Milano, 30 agosto 2021 – Il curriculum vitae è lo strumento più potente e più importante nelle mani di chi si pone alla ricerca di un nuovo lavoro. Per questo motivo questo documento deve essere pianificato nel dettaglio, corretto con grandissima attenzione, e aggiornato regolarmente, per renderlo di volta in volta più efficace per ogni nuova candidatura.

La prima decisione, nel momento in cui si decide di creare un nuovo curriculum, è come è noto quella relativa alla struttura, e quindi all’organizzazione dei contenuti nel documento: è possibile creare un nuovo cv a partire da zero oppure affidarsi a dei modelli standard o comunque predefiniti. Il più diffuso, in tal senso, è senza ombra di dubbio il cosiddetto formato europeo, anche detto Europass. Si tratta dello standard per la redazione dei cv proposto circa 20 anni dalla Commissione Europea, allo scopo di creare una struttura condivisa per i curricula circolanti nell’Unione.

Ma il curriculum vitae in formato europeo è davvero così efficace? Non è forse meglio, in taluni casi, creare il proprio cv a partire da un formato più originale e meno banale?

Lo abbiamo chiesto a Carola Adami, co-fondatrice della società di selezione del personale Adami & Associati.

«Il curriculum vitae in formato europeo presenta indubbiamente dei vantaggi: è stato creato appositamente per garantire una presentazione strutturata e intuitiva delle informazioni del candidato, a livello internazionale. La peculiarità di questo formato» spiega l’head hunter «è quella di presentare un layout preimpostato a colonne, con i nomi delle diverse sezioni che occupano circa 1/3 della pagina nella colonna sinistra, per lasciare quindi alle informazioni sul candidato i restanti 2/3 della pagina». In alto troviamo il logo Europass, la fotografia del candidato e i dati personali, mentre procedendo verso il basso troveremo le diverse sezioni, dedicate di volta in volta alle esperienze professionali, alle esperienze formative, alle lingue straniere e alle altre competenze.

«I vantaggi dell’Europass sono chiari: questo formato facilita la compilazione al candidato, ed è immediatamente intuitivo per il selezionatore. Va peraltro detto che al giorno d’oggi il formato europeo presenta tre impaginazioni possibili tra le quali scegliere» spiega Adami. Ma ci sono anche degli svantaggi.

«I contro del cv in formato europeo non possono essere trascurati, a partire da una questione di fondo: lo scopo del candidato deve essere quello di spiccare sopra agli altri, di distinguersi dagli altri candidati. In che modo un formato standard, volto a uniformare i vari profili, può aiutare in tal senso?» si domanda l’head hunter, per poi sottolineare che «l’impaginazione dell’Europass, per quanto presente attualmente in tre versioni differenti, risulta piuttosto noiosa e superata dal punto di vista della grafica».

Quando, quindi, si dovrebbe usare il formato europeo, e quando invece sarebbe meglio farne a meno?

«Senza ombra di dubbio è sempre bene avere a portata di mano una versione del proprio curriculum in formato europeo, per il semplice fatto che molti annunci continuano ancora oggi a chiedere in modo specifico questa impaginazione. Detto questo, visto lo sviluppo verticale di questa struttura, Europass può essere un buon modello per chi ha poche informazioni da inserire: i giovani con una o due esperienze professionali possono infatti trarre vantaggio dallo spazio “occupato” dalla colonna di sinistra per presentare un cv leggermente più lungo; viceversa, chi ha tante informazioni da riportare rischia di presentare un documento troppo lungo servendosi di un Europass.

L’Europass è inoltre sconsigliato per chi vuole emergere e farsi notare fin dalla presentazione del cv, e può considerarsi una scelta palesemente sbagliata per chi è interessato a mettere in luce la propria creatività. Questo modello rappresenta poi una scelta poco saggia per chi vuole mettere in evidenza le proprie competenze, che nel formato europeo sono relegate nella parte bassa della struttura», conclude Carola Adami. 

