Mike Kyrios, professore di psicologia alla Flinders University

Quando gli acquisti eccessivi diventano un disturbo?

Per la prima volta, esperti internazionali di psicologia hanno costruito una struttura per diagnosticare il Disturbo Acquisto-Acquisto Compulsivo, un aiuto promettente per le persone che lottano per gestire il proprio comportamento di spesa e il benessere mentale.

Le nuove linee guida, pubblicate sul Journal of Behavioral Addictions , confermano che acquisti e acquisti eccessivi possono essere così gravi da costituire un disturbo, dando a ricercatori e medici nuovi poteri per sviluppare interventi più mirati per questa condizione debilitante.

La collaborazione internazionale, guidata dal professor Mike Kyrios dell’Órama Institute for Mental Health and Wellbeing della Flinders University e dalla professoressa Astrid Müller della Hannover Medical School in Germania, afferma che i criteri basati sull’evidenza per il disturbo dello shopping compulsivo (CBSD) sono attesi da tempo.

Il fenomeno degli acquisti o acquisti eccessivi o incontrollati è descritto in ambito clinico da più di un secolo. Sorprendentemente, ad oggi non esiste una diagnosi formalmente accettata per il disturbo, nonostante sia un problema altamente diffuso, invalidante e in crescita che contribuisce al consumo eccessivo e al debito.

Il professor Kyrios descrive i risultati come un “punto di svolta” per la ricerca nell’area degli acquisti eccessivi, fornendo un trampolino di lancio per trattamenti tanto necessari e migliori processi diagnostici in futuro.

“In oltre 20 anni, da quando ho iniziato a indagare sugli acquisti eccessivi, c’è stata un’assenza di criteri diagnostici comunemente concordati che ha ostacolato la gravità percepita del problema, così come gli sforzi di ricerca e di conseguenza lo sviluppo di trattamenti basati sull’evidenza”, ha dichiarato il prof. Dice Kyrios.

Ciò sarà ora possibile con i principali esperti mondiali che concordano i criteri diagnostici per il disturbo, afferma.

Nello studio, sono stati valutati 138 esperti internazionali (ricercatori e medici) di 35 paesi per sviluppare un consenso sui criteri diagnostici proposti.

Una caratteristica fondamentale dei nuovi criteri diagnostici è “l’acquisto eccessivo di articoli senza utilizzarli per gli scopi previsti”, con l’eccessività descritta come “diminuzione del controllo sugli acquisti / acquisti”. Un’altra caratteristica del disturbo è che “l’acquisto / la spesa viene utilizzato per regolare gli stati interni, ad esempio, generando emozioni positive o alleviando l’umore negativo”.

“I clienti che mostrano un comportamento di acquisto eccessivo hanno generalmente difficoltà a regolare le proprie emozioni, quindi l’acquisto o lo shopping vengono utilizzati per sentirsi meglio. Paradossalmente, se qualcuno con Disturbo acquisto-acquisto compulsivo fa un giro di shopping, ciò migliorerà brevemente i suoi sentimenti negativi, ma porterà presto a forti sentimenti di vergogna, senso di colpa e imbarazzo “.

Il metodo di ricerca Delphi è stato utilizzato per raggiungere il consenso del gruppo di esperti su un disturbo psicologico molto complesso.

“La tecnica Delphi è un metodo ideale per integrare diverse prospettive di esperti internazionali e interdisciplinari nel campo del disturbo dello shopping compulsivo”, afferma il co-ricercatore Dr Dan Fassnacht, docente senior di psicologia presso la Flinders University.

“Questo ci ha aiutato a sviluppare criteri diagnostici caratterizzati da un ampio consenso tra gli esperti del settore, ed è una tappa importante per comprendere e trattare meglio questo comportamento”.

La dott.ssa Kathina Ali, ricercatrice presso la Flinders University e co-investigatrice dello studio, aggiunge: “In precedenza, era difficile confrontare gli studi senza criteri concordati. Ora per la prima volta, possiamo iniziare a esaminare più precisamente il Disturbo acquisto-acquisto compulsivo che dovrebbe aiutaci a migliorare i nostri trattamenti per questa condizione invalidante “.

###

Lo studio è stato una collaborazione internazionale con ricercatori della Hannover Medical School presso l’Università di Duisburg-Essen e l’Università di Dresda in Germania, finanziata dal German Academic Exchange Service e dalle Università Australia.

Il documento ‘Criteri diagnostici proposti per il disturbo compulsivo dell’acquisto-acquisto: uno studio di consenso di esperti Delphi’ (2021) di Astrid Müller, Nora M. Laskowski, Patrick Trotzke, Kathina Ali, Daniel B Fassnacht, Martina de Zwaan, Matthias Brand, Michael Häder e Michael Kyrios è stato pubblicato nel Journal of Behavioral Addictions , DOI: 10.1556 / 2006.2021.00013