pasta, plate, pastry

La dieta a basso contenuto di carboidrati non ha aumentato il colesterolo LDL, nonostante avesse alti livelli di grassi saturi

Le diete a basso contenuto di carboidrati sono popolari per la perdita di peso e il controllo del diabete. Tuttavia, per la maggior parte degli ultimi 50 anni, gli esperti medici e di salute pubblica hanno invece abbracciato diete a basso contenuto di grassi, preoccupati per gli effetti sulla salute dei grassi saturi sui fattori di rischio cardiovascolare come il colesterolo LDL. Di conseguenza, sono proliferati cibi a basso contenuto di grassi e senza grassi, molti dei quali ricchi di carboidrati trasformati.

Uno studio clinico condotto dal Boston Children’s Hospital, uno degli studi più grandi e rigorosi nel suo genere, ora sfida questo pensiero. Dimostra che le diete a basso contenuto di carboidrati, anche se più ricche di grassi saturi, producono profili cardiovascolari e metabolici migliori rispetto alle diete a basso contenuto di grassi e ad alto contenuto di carboidrati. I risultati sono stati pubblicati online il 28 settembre dall’American Journal of Clinical Nutrition .

“Sorprendentemente, la dieta a basso contenuto di carboidrati non ha influito negativamente sul colesterolo LDL (“cattivo”), nonostante abbia livelli di grassi saturi di gran lunga superiori alle attuali raccomandazioni”, afferma David Ludwig, MD, PhD , che ha guidato lo studio insieme al primo autore Cara Ebbeling, PhD .

Carboidrati, insulino-resistenza e malattie

Mentre il colesterolo LDL alto è il tradizionale fattore di rischio per le malattie cardiache, un gruppo di altri fattori di rischio è sempre più legato sia alle malattie cardiache che al diabete: alti trigliceridi, basso colesterolo HDL (“buono”), ipertensione, glicemia alta, infiammazione cronica, tendenza alla coagulazione del sangue e fegato grasso.

Questi fattori sono i segni distintivi della sindrome metabolica, nota anche come sindrome da insulino-resistenza perché le cellule del corpo perdono la loro sensibilità ai segnali dell’insulina per assorbire gli zuccheri dal sangue. Prove crescenti implicano un aumento del consumo di carboidrati, in particolare i carboidrati altamente lavorati come i cereali raffinati e gli zuccheri aggiunti.

Man mano che le persone passano a diete a basso contenuto di grassi, i carboidrati costituiscono sempre di più ciò che mangiamo. Questo è uno dei motivi per cui la sindrome metabolica è in aumento, mentre l’obesità rimane un’epidemia.

Confronto tra diete a basso contenuto di carboidrati e a basso contenuto di grassi

Ebbeling e Ludwig volevano testare l’idea che una dieta a basso contenuto di carboidrati avrebbe migliorato i profili di rischio cardiometabolico delle persone rispetto a una dieta a basso contenuto di grassi. In collaborazione con la Framingham State University, hanno arruolato 164 adulti con sovrappeso o obesità che avevano perso il 10-14% del loro peso corporeo con una dieta ipocalorica.

I partecipanti hanno quindi seguito una delle tre diete di mantenimento per la perdita di peso per cinque mesi, assegnate a caso:

  • Dieta a basso contenuto di carboidrati (20 percento di carboidrati, 60 percento di grassi, 20 percento di proteine)
  • Dieta moderata di carboidrati (40 percento di carboidrati, 40 percento di grassi, 20 percento di proteine)
  • Dieta ricca di carboidrati (60 percento di carboidrati, 20 percento di grassi, 20 percento di proteine)

Tutti i partecipanti hanno ricevuto pasti completamente preparati e personalizzati che potevano consumare nelle mense o portare con sé. Questo protocollo ha assicurato che si attenessero alle diete, a differenza di molti altri studi che forniscono solo linee guida nutrizionali alle persone.

“Avevamo un servizio di ristorazione commerciale che forniva più di 100.000 pasti, su misura per le esigenze caloriche di ciascun partecipante”, afferma Ebbeling. “I pasti sono stati progettati per mantenere i partecipanti allo stesso peso durante i cinque mesi, in modo che tutto ciò che abbiamo visto in questo studio fosse indipendente dalla perdita di peso”.

In tutte e tre le diete, il 35% dei grassi consumati era costituito da grassi saturi. Ciò significava che la dieta a basso contenuto di carboidrati aveva tre volte i grassi saturi della dieta ad alto contenuto di carboidrati (21 contro 7 percento), ben al di sopra della gamma delle raccomandazioni attuali.

