anti-stress-doll, box, funny
Photo by Alexas_Fotos on Pixabay

La ricerca rileva che il supporto sociale fornito sui social media non migliora la salute mentale per gli utenti eccessivi dei social media

I social media possono rendere più facile per le persone impegnarsi online, ma non fornisco alcuni vantaggi delle interazioni umane nella vita reale, afferma un ricercatore della Michigan State University.

“L’uso problematico dei social media è stato associato a depressione, ansia e isolamento sociale, e avere un buon sistema di supporto sociale aiuta a isolare le persone dalla salute mentale negativa”, ha detto Dar Meshi, assistente professore presso il Dipartimento di pubblicità e pubbliche relazioni della MSU. “Volevamo confrontare le differenze tra il supporto nella vita reale e il supporto fornito sui social media per vedere se il supporto fornito sui social media potrebbe avere effetti benefici”.

La ricerca è stata pubblicata online il 29 aprile sulla rivista Addictive Behaviors .

Sebbene il supporto dei social media non abbia avuto un impatto negativo sulla salute mentale, non ha neppure influito positivamente su di essa.

“Solo il supporto sociale nella vita reale era collegato a una migliore salute mentale generale”, ha detto Meshi. “Le interazioni tipiche sui social media sono limitate. Teorizziamo che non consentono una connessione più sostanziale, che potrebbe essere necessaria per fornire il tipo di supporto che protegge dalla salute mentale negativa”.

Meshi e Morgan Ellithorpe, assistente professore presso il Dipartimento di Comunicazione dell’Università del Delaware e coautore di questo documento, hanno condotto un sondaggio su 403 studenti universitari per identificare quanto fosse problematico il loro utilizzo dei social media e il loro grado di supporto sociale in nella vita reale e sui social media.

Utilizzando anche le scale PROMIS, o Sistema informativo per la misurazione dei risultati riferiti dai pazienti, per misurare la depressione, l’ansia e l’isolamento sociale, i ricercatori hanno potuto vedere come gli studenti utilizzano i social media e il supporto sociale in relazione alla loro salute mentale.

L’uso problematico dei social media non è un disturbo da dipendenza riconosciuto, ma ci sono somiglianze nei sintomi di qualcuno con un disturbo da uso di sostanze e di una persona che mostra un uso eccessivo dei social media. Gli esempi includono preoccupazione per i social media e segni di astinenza, come l’irritabilità, quando viene impedito di utilizzare i social media.

“Sembra che più eccessivo è l’uso dei social media, minore è il supporto sociale che la persona riceve nella vita reale, il che porta a una cattiva salute mentale”, ha detto Ellithorpe.

Meshi ed Ellithorpe incoraggiano le persone che utilizzano troppi social media a raggiungere le persone nella vita reale per ottenere supporto sociale.

###

 https: / www. Sciencedirect. Com / science / article / abs / pii / S0306460321001349 / )