hands, massage, treatment
Photo by andreas160578 on Pixabay

Un anno che ha cambiato il punto di vista dei cittadini europei sulla salute: i risultati dello STADA Health Report 2021

Presentati i risultati dell’indagine internazionale realizzata dal Gruppo STADA, in collaborazione con il Kantar Market Research Institute, tra marzo e aprile 2021 e che ha coinvolto oltre 30.000 cittadini in 15 Paesi europei.
L’82% degli italiani ha apprezzato il lavoro svolto da medici e operatori sanitari nella lotta contro l’emergenza sanitaria.
Ormai consolidate nel nostro Paese le pratiche messe in atto durante la pandemia per proteggere la propria salute, come il lavaggio accurato delle mani, il distanziamento sociale e l’uso della mascherina nei luoghi affollati.
Quasi 8 italiani su 10 sono favorevoli alla vaccinazione obbligatoria, al di sopra della media europea pari al 61%.

 

Milano, 17 giugno 2021 – È difficile individuare nel recente passato un periodo paragonabile al momento storico che stiamo vivendo e che ha avuto, e continua ad avere, considerevoli ripercussioni a livello globale. Ma in che termini la pandemia da Covid-19 ha cambiato il rapporto dei cittadini europei con la propria salute? L’emergenza sanitaria ha rafforzato o diminuito la loro fiducia nei confronti del sistema sanitario? E ancora: cosa ne pensano dei vaccini?

Queste solo alcune delle domande al centro dello STADA Health Report 2021, un ampio sondaggio internazionale su una vasta gamma di temi di salute realizzato dal Gruppo STADAin collaborazione con il Kantar Market Research Institute tra marzo e aprile 2021, su oltre 30.000 persone in 15 Paesi europei: Austria, Belgio, Repubblica Ceca, Francia, Germania, Italia, Paesi Bassi, Polonia, Portogallo, Russia, Serbia, Spagna, Svizzera, Ucraina e Regno Unito.

 

Preoccupazioni per la malattia e il futuro

Contrariamente a quanto si possa pensare, il timore di ammalarsi a causa dell’infezione da Covid-19 non è stata la preoccupazione principale per la maggioranza dei cittadini europei: oltre la metà (52%) ha risentito maggiormente della mancanza di contatti interpersonali con la propria famiglia o gli amici. Segue al secondo posto, con una percentuale del 42%, la paura del contagio mentre 1 intervistato su 3 si è detto preoccupato per le ripercussioni economiche e lavorative dell’emergenza sanitaria.

E per noi italiani, quali sono state le principali paure? In base ai risultati della ricerca, più della metà (53%) dei nostri connazionali ha menzionato il timore di ammalarsi, collocandosi al secondo posto della classifica dietro agli spagnoli (54%). Parimenti, l’Italia è risultata seconda, sempre dopo la Spagna (44%), per la percentuale di coloro (41%) che hanno espresso grande preoccupazione per il futuro, come, per esempio, la perdita o la riduzione del lavoro.

 

Fiducia nel sistema sanitario

Nonostante le preoccupazioni relative al Covid-19, la popolazione italiana mostra un livello piuttosto alto di fiducia nei confronti del sistema sanitario nazionale: due terzi degli intervistati (65%) ritiene, infatti, che il sistema sanitario sarebbe pronto ad affrontare una pandemia simile in futuro, collocando l’Italia al quarto posto tra i 15 Paesi intervistati, dietro solo a Portogallo, Regno Unito e Spagna.

 

Elogio per medici, infermieri e personale ospedaliero

Alla domanda su quali categorie abbiano contribuito maggiormente alla lotta contro la pandemia di Coronavirus, più di quattro quinti degli italiani (82%) ha elogiato il lavoro svolto da medici, infermieri e personale ospedaliero, in linea con la media del sondaggio (pari all’81%), mentre sono stati più critici nei confronti dei decisori politici.

 

Fa piacere vedere che la popolazione italiana riconosce il ruolo cruciale svolto da medici, infermieri e altri operatori ospedalieri nella lotta contro la pandemia“, ha commentato Salvatore Butti, Manager & Managing Director di EG STADA Group, sottolineando come anche i farmacisti hanno dato un contributo prezioso. “Attraverso il nostro ampio portafoglio di farmaci equivalenti, biosimilari e specialistici e prodotti di consumer healthcare, EG è pienamente impegnata a lavorare con i propri partner sanitari per garantire sia l’accesso dei pazienti a trattamenti di alta qualità che la sostenibilità del sistema sanitario italiano“.

 

Le abitudini acquisite grazie alla pandemia

Le azioni messe in atto per proteggere la propria salute durante la pandemia sembrano essere ormai consolidate nel nostro Paese. Più della metà degli italiani (53%) intende continuare a lavarsi le mani in maniera più accurata: si tratta della percentuale più alta insieme all’Ucraina. Quasi due italiani su cinque (38%) intendono mantenere il distanziamento sociale (la media del sondaggio è pari al 33%) e aumentare la pulizia e l’igiene della propria casa (la media del sondaggio è del 31%).

Inoltre, quasi un terzo degli italiani (31%) prevede di continuare ad usare mascherine nei luoghi affollati anche una volta che la pandemia sarà passata: percentuale che colloca il nostro Paese al secondo posto insieme alla Spagna, dietro solo al Regno Unito (38%).

 

App di salute e foglietto informativo elettronico

Gli italiani rientrano nella media europea per quanto riguarda la loro disponibilità nell’utilizzare sul loro telefono cellulare le app per la salute: quasi un quarto degli intervistati (24%) ritiene che tali applicazioni potrebbero aiutarli ad avere una migliore comunicazione digitale con il proprio medico, percentuale superata solo dai portoghesi (28%).

