spiral, staircase, lighthouse
Photo by b52_Tresa on Pixabay

Milano, 07 giugno 2021 – Il Gruppo Dedalus (“Dedalus”), il principale fornitore di soluzioni software diagnostiche e sanitarie in Europa, integra i dati degli studi clinici nel processo di cura attraverso una nuova partnership strategica con ObvioHealth, un’organizzazione di ricerca virtuale globale (VRO). La partnership unirà le soluzioni software di Dedalus con gli strumenti di sperimentazione clinica decentralizzati di ObvioHealth. Ciò consentirà di unire il mondo della ricerca clinica con i dati della cartella clinica elettronica, supportando al contempo gli operatori sanitari di oltre 6000 ospedali e cliniche in tutto il mondo per fornire assistenza a oltre 330 milioni di pazienti.

La fase iniziale della partnership consentirà agli sponsor e ad altre organizzazioni di ricerca di collaborare con le organizzazioni sanitarie che possono offrire approfondimenti su “metadati” relativi ai pazienti da loro trattati senza spostare o rivelare i dati effettivi della cartella clinica elettronica. Ciò consentirà ai ricercatori di condurre analisi prognostiche e predittive granulari per una migliore progettazione degli studi clinici e il reclutamento di sottopopolazioni più precise di pazienti, offrendo agli operatori sanitari e ai loro pazienti l’opportunità di contribuire e/o partecipare alla ricerca, mantenendo il pieno controllo dei loro dati, nel rispetto delle stringenti normative europee sulla privacy e sulla sicurezza dei dati.

“La visione di Dedalus è quella di un ecosistema sanitario digitale in cui tutte le parti interessate collaborano attivamente per migliorare i risultati di salute di ciascun cittadino”, afferma Andrea Fiumicelli, CEO di Dedalus. “Questa partnership si inserisce perfettamente nella nostra visione, in quanto offrirà ai nostri attuali clienti la capacità di eseguire e contribuire alla ricerca in modo più efficace, facendo progredire nuove terapie e percorsi di cura”.

“In un momento in cui la medicina personalizzata è in espansione e il ROI relativo allo sviluppo dei farmaci è in calo, dobbiamo utilizzare meglio i soldi della ricerca”, afferma Ivan Jarry, CEO di ObvioHealth. “Esistono grandi quantità di informazioni disponibili su innumerevoli stati patologici, comorbidità e biomarcatori che possono contribuire agli studi clinici. L’integrazione del mondo della ricerca clinica con i dati che si trovano all’interno dei sistemi elettronici delle organizzazioni sanitarie ha il potenziale per cambiare le regole del gioco. Dedalus e ObvioHealth consentono un’identificazione più precisa delle coorti per gli studi, facilitando anche analisi longitudinali in grado di identificare nuove indicazioni e/o impatti a lungo termine di determinati trattamenti”.

“Con questa partnership, miriamo a migliorare la medicina traslazionale attraverso una gamma di opzioni, dalle sperimentazioni decentralizzate, fino alle sperimentazioni specifiche, sfruttando il pieno potenziale dei dati reali esistenti per consentire l’apprendimento clinico e la convalida di tutti i tipi di approcci terapeutici”, aggiunge il Dr. Michael Dahlweid, MD, PhD, Chief Product & Clinical Officer di Dedalus.

In linea con l’obiettivo di migliorare la continuità delle cure, la partnership potrà anche offrire ai ricercatori servizi di dati al di fuori dei confini delle sperimentazioni cliniche tradizionali, al fine di “formare” strumenti di intelligenza artificiale, nonché sviluppare strumenti diagnostici in grado di fornire informazioni più approfondite e/o longitudinali per alcuni stati patologici. Parallelamente, la collaborazione arricchirà le conoscenze delle organizzazioni sanitarie, consentendo di integrare la ricerca clinica puntuale nel flusso di lavoro quotidiano degli ospedali supportati da Dedalus.

“Finora, l’ambiente della sperimentazione clinica è stato separato da quello della cura. I dati di ciascun ambito sono strutturati in modo diverso e non esiste un linguaggio comune, il che richiede uno sforzo enorme di estrazione e omogeneizzazione con risultati non ottimali”, afferma Koenraad Batselier, direttore della divisione Life Sciences di Dedalus. “Aiutando i ricercatori a ottenere informazioni dai set completi di dati reali, rispettando tutte le regole di privacy previste dal GDPR, per i loro studi e dando ai clinici l’accesso a maggiori opportunità di studi clinici per i loro pazienti, stiamo unendo i due mondi, con il potenziale per accelerare e migliorare i risultati degli studi clinici, contribuendo al contempo a una migliore continuità delle cure. Siamo lieti di avere l’opportunità di collaborare con ObvioHealth per portare questa piattaforma innovativa sul mercato”.

