Un nuovo studio mostra che il tai chi rispecchia gli effetti benefici dell’esercizio convenzionale riducendo la circonferenza della vita negli adulti di mezza età e anziani con obesità centrale. Lo studio è stato condotto da ricercatori dell’Università di Hong Kong, dell’Università cinese di Hong Kong; Accademia cinese delle scienze; e UCLA.

L’obesità centrale è una delle principali manifestazioni della sindrome metabolica, definita in senso lato come un insieme di fattori di rischio cardiometabolico, tra cui obesità centrale, dislipidemia, iperglicemia, livelli di colesterolo lipoproteico a bassa densità (HDL-C) e ipertensione arteriosa , che aumentano il rischio per diabete di tipo 2 e malattie cardiovascolari.

543 partecipanti sono stati assegnati in modo casuale in un rapporto 1: 1: 1 a un gruppo di controllo senza intervento di esercizio (n = 181), esercizio convenzionale costituito da esercizio aerobico e allenamento della forza (gruppo EX) (n = 181) e tai chi gruppo (gruppo TC) (n= 181). Gli interventi sono durati 12 settimane.

L’outcome primario era la circonferenza della vita. Gli esiti secondari erano il peso corporeo ; indice di massa corporea; colesterolo lipoproteico ad alta densità (HDL-C), trigliceridi e livelli di glucosio plasmatico a digiuno.

I risultati suggeriscono che il tai chi è un approccio efficace per la gestione dell’obesità centrale. Questo studio ha un grande significato traslazionale perché i nostri risultati supportano l’idea di incorporare il tai chi nelle linee guida globali sull’attività fisica per adulti di mezza età e anziani con obesità centrale.

Lo studio è pubblicato su Annals of Internal Medicine .