane, l’attività fisica a intensità di luce preserva la mobilità più avanti nella vita”.

Lo studio prospettico ha osservato 5.735 donne di età pari o superiore a 63 anni, residenti negli Stati Uniti e iscritte allo studio sull’attività fisica misurata oggettivamente e sulla salute cardiovascolare, uno studio accessorio della Women’s Health Initiative. I partecipanti hanno indossato un accelerometro di livello di ricerca per sette giorni per ottenere misurazioni accurate della loro attività fisica. Il tempo medio trascorso in attività fisica leggera è stato di 4,8 ore al giorno.

I ricercatori hanno scoperto che le donne che trascorrevano la maggior parte del tempo a svolgere attività fisica a intensità luminosa avevano un rischio inferiore del 46% di perdita di mobilità rispetto alle donne che partecipavano a livelli più bassi di attività fisica. Risultati simili sono stati osservati tra le donne bianche, nere e Latinx. Anche le donne con e senza obesità hanno ridotto il rischio di disabilità motoria, ma il beneficio è stato maggiore tra le donne con un indice di massa corporea (BMI) inferiore a 30.

“L’attività fisica da moderata a intensa è sempre più difficile da svolgere con l’avanzare dell’età. Considerando l’invecchiamento della popolazione negli Stati Uniti, questi risultati potrebbero avere un impatto importante sulle raccomandazioni di salute pubblica, ponendo maggiore attenzione sull’importanza di un’attività fisica leggera per migliorare la salute e il benessere delle donne anziane. Ciò potrebbe aiutare le donne a mantenere la mobilità e l’indipendenza con l’avanzare dell’età “, ha affermato il coautore John Bellettiere, PhD, professore di epidemiologia presso la Herbert Wertheim School of Public Health.

Gli adulti negli Stati Uniti di età pari o superiore a 65 anni lottano per soddisfare le linee guida sull’attività fisica, che raccomandano 150 minuti di attività fisica da moderata a intensa a settimana. Non ci sono indicazioni disponibili su quanta attività leggera le persone dovrebbero fare, soprattutto perché pochissimi studi l’hanno studiata. Gli autori dello studio hanno affermato che i loro dati suggeriscono che l’attività leggera è probabilmente importante per mantenere la mobilità, che è essenziale per un invecchiamento sano. Gli anziani con disabilità motoria subiscono più ricoveri e spendono di più per l’assistenza sanitaria. Le donne sopportano un onere sproporzionato della disabilità motoria.

“I livelli più elevati di attività fisica a intensità luminosa non sono necessari. Dopo cinque ore di attività, non abbiamo osservato alcun ulteriore aumento dei benefici”, ha detto la prima autrice Nicole Glass, MPH, dottoranda presso la San Diego State University / UC San Diego Joint Programma di dottorato in sanità pubblica. “Inoltre, i nostri risultati hanno mostrato che l’attività fisica a intensità luminosa era associata a una mobilità preservata indipendentemente dalla quantità di attività fisiche ad alta intensità, come camminare a ritmo sostenuto, fare jogging o correre, le donne impegnate. Quindi, che ti alleni o meno un’attività fisica ad alta intensità luminosa è salutare “.

###

Leggi lo studio completo: https: / jamanetwork. com / journals / jamanetworkopen / fullarticle / 2776720 

Related Posts
Lo studio rileva che l’attività fisica è benefica per la salute e un’attività più intensa è migliore
L'attività fisica di qualsiasi intensità è benefica per la salute, ma un'attività più intensa ha maggiori benefici, secondo un nuovo studio pubblicato oggi su Nature Medicine. Nel più grande studio ...
READ MORE
A Morimondo MEC e musica
Domenica 10 Aprile prende il via Morimondo in Musica, rassegna musicale che animerà fino a giugno l’incantevole borgo medievale alle porte di Milano ogni seconda domenica del mese Eccellenze enogastronomiche ...
READ MORE
“Il mare delle donne” approda in Versilia
Marina di Pietrasanta, 17 marzo 2022 - Giovedi 17 marzo 2022 a Marina di Pietrasanta, si terrà “Il mare delle donne”un evento dedicato alle stewardess e, in generale, alle donne del mondo ...
READ MORE
Health Friendly Company (HFC): è nato il nuovo network di Fondazione Onda per promuovere la salute delle donne nelle aziende
Sono 21 le aziende premiate con il primo Bollino HFC (Health Friendly Company) da Fondazione Onda, Osservatorio nazionale sulla salute della donna e di genere. Il nuovo riconoscimento è stato attribuito ...
READ MORE
La Compagnia Stabile Assai al Teatro Tor Bella Monaca con ANIME PRIGIONIERE
Martedì 14 giugno alle 21 la Compagnia Stabile Assai in scena al Teatro Tor Bella Monaca con ANIME PRIGIONIERE di Antonio Turco, uno spettacolo che vuole rispondere alla violenza con ...
READ MORE
Gianni Pettena, …Per Immagini e per Parole…
Lo spazio Maria Calderara di Milano presenta la mostra personale di Gianni Pettena, artista, architetto e teorico del movimento architettura radicale. L'esposizione è realizzata in collaborazione con la Galleria Giovanni Bonelli. Lo ...
READ MORE
Femminile Singolare: il film che dà voce alle donne l’11 Maggio al Cinema
Diverse interpreti d’eccezione, come Monica Guerritore, Catherine Deneuve, Violante Placido, Agnese Claisse e Dorothée Gilbert, Prima ballerina dell’Opéra di Parigi. Il film è distribuito da Artex Film, in collaborazione con ...
READ MORE
Pam Panorama al fianco della Fondazione Salus Pueri con l’iniziativa “Una spesa dalla Parte delle Donne”
Per ogni prodotto della linea BIO Pam Panorama acquistato dal 25 febbraio al 10 marzo, il 5% del valore verrà donato al Dipartimento Salute Donna e Bambino dell’Università degli studi ...
READ MORE
Provalo per idratarti meglio
Waterdrop rivela ORO: Piccoli cubetti fruttati pieni di energia! Liberati da quel crollo di energia, bevi ORO! Fedele alla sua missione di fare bere più acqua alle persone, lo specialista dell'idratazione Waterdrop ...
READ MORE
Puoi rimetterti in forma dopo i 40 anni
L’hai sentito dire talmente tante volte che hai iniziato a crederci: dopo i 40 il metabolismo rallenta, non riesci a dimagrire, è tutto declino e magari cerchi di riderci sopra.Anche ...
READ MORE
Lo studio rileva che l’attività fisica è benefica
A Morimondo MEC e musica
“Il mare delle donne” approda in Versilia
Health Friendly Company (HFC): è nato il nuovo
La Compagnia Stabile Assai al Teatro Tor Bella
Gianni Pettena, …Per Immagini e per Parole…
Femminile Singolare: il film che dà voce alle
Pam Panorama al fianco della Fondazione Salus Pueri
Provalo per idratarti meglio
Puoi rimetterti in forma dopo i 40 anni