Il primo approfondimento sulla capacità umana di decodificare la gamma di emozioni legate ai segnali acustici delle urla

Le persone sono abili nel discernere la maggior parte delle diverse emozioni che sono alla base delle urla, come rabbia, frustrazione, dolore, sorpresa o paura, trova un nuovo studio degli psicologi della Emory University. Le urla di felicità, tuttavia, sono più spesso interpretate come paura quando vengono ascoltate senza alcun contesto aggiuntivo, i risultati mostrano.

PeerJ ha pubblicato la ricerca, il primo approfondimento sulla capacità umana di decodificare la gamma di emozioni legate ai segnali acustici delle urla.

“In larga misura, i partecipanti allo studio erano abbastanza bravi a giudicare il contesto originale di un urlo, semplicemente ascoltandolo attraverso le cuffie senza alcun segnale visivo”, afferma Harold Gouzoules, professore di psicologia di Emory e autore senior dello studio. “Ma quando i partecipanti ascoltavano urla di felicità eccitata tendevano a giudicare l’emozione come paura. Questa è una scoperta interessante e sorprendente”.

Il primo autore dello studio è Jonathan Engelberg, Ph.D. di Emory. studente di psicologia. L’ex allume di Emory Jay Schwartz, che ora fa parte della facoltà della Western Oregon University, è coautore.

Le caratteristiche acustiche che sembrano comunicare la paura sono presenti anche in urla eccitate e felici, notano i ricercatori. “In effetti, le persone pagano un bel po ‘di soldi per andare sulle montagne russe, dove le loro urla riflettono senza dubbio una miscela di queste due emozioni”, dice Gouzoules.

Aggiunge che il pregiudizio verso l’interpretazione di entrambe queste categorie come paura ha probabilmente radici profonde ed evolutive.

“Le prime urla degli animali erano probabilmente in risposta a un attacco di un predatore”, dice. “In alcuni casi, un suono acuto e improvviso potrebbe spaventare un predatore e consentire alla preda di scappare. È una risposta essenziale e fondamentale. Quindi scambiare un grido felice per uno spaventoso potrebbe essere un pregiudizio di riporto ancestrale. Se si tratta di un chiamata ravvicinata, sbaglierai dalla parte della paura. ”

I risultati possono anche fornire un indizio per l’annosa domanda sul perché i bambini piccoli spesso urlano mentre giocano.

“Nessuno ha davvero studiato il motivo per cui i bambini piccoli tendono a urlare frequentemente, anche quando giocano allegramente, ma ogni genitore sa che lo fanno”, dice Gouzoules. “È un fenomeno affascinante.”

Sebbene le urla possano trasmettere forti emozioni, non sono ideali come identificatori individuali, poiché mancano dei parametri acustici più distintivi e coerenti della voce che parla di un individuo.

“È solo speculativo, ma può darsi che quando i bambini urlano per l’eccitazione mentre giocano, serva il ruolo evolutivo di familiarizzare un genitore con il suono unico delle loro urla”, dice Gouzoules. “Più senti tuo figlio urlare in un contesto sicuro e felice, più sarai in grado di identificare un urlo come appartenente a tuo figlio, così saprai come rispondere quando lo sentirai.”

I gouzoules hanno iniziato a ricercare le urla dei primati non umani, decenni fa. La maggior parte degli animali urla solo in risposta a un predatore, sebbene alcune scimmie e scimmie usino anche urla per reclutare supporto quando sono in una lotta con altri membri del gruppo. “I loro parenti e amici verranno in aiuto, anche se a una certa distanza, quando potranno riconoscere il vocalizer”, dice.

In anni più recenti, Gouzoules si è rivolto alla ricerca di urla umane, che si verificano in un contesto molto più ampio di quello degli animali. Il suo laboratorio ha raccolto urla da film di Hollywood, programmi TV e video di YouTube. Includono esibizioni classiche di “regine dell’urlo” come Jaime Lee Curtis, insieme alle urla di non attori che reagiscono a eventi reali, come una donna che urla di paura mentre le scosse di assestamento di una meteora esplosa sulla Russia scuotono un edificio, o un po ‘ grida di gioia della ragazza mentre apre un regalo di Natale.

Nel lavoro precedente, il laboratorio ha quantificato il tono, il tono e la frequenza delle urla da una serie di emozioni: rabbia, frustrazione, dolore, sorpresa, paura e felicità.

Per il presente articolo, i ricercatori hanno voluto testare la capacità degli ascoltatori di decodificare l’emozione alla base di un urlo, basandosi esclusivamente sul suo suono. Un totale di 182 partecipanti hanno ascoltato in cuffia 30 urla di film che erano associate a una delle sei emozioni. Tutte le urla sono state presentate sei volte, anche se mai in sequenza. Dopo aver sentito un urlo, gli ascoltatori hanno valutato la probabilità che fosse associato a ciascuna delle sei emozioni, su una scala da uno a cinque.

I risultati hanno mostrato che i partecipanti più spesso abbinavano un urlo al suo contesto emotivo corretto, tranne nel caso delle urla di felicità, che i partecipanti più spesso valutavano molto per paura.

“Il nostro lavoro intreccia linguaggio e comunicazione non verbale in un modo che non è stato fatto in passato”, dice Gouzoules.

Si ritiene che alcuni aspetti della comunicazione vocale non verbale siano precursori del linguaggio. I ricercatori ipotizzano che le basi cognitive del linguaggio abbiano anche costruito la capacità umana nel dominio non verbale. “Probabilmente è il linguaggio che ci dà questa capacità di prendere una vocalizzazione non verbale e discernere una vasta gamma di significati, a seconda dei segnali acustici”, dice Gouzoules. 

Related Posts
Quando una persona urla di piacere, le altre persone lo percepiscono più fortemente delle urla di paura o rabbia. (Immagine: iStock / Deagreez)
Urla gioiose percepite più fortemente delle urla di paura o rabbia Urlare può salvare vite. I primati non umani e altre specie di mammiferi usano spesso richiami simili a urla quando sono ...
READ MORE
Shout!