Jin Jie, già proprietario del brand di successo Chopsticks, ha dato vita a un nuovo progetto che esalta la vera tradizione dei ravioli cinesi

Cambiare l’attuale cucina cinese “italianizzata” per proporre una versione tradizionale e autentica dei piatti della sua terra, una esperienza gastronomica fatta di sapori veri e genuini. È l’obiettivo di Jin Jie, da sempre impegnato nel mondo della ristorazione grazie alla famiglia, in particolare al padre che nel 1986 aprì il primo ristorante cinese a Roma, “Aroma di Pechino” (in zona Marconi), che ha deciso di dar vita a Bao Bao Dumpling, puntando su un piatto iconico della cucina cinese, i ravioli.
Il nome del locale situato in via dei Gracchi 264 è ispirato al classico panino cinese chiamato per l’appunto Bao Bao, ed è grazie a questa nuova realtà che Jin vuole portare in Italia una parte della vera cucina cinese tradizionale, con un prodotto simbolico, lo “JIAO ZI” (raviolo), che troppo spesso viene sottovalutato e rivisitato senza nessun rispetto della vera tradizione cinese. L’idea di aprire una ravioleria era da sempre un desiderio di Jin, rinviato più volte a causa della mancanza di un vero maestro capace e rispettoso della cucina tradizionale cinese. L’Incontro con lo Chef Ai, che può vantare oltre 40 anni di esperienza nel mondo dei ravioli, ha dato inizio a questo “piccolo grande progetto”.

L’autentica tradizione dei ravioli cinesi

“Troppo spesso i ravioli vengono serviti come un antipasto, ma in realtà in Cina esiste un importante filone culinario dedicato ai ravioli, rappresentato dai tanti ristoranti che hanno in menu solo ed esclusivamente le tante tipologie di ravioli esistenti, nati da una lunga tradizione che consente di valorizzarli al meglio grazie a impasti e materie prime di valore” dichiara Jin Jie, che aggiunge “mi piacerebbe riuscire a trasmettere ai nostri clienti italiani il valore di questa tradizione: sarà possibile osservare dall’esterno, grazie ad una grande vetrina, il lavoro fatto in cucina, dalla preparazione alla cottura”. I ravioli saranno quindi i protagonisti di una proposta gastronomica autentica, che comprenderà le versioni con maiale, manzo, gamberetti, pollo e verdure.

Tradizione autentica, ma con un piccolo accorgimento che permetterà ai ravioli di Bao Bao Dumpling di poter essere apprezzati dalla clientela italiana: “Abbiamo studiato un particolare tipo di impasto, ricorrendo a farine di qualità del Molino Pasini, per ottenere un raviolo che nonostante la cottura possa conservare una certa consistenza che ricorda quella della pasta al dente, così amata nel vostro paese”. Gli otto minuti (rigorosamente cronometrati) trascorsi nel vapore consentiranno ai ravioli di poter essere gustati al meglio: l’unione tra farina, acqua e sale, in condimento con la farcia, la chiusura per dar la forma di un Yuan Bao (l’antica moneta dorata cinese) e la cottura ottimale rendono unici questi piccoli scrigni di sapore. I ravioli di Bao Bao Dumpling, realizzati seguendo le antiche ricette tradizionali, spaziano dai piatti del sud della Cina con il ripieno di gambero fresco e l’impasto realizzato con farina di riso, o nella versione con la carne di maiale e le verdure, ai piatti del nord della Cina, dal manzo tenero con i peperoni, all’agnello ed i broccoletti cinesi sotto sale.
Il segreto del sapore: il Gao Tan

Il vero segreto che accompagna i ravioli di Bao Bao Dumpling è rappresentato dal Gao Tan, presente in tutti i ripieni: si tratta di un brodo a base di osso di maiale, pollo e verdure, cucinato per più di 12 ore, la cui presenza nei ravioli esalta il gusto del ripieno. La grande maggioranza dei ravioli disponibili nei ristoranti che propongono cucina cinese è sovente caratterizzata dall’utilizzo del glutammato quale accrescitore di sapore, una pratica sbagliata che altera il naturale gusto degli ingredienti presenti nel ripieno. Da Bao Bao invece il sapore unico dei ravioli si sente già al primo morso, proprio grazie alla presenza di questo brodo, che dona un gusto inimitabile che riempie il palato andando oltre il sapore di qualsiasi altro raviolo.

Dalle differenti tipologie di farina (00, integrale e riso) ai ripieni (manzo, maiale, gamberetti, pollo e verdure), dagli impasti (con lo zafferano, con gli spinaci, con nero di seppia o quello tradizionale color bianco latte) alla cottura al vapore: ogni singolo passo contribuisce a donare autenticità ai ravioli di Bao Bao, che è possibile ordinare a gustare nel dehors da 40 coperti, in asporto o con una formula originale. È stato infatti messo a punto un particolare servizio di Delivery che consente di comprare oltre ai ravioli anche la vaporiera, per poterli cucinare a casa anche il giorno dopo, aiutandosi con i tutorial video realizzati da Jin Jie. Una bella ed originale idea per portare nelle vostre cucina un pezzo della tradizione culinaria della Cina.

Contatti
Bao Bao – Chinese Dumpling
Via dei Gracchi 264 | Roma
info 327 789 0006
Orario dalle 12 alle 23
Delivery & Takeaway