meditation, calm, above the city
Meditazione

Lo studio più completo fino ad oggi sull’esperienza della pura consapevolezza durante la meditazione

Nel contesto della pratica meditativa, i meditatori possono sperimentare uno stato di “pura consapevolezza” o “pura coscienza”, in cui percepiscono la coscienza stessa. Questo stato può essere sperimentato in vari modi, ma evidentemente incorpora sensazioni specifiche così come percezioni, sentimenti e pensieri non specifici. Questi sono solo alcuni dei risultati della più vasta indagine sui meditatori mai condotta sull’esperienza della pura coscienza. I risultati del sondaggio sono stati recentemente pubblicati su PLOS ONE. Lo studio è stato condotto dal Professor Thomas Metzinger del Dipartimento di Filosofia dell’Università Johannes Gutenberg di Mainz (JGU) e dal Dr. Alex Gamma dell’Ospedale Psichiatrico dell’Università di Zurigo. Hanno progettato un questionario online comprendente più di cento domande e chiesto a migliaia di meditatori in tutto il mondo di rispondere. “L’obiettivo della nostra ricerca non era quello di saperne di più sulla meditazione. Siamo interessati alla coscienza umana”, ha detto Metzinger. “La nostra ipotesi di lavoro era che la pura coscienza è la forma più semplice di esperienza cosciente. E il nostro obiettivo era sviluppare un modello minimo di spiegazione dell’esperienza della coscienza umana sulla base di questa ipotesi”. Lo studio fa parte del progetto internazionale Minimal Phenomenal Experience (MPE) guidato da Metzinger.

Il questionario online è stato reso disponibile in cinque lingue – tedesco, inglese, francese, spagnolo e italiano – ed è stato completato da circa 3.600 meditatori nel 2020. Oltre alle domande sui partecipanti stessi, come sesso, età e tecniche di meditazione utilizzate , il questionario consisteva in 92 domande sulla loro esperienza di pura consapevolezza. Istruire i meditatori a selezionare e concentrarsi su una particolare esperienza di pura consapevolezza, il questionario includeva domande come: “Hai provato sensazioni di temperatura?”, “Eri di umore positivo?”, o “Hai avuto pensieri?”. A ciascuno di questi è possibile rispondere su una scala da “no” a “sì, molto intensamente” tramite una barra di scorrimento. Dei questionari ricevuti da Metzinger e Gamma, 1, 400 sono stati compilati per intero e quindi potrebbero essere utilizzati per una cosiddetta analisi fattoriale. Hanno impiegato questo tipo di valutazione statistica per identificare gruppi di domande a cui è stata spesso data risposta in modo simile. “Questo ci ha portato a identificare dodici gruppi, che a loro volta ci hanno permesso di nominare dodici fattori che caratterizzano la pura coscienza”, ha spiegato Metzinger. “Secondo questo schema, caratteristiche tipiche della pura coscienza sembrano essere, ad esempio, la percezione del silenzio, della chiarezza e di una consapevolezza vigile senza autocoscienza egoica. Tempo, sforzo e desiderio, che possono certamente manifestarsi in parallelo, sperimentato in modo un po’ meno esplicito”. Hanno impiegato questo tipo di valutazione statistica per identificare gruppi di domande a cui è stata spesso data risposta in modo simile. “Questo ci ha portato a identificare dodici gruppi, che a loro volta ci hanno permesso di nominare dodici fattori che caratterizzano la pura coscienza”, ha spiegato Metzinger. “Secondo questo schema, caratteristiche tipiche della pura coscienza sembrano essere, ad esempio, la percezione del silenzio, della chiarezza e di una consapevolezza vigile senza autocoscienza egoica. Tempo, sforzo e desiderio, che possono certamente manifestarsi in parallelo, sperimentato in modo un po’ meno esplicito”. Hanno impiegato questo tipo di valutazione statistica per identificare gruppi di domande a cui è stata spesso data risposta in modo simile. “Questo ci ha portato a identificare dodici gruppi, che a loro volta ci hanno permesso di nominare dodici fattori che caratterizzano la pura coscienza”, ha spiegato Metzinger. “Secondo questo schema, caratteristiche tipiche della pura coscienza sembrano essere, ad esempio, la percezione del silenzio, della chiarezza e di una consapevolezza vigile senza autocoscienza egoica. Tempo, sforzo e desiderio, che possono certamente manifestarsi in parallelo, sperimentato in modo un po’ meno esplicito”. caratteristiche tipiche della pura coscienza sembrano essere, per esempio, la percezione del silenzio, la chiarezza e una consapevolezza vigile senza autocoscienza egoica. Il tempo, lo sforzo e il desiderio, che possono certamente manifestarsi in parallelo, sono vissuti in modo un po’ meno esplicito”. caratteristiche tipiche della pura coscienza sembrano essere, per esempio, la percezione del silenzio, la chiarezza e una consapevolezza vigile senza autocoscienza egoica. Il tempo, lo sforzo e il desiderio, che possono certamente manifestarsi in parallelo, sono vissuti in modo un po’ meno esplicito”.

“Sulla base di questi dodici fattori, ora possiamo sviluppare un modello minimale prototipo della coscienza umana”, ha affermato Metzinger. Inoltre, lo studio apre numerose strade per ulteriori ricerche. I neuroscienziati di Stati Uniti, Australia e Svizzera, ad esempio, hanno già chiesto se possono utilizzare il questionario per le proprie ricerche. Da parte sua, Metzinger spera di scoprire se la pura coscienza – cioè la qualità della coscienza in sé – sia vissuta anche in situazioni diverse dalla meditazione: “Le risposte che abbiamo ricevuto includevano anche resoconti personali che suggerivano che la pura coscienza si sperimenta anche in altri situazioni, come durante incidenti e malattie gravi, sulla soglia tra il sonno e la veglia, o quando immerso nel gioco da bambino”.


Link correlato: https: // www. filosofia. fb05. uni-magonza. de/ arbeitsbereiche/ theoretische/ mpe/ – Progetto The Minimal Phenomenal Experience (MPE)