Dedalus

Dedalus Group è il principale fornitore di software diagnostico e sanitario in Europa, supporta la trasformazione digitale di 6100 ospedali e 5300 laboratori in tutto il mondo, attraverso le sue soluzioni software per oltre 330 milioni di pazienti. La società ha recentemente annunciato l’acquisizione del business globale relativo alle soluzioni software per la sanità di DXC Technology, rafforzando la sua posizione come azienda specializzata in ICT per la sanità, con uno dei più grandi team di ricerca e sviluppo sulla salute digitale in Europa.

www.dedalus.com

ObvioHealth

ObvioHealth è un’organizzazione di ricerca virtuale (VRO) end-to-end che offre un’esperienza di sperimentazione clinica più semplice per i partecipanti e dati migliori per gli sponsor. L’azienda ha sviluppato e lanciato una delle prime app DCT, scaricabile su smartphone, che consente alle persone di partecipare facilmente a studi clinici. Nei 4 anni dal lancio, l’azienda ha supportato quasi 40 studi da 28 clienti blue chip, implementati in 28 paesi, in 16 diverse aree terapeutiche.

www.obviohealth.com 

Related Posts
Le piattaforme a sostegno dei rifugiati ucraini devono dare la priorità alla loro sicurezza o rischiare di esporli alla tratta e allo sfruttamento
Yomiuri Shimbun/APL'inimmaginabile tragedia dell'invasione russa dell'Ucraina ha costretto 4,5 milioni di rifugiati ucraini a fuggire nei paesi vicini, in cerca di protezione. Sono stati accolti con schiacciante sostegno e generosità da persone comuni ...
READ MORE
Il Covid-19 rafforza la passione degli italiani per la cucina
Nuove ricette, spesa online e più attenzione ai cibi sani Secondo una ricerca Mastercard, gli italiani confermano la loro passione per la cucina, ancor più durante la pandemia, ma non mancano ...
READ MORE
Come trovare lavoro al tempo del Covid-19
Milano, 26 marzo 2021 – Gli ultimi numeri Istat ci descrivono un Paese in cui diminuisce l’occupazione e in cui si registra un aumento concreto sia degli inattivi che dei disoccupati. Nei dati pubblicati ...
READ MORE
Non solo graffiti al Museo di Nadro in Valcamonica
Il Museo di Nadro (Ceto, BS) si trasforma in Centro Culturale, tra laboratori di archeologia sperimentale (ceramica, tecniche di sopravvivenza), corsi di teatro e danza, cinema, conferenze e mostre d’arte ...
READ MORE
“Un viaggio RICERCAto”: oltre 30 strutture prestigiose dell’hotellerie italiana si uniscono a supporto della ricerca della Fondazione IEO-CCM
Aperta l’asta su CharityStars per aggiudicarsi un soggiorno speciale (e che fa bene al cuore)Saranno una serie di aste online a fare tornare il piacere di pianificare una vacanza speciale ...
READ MORE
Racconti di Vita: su Instagram le testimonianze di vita e amore
Don Cosimo Schena, il poeta dell’Amore di Dio, dal 5 maggio lancia una rubrica sul suo canale social intervistando vari personaggi più o meno famosi che si caratterizzano per le ...
READ MORE
Lo sapevi che: chiedere idee stimola l’azione collettiva
I membri dei gruppi minoritari possono promuovere l'azione collettiva cercando le idee e le prospettive degli altri membri del gruppo I membri dei gruppi minoritari possono stimolare l'azione collettiva cercando le ...
READ MORE
Come evitare di mangiare il mondo
Dalla decrescita a una trasformazione sostenibile del sistema alimentare“Solo ridurre le dimensioni del nostro attuale sistema alimentare non ridurrà di molto le emissioni. Invece, dobbiamo trasformare la natura stessa di ...
READ MORE
Photo by stockbp on Deposit Photos
Il Salone Internazionale del Restauro torna a Ferrara Fiere dall'8 al 10 giugno con una XXVII edizione ricca di novità Dopo il successo del 2021 con “Restauro in tour” alla Nuova ...
READ MORE
C’era una volta il diabete
Ciak! Partecipa ad una corsa lungo la vita per poter dire: c’era una volta il diabete Manca poco all’appuntamento con la prima camminata promossa e organizzata da AGD Bologna e in ...
READ MORE
Le piattaforme a sostegno dei rifugiati ucraini devono
Il Covid-19 rafforza la passione degli italiani per
Come trovare lavoro al tempo del Covid-19
Non solo graffiti al Museo di Nadro in
“Un viaggio RICERCAto”: oltre 30 strutture prestigiose dell’hotellerie
Racconti di Vita: su Instagram le testimonianze di
Lo sapevi che: chiedere idee stimola l’azione collettiva
Come evitare di mangiare il mondo
C’è bisogno di restaurazione? Allora andiamo a Ferrara
C’era una volta il diabete