La segnalazione dell’EGFR stabilizza COL17A1 attraverso l’induzione di TIMP1, necessaria per la motilità cellulare coordinata dalle reti di filamenti di actina e cheratina. Il declino associato all’età della segnalazione EGFR si traduce in una ridotta riepitelizzazione e rigenerazione della pelle. MP, metalloproteinasi.
CREDITO: Dipartimento di biologia delle cellule staminali, TMDU

Le cellule staminali della pelle si muovono per una migliore rigenerazione della pelle

I ricercatori della Tokyo Medical and Dental University (TMDU) hanno scoperto che il movimento delle cellule staminali della pelle può aiutare la pelle a rigenerarsi. 

Tokyo, Giappone – Anche se a volte è difficile da accettare, con l’invecchiamento molte cose nel nostro corpo cambiano. Uno di questi è la capacità della pelle di rigenerarsi. La pelle vecchia non è brava quanto la pelle giovane a guarire le ferite. Tuttavia, i meccanismi molecolari e cellulari alla base di questo sono in gran parte sconosciuti. Ora, i ricercatori giapponesi hanno identificato un meccanismo per spiegare perché ciò accade e potenzialmente come può essere risolto.

In uno studio pubblicato questo mese sul Journal of Cell Biology , i ricercatori della Tokyo Medical and Dental University (TMDU) hanno rivelato che la capacità delle cellule staminali della pelle di riparare la pelle dopo una lesione può essere collegata alla loro capacità di muoversi verso la lesione. 

Le cellule staminali della pelle, chiamate anche cellule staminali dei cheratinociti, sono responsabili della rigenerazione della pelle e della chiusura della ferita attraverso un processo chiamato riepitelizzazione. “Esperimenti di imaging dal vivo e di simulazione al computer hanno mostrato che la motilità delle cellule staminali della pelle umana è accoppiata con la loro capacità proliferativa e rigenerativa e le vecchie cellule staminali della pelle hanno una motilità significativamente ridotta”, spiega Daisuke Nanba, autore principale dello studio. 

Per comprendere i meccanismi alla base di questa ridotta motilità nelle vecchie cellule staminali, i ricercatori hanno confrontato la guarigione delle ferite e la capacità proliferativa delle cellule staminali della pelle derivate da topi giovani (12 settimane) e topi anziani (19-25 mesi). Gli esperimenti hanno mostrato che una molecola specifica, chiamata EGFR (Epidermal Growth Factor Receptor), guida la motilità delle cellule staminali della pelle e che la segnalazione di EGFR è ridotta nelle vecchie cellule staminali. L’EGFR agisce prevenendo la degradazione di un tipo specifico di collagene, COL17A1, necessario per tenere uniti gli strati della pelle. 

È interessante notare che COL17A1 coordina il movimento delle cellule staminali della pelle verso la lesione regolando le reti di filamenti di actina e cheratina nelle cellule. I ricercatori hanno scoperto che con l’età si verifica una diminuzione della segnalazione dell’EGFR, che porta a livelli più bassi di COL17A1 e cellule staminali della pelle con mobilità ridotta che sono meno in grado di riepitelizzare la pelle. 

Con l’età avanzata, una ridotta capacità di guarigione delle ferite cutanee è associata allo sviluppo dei cosiddetti disturbi cronici non cicatrizzanti, come le ulcere diabetiche e le piaghe da decubito. “Sebbene siano ancora necessarie ulteriori indagini, stabilizzare il COL17A1 regolandone la proteolisi è un approccio terapeutico promettente per migliorare il declino della rigenerazione della pelle osservato con l’età che spesso porta a problemi gravi come le ulcere”, afferma Emi Nishimura, autore senior dello studio. Questa ricerca getta ulteriore luce sui meccanismi alla base della guarigione delle ferite e può portare allo sviluppo di nuovi trattamenti terapeutici per migliorare la capacità rigenerativa della pelle.

L’articolo “La motilità delle cellule staminali epidermiche mediata da EGFR guida la rigenerazione della pelle attraverso la proteolisi COL17A1” è stato pubblicato sul Journal of Cell Biology all’indirizzo doi.org/10.1083/jcb.202012073 .