Related Posts
Sei donna? Oggi trovi lavoro con l’hashtag #doberwoman
Offerte di lavoro e formazione digitale per donne intraprendenti, grazie al progetto Doberwoman Milano, 11 gennaio 2021 – È una donna ed imprenditrice che non si arrende mai, nemmeno davanti al Covid, ma ...
READ MORE
Covid, disoccupazione giovanile in rialzo: “Importante avere un curriculum efficace”
Milano, 12 gennaio 2021 – Stando a un rapporto Istat pubblicato il luglio scorso, l’Italia è il terzo peggior Paese europeo per quanto riguarda la disoccupazione giovanile. Guardando ai dati del 2019 si ...
READ MORE
Lavoro negli USA per studenti universitari: tutte le opportunità
Roma, 15 novembre 2021 – Le più famose località turistiche negli Stati Uniti sono alla ricerca di studenti universitari italiani per un lavoro estivo retribuito.Con la decisione del Governo americano di ...
READ MORE
Photo by petahmayer on Pixabay
Un anno come nessun altro introduce nuove tendenze insieme a temi duraturi nell'ottava lista annuale delle 10 principali tendenze di lavoro di SIOP La Society for Industrial and Organizational Psychology (SIOP) ...
READ MORE
Settimana lavorativa da 4 giorni: presto anche in Italia?
Milano, 22 luglio 2021 – In questi giorni hanno fatto scalpore i risultati di un esperimento condotto in Islanda negli ultimi anni, relativo alla settimana lavorativa corta. Nello specifico, nel Paese Nordico ...
READ MORE
AISLA, a Vico Equense Adele Ferrara e la sua disabilità oltre i limiti
Il Garante del territorio di Vico Equense apre il ciclo di appuntamenti per superare il paradigma dell’handicap e stravolgerne la logica Napoli, 20 aprile 2022 – Essere fragili non significa essere deboli. Inclusione, diritti, ...
READ MORE
Alcuni lavori legati a un rischio maggiore di artrosi al ginocchio
I lavoratori che in genere comportano sollevamento di carichi pesanti, arrampicata frequente, inginocchiamenti prolungati, accovacciamento e posizione eretta affrontano un rischio maggiore di sviluppare l'artrosi del ginocchio. Questa è la conclusione ...
READ MORE
Lavoro: 5 consigli per il colloquio perfetto
Milano, 12 febbraio 2022 - È lo stress l'elemento principale che può seriamente rovinare un colloquio di lavoro. Chi sta cercando una nuova occupazione sa molto bene quanto può essere importante essere selezionati e contattati ...
READ MORE
Reintegrare le persone con disabilità da lavoro con il “Progetto Integra”
L’ente di formazione professionale ASTERISCO presenta il “Progetto Integra” volto alla realizzazione di percorsi formativi rivolti a lavoratori e datori di lavoro per favorire la conoscenza in materia di reinserimento ...
READ MORE
Nasce SkillsJobs Fair, la prima Fiera Virtuale del Lavoro aperta tutto l’anno
Covid e lavoro: nasce in Italia la prima fiera virtuale del lavoro. Perché la ripresa passa attraverso le persone e le loro competenze Milano, 11 novembre 2020 – In questo difficile ...
READ MORE
Sei donna? Oggi trovi lavoro con l’hashtag #doberwoman
Covid, disoccupazione giovanile in rialzo: “Importante avere un
Lavoro negli USA per studenti universitari: tutte le
Lavoro: cosa fa tendenza nel 2021?
Settimana lavorativa da 4 giorni: presto anche in
AISLA, a Vico Equense Adele Ferrara e la
Alcuni lavori legati a un rischio maggiore di
Lavoro: 5 consigli per il colloquio perfetto
Reintegrare le persone con disabilità da lavoro con
Nasce SkillsJobs Fair, la prima Fiera Virtuale del