Il comportamento di due ausiliari del traffico getta un ombra su tutta la categoria


Gli ausiliari del traffico non possono fare nessuna multa relativa alla circolazione dei veicoli: a loro spetta infatti il controllo delle soste e delle fermate dei veicoli. Solo in questi casi, nell’eventualità di infrazioni, gli ausiliari del traffico possono intervenire con una multa. A distanza di 23 anni dalla nascita di questa figura non si contano infatti i casi di multe annullate, chi ha sbagliato deve pagare ma una punizione che colpisce tutti è un atto di tracotanza peggiore del danno. Purtroppo succede anche questo a Napoli, e non è la prima volta !!! Un automobilista ha avuto a che dire circa il comportamento poco corretto di due ausiliari del traffico, riportiamo quindi senza commento alcuno l’esposto fatto dal cittadino in merito a quanto avvenuto a Napoli nei giorni scorsi:
“Spett.le Polizia Locale di Napoli,
Con la presente intendo esporre un episodio alquanto raccapricciante accadutomi ieri 16 Giugno 2021 alla Riviera di Chiaia.
All’incirca le ore 15:10 avevo parcheggiato la Smart, intestata a mia suocera (di cui sono utilizzatore), sulle strisce blu non lontano dalla Pizzeria Salvo. Sceso dalla vettura mi avvicinavo alla colonnina per produrre il ticket di parcheggio, allorquando una signora prima di me mi diceva che la colonnina era lenta/difettosa, pertanto abbiamo scelto di recarci alla prossima a circa 100mt.
Dopo aver atteso la signora che produceva il suo ticket, ho prodotto il mio, sul quale era impresso orario di stampa e quello del termine della sosta consentita. Ritornando alla vettura per apporlo sul cruscotto, mi accorgevo di aver avuto la segnalazione, elevata dagli ausiliari del traffico, di sanzione amministrativa di euro 26, ridotti a 18 in caso di pagamento antro i 5 gg successivi. Restando un pò stupefatto, ho raggiunto gli ausiliari spiegando la situazione e chiedendo di eliminare dal Pad elettronico (che uno di loro due aveva in mano) la mia presunta infrazione poiché mi ero recato a fare il ticket. Gli stessi, con aria “saccente” e per nulla gentile, mi hanno riferito di non voler fare alcunché e di lasciarli in pace perché stavano lavorando. Spiegando loro di poter chiamare le forze dell’ordine hanno ribadito di non avere alcun interesse della cosa e di non aver nulla a che vedere con Carabinieri/Polizia e, alla luce di ciò, sarebbero andati via per continuare il loro lavoro. Premetto che sono un professionista avvocato e non intendevo di certo fare polemiche in pubblica via.
Ho allertato il numero di emergenza e, dopo circa 15 min, è giunta una volante della PS di Chiaia la quale mi ha chiesto spiegazioni. Gli agenti, stupefatti anch’essi per l’accaduto, mi hanno consigliato di rivolgermi immediatamente al VS Comando di Polizia Locale e far presente la cosa, oltre che segnalare anche all’ANM (di cui fanno parte questi ausiliari), oltre a farmi notare che, tra la rilevazione loro della sosta presunta irregolare e il ticket da me prodotto c’erano effettivamente meno di 15 minuti di differenza!
Orbene, di certo non è un dramma il pagamento dei 18 euro in misura ridotta, ma, dal momento che l’episodio suesposto è di una scorrettezza unica (a mio avviso), prego le SS.VV., nelle quali ripongo la massima fiducia riguardo la tutela del cittadino, di poter procede all’annullamento in autotutela del verbale che sarà prodotto poi in automatico da VS uffici per poi essere notificato; in subordine, ove per qualsiasi motivo non riterreste di applicare l’annullamento, chiedo gentilmente di rispondermi con estrema celerità alla presente, in modo tale da pagare la misura ridotta ed evitare notifiche di un verbale già ingiustamente elevato.

Con stima,
Avv. Pasquale Auricchio”

H di P