Inoltre, quasi nove italiani su 10 (87%) sarebbero disposti a usare foglietti informativi elettronici, ad esempio scannerizzando un codice sulle confezioni dei medicinali. Questo risultato colloca il nostro Paese al secondo posto (al pari con l’Ucraina), dietro solo al Portogallo (89%). Più di due italiani su cinque (42%) ritengono che i foglietti illustrativi in formato elettronico sarebbero più pratici da usare e causerebbero meno rifiuti.

 

Vaccini

Oltre tre quarti (76%) degli italiani ha espresso un atteggiamento positivo nei confronti della vaccinazione obbligatoria, collocandosi al secondo posto dopo il Regno Unito (79%), e di gran lunga sopra la media europea (61%). Due quinti (39%) credono che la vaccinazione obbligatoria sia importante per proteggere la società, e una percentuale simile (37%) ritiene che aiuterebbe a prevenire malattie pericolose.  Solo un italiano su sei (17%) ha espresso preoccupazione per i possibili effetti collaterali dell’immunizzazione, percentuale inferiore alla media europea del 22%.

 

STADA Arzneimittel AG

STADA Arzneimittel AG ha sede a Bad Vilbel, Germania. L’azienda persegue una strategia duplice nel settore dei farmaci equivalenti, sia nel segmento delle specialità farmaceutiche sia nei prodotti consumer health senza obbligo di prescrizione. I prodotti STADA Arzneimittel AG sono commercializzati in 120 Paesi a livello mondiale. Nel 2020, il Gruppo STADA ha totalizzato vendite rettificate pari a 3,010.3 milioni di euro e un margine operativo lordo (EBITDA) aggiustato al lordo di interessi, imposte e ammortamenti di 713.3 milioni di euro. Al 31 dicembre 2020, STADA poteva contare su 12.301 collaboratori in tutto il mondo.

Visita il sito web www.eglab.it 

Related Posts
Photo by RondellMelling on Pixabay
I dibattiti sulla salute delle donne sono stati a lungo controversi, ma hanno anche portato a miglioramenti significativi in ​​aree come l'accesso equo all'assistenza sanitaria e la sopravvivenza. Ma il quadro ...
READ MORE
Racconti di Vita: su Instagram le testimonianze di vita e amore
Don Cosimo Schena, il poeta dell’Amore di Dio, dal 5 maggio lancia una rubrica sul suo canale social intervistando vari personaggi più o meno famosi che si caratterizzano per le ...
READ MORE
Salute orale: “Alle Valli” di Seriate DentalPro inaugura il suo primo centro del 2022
DentalPro, Gruppo odontoiatrico leader in Italia, da sempre impegnato per agevolare l’accesso alle cure dentali, apre a Seriate la sua sesta sede nella bergamasca. Seriate (BG), 23 marzo 2022 – DentalPro, ...
READ MORE
Le migliori città per la pensione
Tokyo è la migliore città al mondo per i pensionati, seguita da Wellington e Singapore. Dubai è la migliore città al mondo per sicurezza finanziaria e gestione dell'eredità, seguita da Singapore ...
READ MORE
Giornata Mondiale della Salute Orale
Giornata Mondiale della Salute orale: Italiani insoddisfatti del proprio sorriso: solo il 5 per cento felice dei propri denti; 1 su 2 ricorrerebbe allo sbiancamento Da SUNSTAR il nuovo report globale ...
READ MORE
Wedding Tourism is back!
Wedding Tourism: il 6 e 7 maggio, oltre 40 buyer stranieri a Roma per BMII 2022 Torna a Palazzo dei Congressi, all'interno del Roma Travel Show, l’appuntamento con la Borsa del ...
READ MORE
C’era una volta il diabete
Ciak! Partecipa ad una corsa lungo la vita per poter dire: c’era una volta il diabete Manca poco all’appuntamento con la prima camminata promossa e organizzata da AGD Bologna e in ...
READ MORE
La salute al centro della conferenza sul futuro dell’Europa
Mariano Votta, responsabile Affari UE di Cittadinanzattiva e Direttore di Active Citizenship Network, propone la visione per un dibattito verso un'Unione Europea più sana. Le istituzioni europee hanno finalmente approvato la ...
READ MORE
La buona e sana cucina italiana viaggia in tutta Europa con l’Healthy Food Delivery di Antiaging Italian Food
L’innovativa startup lanciata dalla nutrizionista Chiara Manzi, che unisce l’amore per la buona tavola al desiderio di essere in forma e in salute, lancia un crowfunding per continuare a far ...
READ MORE
Il Prof. Andrea Militello, premiato come Miglior Urologo Andrologo d’Italia nel 2018
Milano, 21 ottobre 2020 – La popolazione mondiale si sta espandendo rapidamente, e allo stesso tempo l’aspettativa di vita aumenta e i tassi di fertilità diminuiscono. A causa di questi fatti, si ...
READ MORE
50 anni di progressi nella salute delle donne
Racconti di Vita: su Instagram le testimonianze di
Salute orale: “Alle Valli” di Seriate DentalPro inaugura
Le migliori città per la pensione
Giornata Mondiale della Salute Orale
Wedding Tourism is back!
C’era una volta il diabete
La salute al centro della conferenza sul futuro
La buona e sana cucina italiana viaggia in
Restare giovani: i segreti dell’andrologo per prevenire l’invecchiamento