Quando una persona urla di piacere, le altre persone lo percepiscono più fortemente delle urla di paura o rabbia. (Immagine: iStock / Deagreez)

Urla gioiose percepite più fortemente delle urla di paura o rabbia

Urlare può salvare vite. I primati non umani e altre specie di mammiferi usano spesso richiami simili a urla quando sono coinvolti in conflitti sociali o per segnalare la presenza di predatori e altre minacce. Mentre gli umani urlano anche per segnalare il pericolo o comunicare aggressività, urlano anche quando provano emozioni forti come la disperazione o la gioia. Tuttavia, gli studi precedenti su questo argomento si sono concentrati in gran parte su allarmanti urla di paura.

Gli esseri umani rispondono alle urla positive più rapidamente e con maggiore sensibilità

In un nuovo studio, un team del Dipartimento di Psicologia dell’Università di Zurigo guidato da Sascha Frühholz ha studiato il significato dietro l’intero spettro delle chiamate umane. I risultati hanno rivelato sei tipi di urla emotivamente distinti che indicano dolore, rabbia, paura, piacere, tristezza e gioia. “Siamo rimasti sorpresi dal fatto che gli ascoltatori abbiano risposto in modo più rapido e preciso, e con una maggiore sensibilità neurale, a chiamate non allarmanti e positive che a urla allarmanti”, afferma Frühholz.

L’elaborazione cognitiva delle urla gioiose è più efficiente

Il gruppo di ricerca ha effettuato quattro esperimenti per il loro studio. A dodici partecipanti è stato chiesto di vocalizzare urla positive e negative che potrebbero essere suscitate da varie situazioni. Un diverso gruppo di individui ha valutato la natura emotiva delle urla e le ha classificate in diverse categorie. Mentre i partecipanti ascoltavano le urla, la loro attività cerebrale è stata sottoposta a risonanza magnetica funzionale (fMRI) per monitorare come hanno percepito, riconosciuto, elaborato e classificato i suoni. “Le regioni cerebrali frontali, uditive e limbiche hanno mostrato molta più attività e connettività neurale quando si sentono urla non di allarme rispetto a quando si elaborano le chiamate con urlo di allarme”, spiega Frühholz.

Ambienti sociali più complessi hanno rimescolato le priorità neurocognitive

In precedenza si pensava che i sistemi cognitivi umani e primati fossero appositamente progettati per riconoscere minacce e segnali di pericolo sotto forma di urla. A differenza dei primati e di altre specie animali, tuttavia, i richiami umani sembrano essere diventati più diversificati nel corso dell’evoluzione umana, qualcosa che Frühholz considera un grande salto evolutivo. “È altamente possibile che solo gli esseri umani urlino per segnalare emozioni positive come grande gioia o piacere. E a differenza delle chiamate di allarme, le urla positive sono diventate sempre più importanti nel tempo”, dice. I ricercatori suggeriscono che ciò potrebbe essere dovuto alle esigenze comunicative portate dagli ambienti sociali sempre più complessi degli esseri umani. 

Related Posts
Portrait of a happy little boy splashed by wave on the beach.
Il primo approfondimento sulla capacità umana di decodificare la gamma di emozioni legate ai segnali acustici delle urla Le persone sono abili nel discernere la maggior parte delle diverse emozioni che ...
READ MORE
Le urla di “gioia” suonano come “paura” se