Ma da notare che la dieta a basso contenuto di carboidrati non era una dieta chetogenica, una dieta restrittiva a bassissimo contenuto di carboidrati e molto ricca di grassi in cui i carboidrati in genere costituiscono meno del 10% delle calorie.  

“La dieta a basso contenuto di carboidrati meno ristretta che abbiamo studiato è pragmatica”, afferma Ludwig. “C’è ancora spazio per frutta intera, tutte le verdure non amidacee che vuoi, fagioli e piccole quantità di cereali”.

I vantaggi di limitare i carboidrati

Rispetto alle diete ad alto contenuto di carboidrati e a basso contenuto di grassi, la dieta a basso contenuto di carboidrati ha migliorato i profili di una serie di lipidi nel sangue correlati alle malattie cardiovascolari e all’insulino-resistenza. Ha anche aumentato l’adiponectina, un ormone prodotto dalle cellule adipose che promuove la sensibilità all’insulina e protegge dall’aterosclerosi (la formazione di placche di grasso nelle arterie).

“Abbiamo anche scoperto che la dieta a basso contenuto di carboidrati riduce la lipoproteina (a), un fattore di rischio sottovalutato per aterosclerosi, malattie cardiache e ictus che in precedenza non si pensava fosse influenzato dalla dieta”, afferma Ludwig.

In particolare, la lipoproteina (a) è diminuita in media di quasi il 15% con la dieta a basso contenuto di carboidrati, rispetto a una riduzione del 2% con la dieta a moderato contenuto di carboidrati e un leggero aumento dello 0,2 percento con la dieta ad alto contenuto di carboidrati.

In un commento correlato, pubblicato di recente , Ludwig, Ebbeling e i loro colleghi implicano specificamente che i carboidrati raffinati, non le calorie in eccesso, alimentano l’epidemia di obesità. Alimenti come pane bianco, riso bianco, la maggior parte dei cereali per la colazione e snack altamente trasformati causano picchi di zucchero nel sangue e insulina che rallentano il metabolismo, aumentano la fame e preparano il terreno per l’aumento di peso, scrivono gli autori. 

E i bambini?

Sebbene la sperimentazione clinica sia stata condotta su adulti, le diete a basso contenuto di carboidrati sono appropriate per i bambini, afferma Ludwig. Ai bambini che arrivano alla clinica Optimal Wellness for Life (OWL) del Boston Children’s possono essere prescritte diete con proporzioni ridotte di carboidrati a seconda delle loro esigenze individuali. Anche i cardiologi pediatrici stanno iniziando ad abbracciare diete a basso contenuto di carboidrati.

“Le radici delle malattie cardiache sono piantate durante l’infanzia”, ​​afferma Ludwig. “Un cambiamento moderato ora potrebbe portare a un enorme beneficio quando i bambini raggiungono la mezza età, e se stabilisci presto abitudini sane, è più probabile che si attacchino. Stiamo cercando di cambiare la traiettoria della vita del rischio di malattie cardiache”.

Questo studio è stato finanziato dalla Nutrition Science Initiative (tramite Arnold Ventures e la Robert Lloyd Corkin Charitable Foundation), New Balance Foundation, Many Voices Foundation, Blue Cross Blue Shield e National Institute of Diabetes and Digestive and Kidney Diseases (K24DK082730).

Informazioni sull’ospedale pediatrico di Boston

Il Boston Children’s Hospital  è classificato come  l’ospedale pediatrico numero 1 della nazione da US News & World Report ed è il principale affiliato di insegnamento pediatrico della Harvard Medical School. Sede della più grande impresa di ricerca del mondo con sede in un centro medico pediatrico, le sue scoperte hanno beneficiato sia i bambini che gli adulti dal 1869. Oggi, 3.000 ricercatori e personale scientifico, tra cui 9 membri della National Academy of Sciences, 23 membri della National Academy of Medicine e 12 Howard Hughes Medical Investigators costituiscono la comunità di ricerca di Boston Children. Fondato come ospedale pediatrico da 20 posti letto, il Boston Children’s è ora un centro completo da 415 posti letto per l’assistenza sanitaria pediatrica e adolescenziale. Per ulteriori informazioni, visita le nostre risposte  blog e seguici sui social media @BostonChildrens , @BCH_Innovation , Facebook e YouTube . 

Related Posts
Photo by Jay Wennington on Unsplash
Meglio prediligere la pasta al riso e una cottura al dente, attenzione però ai sughi! In un anno particolare come quello che si appresta a concludersi, persino il Natale verrà vissuto ...
READ MORE
Carboidrati a Natale: stop ai falsi miti, con