atmosphere, ozone, sphere

Secondo una nuova ricerca, un accordo internazionale per proteggere lo strato di ozono dovrebbe prevenire 443 milioni di casi di cancro della pelle e 63 milioni di casi di cataratta per le persone nate negli Stati Uniti entro la fine di questo secolo.

Il team di ricerca, composto da scienziati del National Center for Atmospheric Research (NCAR), ICF Consulting e US Environmental Protection Agency (EPA), si è concentrato sugli impatti di vasta portata di un trattato storico del 1987 noto come Protocollo di Montreal e successivi emendamenti che lo ha sostanzialmente rafforzato. L’accordo ha eliminato gradualmente l’uso di sostanze chimiche come i clorofluorocarburi (CFC) che distruggono l’ozono nella stratosfera.

L’ozono stratosferico protegge il pianeta dai livelli dannosi delle radiazioni ultraviolette (UV) del Sole, proteggendo la vita sulla Terra.

Per misurare gli effetti a lungo termine del Protocollo di Montreal, gli scienziati hanno sviluppato un approccio di modellazione al computer che ha permesso loro di guardare sia al passato che al futuro simulando l’impatto del trattato sugli americani nati tra il 1890 e il 2100. La modellazione ha rivelato l’effetto del trattato sull’ozono stratosferico, le relative riduzioni delle radiazioni ultraviolette e i conseguenti benefici per la salute. 

Oltre al numero di casi di cancro della pelle e cataratta evitati, lo studio ha anche dimostrato che il trattato, come modificato di recente, preverrà circa 2,3 milioni di decessi per cancro della pelle negli Stati Uniti

“È molto incoraggiante”, ha affermato la scienziata NCAR Julia Lee-Taylor, co-autrice dello studio. “Dimostra che, data la volontà, le nazioni del mondo possono unirsi per risolvere i problemi ambientali globali”.

Lo studio, finanziato dall’EPA, è stato pubblicato su ACS Earth and Space Chemistry. NCAR è sponsorizzato dalla National Science Foundation.

Preoccupazioni crescenti per lo strato di ozono

Gli scienziati negli anni ’70 hanno iniziato a evidenziare la minaccia allo strato di ozono quando hanno scoperto che i CFC, usati come refrigeranti e in altre applicazioni, rilasciano atomi di cloro nella stratosfera che innescano reazioni chimiche che distruggono l’ozono. Le preoccupazioni aumentarono nel decennio successivo con la scoperta di un buco nell’ozono antartico.

La perdita di ozono stratosferico sarebbe catastrofica, poiché alti livelli di radiazioni UV sono stati collegati ad alcuni tipi di cancro della pelle, cataratta e disturbi immunologici. Lo strato di ozono protegge anche gli ecosistemi terrestri e acquatici, nonché l’agricoltura.

I responsabili politici hanno risposto alla minaccia con il Protocollo di Montreal del 1987 sulle sostanze che riducono lo strato di ozono, in cui le nazioni hanno deciso di ridurre l’uso di determinate sostanze che distruggono l’ozono. Le successive modifiche hanno rafforzato il trattato ampliando l’elenco delle sostanze che distruggono l’ozono (come halon e idroclorofluorocarburi o HCFC) e accelerando i tempi per la graduale eliminazione del loro uso. Gli emendamenti si basavano sui contributi della comunità scientifica, tra cui un certo numero di scienziati NCAR, che sono stati riassunti nei rapporti quadriennali di valutazione dell’ozono.

Per quantificare gli impatti del trattato, il team di ricerca ha costruito un modello noto come Atmospheric and Health Effects Framework. Questo modello, che attinge a varie fonti di dati sull’ozono, la salute pubblica e la demografia della popolazione, consiste in cinque fasi computazionali. Questi simulano le emissioni passate e future di sostanze che distruggono l’ozono, l’impatto di tali sostanze sull’ozono stratosferico, i conseguenti cambiamenti nelle radiazioni UV a livello del suolo, l’esposizione della popolazione degli Stati Uniti alle radiazioni UV e l’incidenza e la mortalità degli effetti sulla salute derivanti dal esposizione.

I risultati hanno mostrato che i livelli di radiazione UV sono tornati ai livelli del 1980 entro la metà degli anni ’40 in base al trattato modificato. Al contrario, i livelli di UV avrebbero continuato ad aumentare nel corso di questo secolo se il trattato non fosse stato modificato e sarebbero aumentati notevolmente senza alcun trattato. 

Anche con gli emendamenti, le simulazioni mostrano casi eccessivi di cataratta e vari tipi di cancro della pelle che iniziano a verificarsi con l’inizio della riduzione dell’ozono e raggiungono il picco decenni dopo l’invecchiamento della popolazione esposta ai livelli UV più elevati. I nati tra il 1900 e il 2040 sperimentano un aumento dei casi di cancro della pelle e cataratta, con i peggiori esiti di salute che colpiscono i nati tra il 1950 e il 2000 circa.

Tuttavia, gli impatti sulla salute sarebbero stati molto più gravi senza il trattato, con casi di cancro della pelle e cataratta in aumento a un ritmo sempre più rapido nel corso del secolo. 

“Ci siamo staccati dal disastro”, ha detto Lee-Taylor. “Ciò che fa saltare gli occhi è ciò che sarebbe successo entro la fine di questo secolo se non fosse stato per il Protocollo di Montreal. Entro il 2080, la quantità di UV è triplicata. Dopodiché, i nostri calcoli per gli impatti sulla salute iniziano a rompersi perché ci stiamo avvicinando a condizioni mai viste prima”.

Il team di ricerca ha anche scoperto che più della metà dei benefici per la salute del trattato potrebbero essere ricondotti agli emendamenti successivi piuttosto che al protocollo originale di Montreal del 1987. Nel complesso, il trattato ha prevenuto oltre il 99% dei potenziali impatti sulla salute che si sarebbero altrimenti verificati dalla distruzione dell’ozono. Ciò ha dimostrato l’importanza della flessibilità del trattato nell’adattarsi all’evoluzione delle conoscenze scientifiche, hanno affermato gli autori.

I ricercatori si sono concentrati sugli Stati Uniti a causa del facile accesso ai dati sanitari e alle proiezioni della popolazione. Lee-Taylor ha affermato che gli esiti sanitari specifici in altri paesi possono variare, ma le tendenze generali sarebbero simili.

“Il trattato ha avuto ampi benefici globali”, ha affermato.